Home Gli articoli dei nostri autori Lavori di manutenzione straordinaria in condominio, l’amministratore può commissionarli in autonomia?

Lavori di manutenzione straordinaria in condominio, l’amministratore può commissionarli in autonomia?

L’amministratore può commissionare lavori di manutenzione straordinaria? No, a meno che non siano urgenti... ma cosa si intende per "urgenti"?

150
manutenzione straordinaria condominio

L’amministratore di condominio può commissionare di sua iniziativa lavori di manutenzione straordinaria oppure no? Chi ha il potere decisionale in questo caso? Ci sono particolari circostanze che garantiscono eccezioni alla regola? Vediamolo.

Lavori di manutenzione straordinaria: potere decisionale

L’amministratore non può ordinare lavori di manutenzione straordinaria, salvo che rivestano carattere urgente, ma in questo caso deve riferirne nella prima assemblea (c.c. 1135 c.c, secondo comma).

Qualora l’amministratore, avvalendosi dei poteri di cui all’art. 1135 comma 2 c.c., abbia assunto l’iniziativa di compiere opere di manutenzione straordinaria caratterizzate dall’urgenza, ove questa effettivamente ricorra ed egli abbia speso, nei confronti dei terzi, il nome del condominio, quest’ultimo deve ritenersi validamente rappresentato e l’obbligazione è direttamente riferibile al condominio.

>> Vorresti ricevere notizie come questa? Clicca qui, è gratis

Laddove invece i lavori eseguiti da terzi su disposizione dell’amministratore non posseggano il requisito dell’urgenza, il relativo rapporto obbligatorio non è riferibile al condominio, trattandosi di atto posto in essere dell’amministratore al di fuori delle sue attribuzioni, attesa la rilevanza “esterna” delle disposizioni di cui agli artt. 1130 e 1135 comma 2 c.c.

La Cassazione ha precisato che, qualora l’amministratore, avvalendosi dei poteri di cui all’art. 1135, comma 2, c.c., abbia disposto, in assenza di previa delibera assembleare, lavori di straordinaria amministrazione, la relativa obbligazione è riferibile al condominio ove l’amministratore ne abbia speso il nome e quei lavori siano caratterizzati dall’urgenza, mentre, in mancanza di quest’ultimo requisito, non è configurabile alcun diritto di rivalsa o regresso del condominio medesimo, atteso che il relativo rapporto obbligatorio non gli è riferibile, trattandosi di atto posto in essere dell’amministratore al di fuori delle sue attribuzioni” (Cass. civ., sez. II, 02/02/2017, n. 2807).

Leggi anche Superbonus e Condominio: guida operativa 2022-2025

Del resto, il principio secondo cui l’atto compiuto, benché irregolarmente, dall’organo di una società resta valido nei confronti dei terzi che abbiano ragionevolmente fatto affidamento sull’operato e sui poteri dello stesso, non trova applicazione in materia di condominio.

In mancanza del requisito dell’urgenza, le iniziative adottate dall’amministratore in merito a lavori straordinari non creano obbligazioni per i condomini, nel senso che non li vincolano al pagamento né verso l’amministratore né verso l’impresa che ha eseguito i lavori. Quest’ultima, infatti, ha l’onere di accertarsi preventivamente circa i pieni poteri dell’amministratore a conferire l’incarico: se non lo fa, non può poi far ricadere sui condomini le conseguenze della propria negligenza.

Il concetto di urgenza

Alla luce di quanto sopra si può affermare che, in presenza dell’urgenza, l’assemblea non può rimproverare nulla all’amministratore. In tali circostanze – ossia in seguito all’ordine di esecuzione di intervento manutentivo urgente – l’assemblea può semplicemente prendere atto dell’operato dell’amministratore.

È importante chiarire che il carattere di urgenza di cui alla disposizione citata comporta che vi sia una inderogabilità e indifferibilità dei lavori stessi e che la mancata esecuzione degli stessi possa potenzialmente cagionare un danno al condominio o ai suoi occupanti. L’urgenza deve essere commisurata alla necessità di evitare che una parte condominiale arrechi ai condomini o a terzi un danno ragionevolmente imminente, ovvero alla necessità di restituire alla cosa comune la sua piena ed effettiva funzionalità (Cass. civ., sez. II, 23/09/2016, n. 18759).

Così non ci possono essere dubbi sul fatto che siano urgenti i lavori commissionati dall’amministratore ad un’impresa per realizzare opere di riparazioni per i danni di una tromba d’aria che ha causato, oltre alla caduta di un pino secolare sul tetto del palazzo, anche lo scoperchiamento del tetto medesimo e vari danni agli appartamenti (Trib. Firenze 16 settembre 2022 n. 2539). Se però le problematiche relative alla facciata condominiale sono state rilevate svariati mesi prima degli interventi e vi sono state diverse assemblee senza delibere idonee a risolvere i problemi, si deve escludere che la situazione presenti un’urgenza tale da consentire all’amministratore di agire ai sensi del secondo comma dell’articolo 1135 c.c.

Leggi anche È sempre possibile realizzare dei fori sulla facciata condominiale?

E se l’assemblea vuole “graziare l’amministratore che ha sbagliato? Nulla impedisce all’assemblea dei condomini, pur in mancanza di una preventiva approvazione del progetto di spesa per opere di manutenzione ordinaria e straordinaria delle come comuni, di approvare necessariamente le spese fatte dall’amministratore nell’interesse comune.

L’art. 1135, comma 2, c.c., infatti, non contiene l’espresso divieto di rimborsare le spese non urgenti, non contemplate in un preventivo approvato (a differenza delle spese fatte dal condomino per le cose comuni senza autorizzazione ex art. 1134 c.c.). In ogni caso è certamente consentito all’assemblea di approvare successivamente anche le varianti delle opere di manutenzione straordinarie appaltate, comportanti un aumento delle spese medesime, disponendone il rimborso, trattandosi di delibera riconducibile fra le attribuzioni conferitele dall’art. 1135 c.c.

Articolo di Giuseppe Bordolli, consulente legale condominialista 

Consigliamo la nuova uscita:

Condominio e superbonus: guida operativa - eBook in pdf

Condominio e superbonus: guida operativa - eBook in pdf

Aliquota del 110 per cento Superbonus solo per i condomini di qui alla fine del 2023. Poi detrazione a scalare del 75 per cento nel 2024 e del 65 per cento nel 2025.

Per chi non ha ancora deciso si avvicina il momento della verità se si vuol usufruire della detrazione. In vista delle prossime assemblee ecco tutto quello che occorre sapere alla luce dalle ultime modifiche alla legge e delle indicazioni dell’Agenzia delle Entrate sull’applicazione dell’agevolazione.

Questa guida operativa, rivolta ai tecnici, agli amministratori di condominio e ai condomini, offre un quadro chiaro e completo della situazione 2022-2025, trattando i seguenti argomenti:
• Interventi trainanti e trainati
• Parti comuni
• Regolarità edificio
• Regolarità imprese e SOA
• General Contractor
• Maggioranza per le delibere
• Casi di perdita dell’agevolazione
• Lavori trainati in casa
• Domande & Risposte
• Norme di legge

Lisa De Simone
Esperta in materia legislativa, si occupa di disposizioni normative e di giurisprudenza di interesse per il cittadino. Collabora da anni con Maggioli Editore, curando alcune rubriche on line di informazione quotidiana con particolare attenzione alle sentenze della Corte di Cassazione in materia fiscale e condominiale.
Leggi descrizione
Lisa De Simone, 2022, Maggioli Editore
16.90 € 16.06 €

E questi utili manuali sul condominio, indispensabili per chi vuole (o deve) essere sempre aggiornato sulle tematiche condominiali:

Immagine: iStock/LightFieldStudios


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here