Home Gli articoli dei nostri autori Pannelli fotovoltaici in centro storico? Ok all’installazione in edilizia libera

Pannelli fotovoltaici in centro storico? Ok all’installazione in edilizia libera

A stabilirlo il decreto del MiTE che dà attuazione alle norme previste dal decreto energia. Ma attenzione ci sono delle condizioni da rispettare. Ecco quali

1779
Pannelli fotovoltaici centro storico

Pannelli fotovoltaici in edilizia libera e senza autorizzazioni comunali anche quando si tratta di edifici del centro storico, purché non si tratti di immobili vincolati dalle Belle Arti.

Nessun problema e nessuna autorizzazione necessaria, invece, quando si tratta dei classici tetti con le tegole o coperti con gli altri materiali tipici dei luoghi.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

A stabilirlo il decreto del MiTE che dà attuazione alle norme previste dal decreto energia. Con una novità, quella, appunto, della quasi totale liberalizzazione dell’installazione nei centri storici.

Leggi anche: Nuova pergola verde fotovoltaica? Doppio bonus da sfruttare

Edilizia libera e manutenzione ordinaria

Il decreto Energia approvato ad aprile (dl 17/2022) aveva stabilito una fondamentale liberalizzazione per l’installazione dei nuovi impianti prevedendo la possibilità di realizzare quelli fino a 200 kW in regime semplificato, ossia con le stesse regole in precedenza in vigore per gli impianti fino a 50 kW.  Quindi anche per gli impianti fino a questa potenza, tranne quelli da installare su edifici vincolati, si tratta di:

  • interventi in edilizia libera;
  • interventi soggetti solo alla Comunicazione Unica.

Previsto per questo un nuovo modello di Comunicazione Unica, che è stato finalmente con il decreto del MiTE. Il modello potrà essere utilizzato non appena il decreto stesso verrà pubblicato sul sito del Ministero.

Potrebbe interessarti: Bando Parco Agrisolare per fotovoltaico su edifici agro-zootecnici: domande dal 27 settembre

Solo impianti sugli edifici

Il modello unico semplificato è utilizzabile per tutti gli interventi relativi agli  impianti fotovoltaici, non solo per nuova realizzazione, ma anche per modifica, potenziamento, connessione ed esercizi.

Riguarda comunque solo impianti solari fotovoltaici da realizzare su edifici o su strutture e manufatti fuori terra, e relative  pertinenze, purché come detto, di potenza nominale complessiva fino a 200 kW.

Nessuna liberalizzazione, invece, in caso di consumo del suolo.

Leggi anche: Impianti fotovoltaici in edilizia libera: modello unico semplificato fino a 200 kW

Sì ai pannelli nei centri storici in caso di tetti a tegole

Quanto alla possibilità di intervenire anche su immobili vincolati e su quelli nei centri storici, il decreto conferma l’obbligo di ottenere le autorizzazioni comunali per installare gli impianti solari fotovoltaici installati in aree o su immobili vincolati individuati mediante apposito provvedimento amministrativo.

Viene invece messo nero su bianco che non sono richieste autorizzazioni anche nel centro storico e su immobili vincolati:

  • nel caso in cui i pannelli siano integrati nelle coperture;
  • non siano visibili dagli spazi pubblici esterni e dai punti di vista panoramici;
  • ovvero nel caso in cui i manti delle coperture siano realizzati in materiali della tradizione locale.

Dal testo letterale delle norme, dunque, risoluta che l’installazione nei centro storici è sempre ammessa anche quando si tratta di intervenire sui classici tetti con le tegole.

Potrebbe interessarti: Calcolo credito imposta energia e gas: un tool Excel di verifica requisiti per il consumo aziendale

Consigliamo

Foto:iStock.com/Tsvetan Ivanov


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here