X

Concorso Comune Napoli, 275 posti per tecnici (diplomati e laureati): i bandi

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale i bandi relativi al tanto atteso Concorso Comune di Napoli per quasi 1400 posti, di cui 275 per professionisti tecnici, diplomati e laureati. Sarà possibile fare domanda fino al prossimo 8 settembre.

Delle quasi 1394 assunzioni totali (più di 1000 a tempo pieno e indeterminato), 762 si collocano in categoria C (diplomati) e 577 in categoria D (laureati), mentre 55 sono per dirigenti. Alcuni dei posti messi a concorso saranno destinati alla Città Metropolitana di Napoli.

>> Ti interessano notizie come questa e vorresti riceverle direttamente? Clicca qui, è gratis

Ai professionisti tecnici sono destinati 140 posti da Istruttore Tecnico (categoria C, 135 a tempo indeterminato, 5 a tempo determinato), 111 posti da Istruttore Direttivo Tecnico (categoria D, 87 a tempo indeterminato, 24 a tempo determinato) e 24 posti da Dirigente Area Tecnica (a tempo pieno e indeterminato)

Concorso Comune Napoli, tecnici: requisiti

Oltre ai requisiti di carattere generale, per la partecipazione al concorso è necessario possedere alcuni requisiti specifici, che riguardano in particolare il titolo di studio richiesto.

Per i 140 posti da Istruttore Tecnico (Codice TEC/C): diploma di istruzione Secondaria di secondo grado (diploma quinquennale di scuola media superiore) di: geometra, perito edile, perito chimico, perito agrario o diploma di maturità rilasciato da Istituto tecnico industriale o da Istituto professionale per l’industria e l’artigianato che consenta l’iscrizione ad una facoltà universitaria ovvero titolo di studio superiore, Diploma di Laurea in Architettura o Ingegneria o equipollente.

>> Scarica qui il bando per i posti di categoria C (diplomati)

Per i 111 posti da Istruttore Direttivo Tecnico (Codice TEC/D): Laurea (L) appartenente alle seguenti classi: L-7 ingegneria civile e ambientale, L-17 scienze dell’architettura, L-21 scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale, (L34) scienze geologiche, L- 9 Ingegneria industriale, L-23 Scienze e tecniche dell’edilizia, ovvero Diploma di laurea (DL) in: Ingegneria civile; Ingegneria edile; Architettura; Ingegneria edilearchitettura; Ingegneria per l’ambiente e il territorio; Pianificazione territoriale e urbanistica; Pianificazione territoriale, urbanistica e ambientale; Urbanistica o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente.

>> Scarica qui il bando per i posti di categoria D (laureati)

Leggi anche Istruttore Tecnico e Istruttore Direttivo Tecnico: gli altri concorsi attivi

Per i 24 posti da Dirigente Area Tecnica: Diplomi di Laurea (DL) almeno quadriennale (vecchio ordinamento), ovvero laurea specialistica (LS) (D.M. 3 novembre 1999, n. 509), ovvero laurea magistrale (LM) (D.M. 22 ottobre 2004, n. 270), in: Architettura, Ingegneria, Pianificazione territoriale e urbanistica, Pianificazione territoriale, urbanistica e ambientale, Scienze ambientali, Scienze Agrarie, Scienze Forestali, Scienze Forestali e Ambientali, Scienze geologiche, Urbanistica, ovvero titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente. Essere in possesso, altresì, dell’abilitazione all’esercizio della professione. Inoltre è necessario trovarsi in una delle seguenti posizioni:

  • essere dipendenti di ruolo delle pubbliche amministrazioni, muniti del diploma di laurea (DL/LS/LM), che abbiano compiuto almeno cinque anni di servizio, svolti in posizioni funzionali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del Diploma di Laurea. Per i dipendenti reclutati a seguito di corso-concorso, il periodo di servizio è ridotto a 4 anni;
  • essere dipendenti di ruolo nelle pubbliche amministrazioni, in possesso del dottorato di ricerca o del diploma di specializzazione conseguito presso le Scuole di Specializzazione individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ed aver compiuto almeno tre anni di servizio, svolti in posizioni funzionali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del dottorato di ricerca o del diploma di laurea;
  • essere in possesso della qualifica di dirigente in enti e strutture pubbliche non ricomprese nel campo di applicazione dell’articolo 1, comma 2, del D.Lgs n. 165/2001, muniti del diploma di laurea, che abbiano svolto per almeno due anni le funzioni dirigenziali;
  • aver ricoperto incarichi dirigenziali o equiparati in amministrazioni pubbliche per un periodo non inferiore a cinque anni, purché muniti del diploma di laurea;
  • essere cittadini italiani che hanno svolto servizio continuativo per almeno quattro anni presso enti o organismi internazionali in posizioni funzionali apicali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del diploma di laurea.

>> Scarica qui il bando per i posti da dirigente

Concorso Comune Napoli: domanda

La domanda di partecipazione può essere inviata, dal 10 agosto all’8 settembre 2022, compilando l’apposito modulo online disponibile sul sito del Comune di Napoli, attraverso SPID, CIE o CNS.

Per la partecipazione è necessario essere in possesso di una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC), ed è richiesto il versamento della quota di partecipazione di 10,33 euro.

Concorso Comune Napoli: prove di selezione

Il concorso si articola nelle seguenti fasi:

  • eventuale prova preselettiva;
  • prova scritta consistente nella risoluzione di quesiti a risposta multipla;
  • prova orale consistente in un colloquio interdisciplinare per la verifica della conoscenza delle materie specifiche per ogni profilo e della lingua inglese.

Per la preselettiva consigliamo

Concorso Comune Napoli 1339 posti Vari profili Cat. C e D - Prova preselettiva

Il volume si presenta come utile strumento di preparazione alla prova preselettiva dei bandi di concorso indetti dal Comune di Napoli per 1339 posti (Cat. C e D).

La selezione consisterà in un test di 60 domande da risolvere in 60 minuti, così suddivise:
- 20 attitudinali sulla capacità logico-deduttiva, sul ragionamento logico-matematico e critico-verbale;
- 40 quesiti sulle materie: Diritto costituzionale (con particolare riferimento al Titolo V della Costituzione), Diritto amministrativo (con particolare riferimento alla normativa su accesso, trasparenza e anticorruzione e sulla disciplina del lavoro pubblico), Diritto degli enti locali.

Il testo presenta una trattazione chiara e completa su tutte le materie oggetto della prova, ovvero:
› Diritto costituzionale;
› Diritto amministrativo;
› Pubblico impiego;
› Trasparenza, anticorruzione e privacy;
› Diritto degli enti locali.

L’ultima parte contiene una selezione di quiz di logica FORMEZ assegnati nei concorsi degli ultimi anni, suddivisi per tipologia e argomento.

Accanto a ogni tipologia di quiz è riportato il riferimento alla videolezione con cui poter approfondire l’argomento oggetto di domanda e imparare le tecniche di risoluzione per affrontare i quesiti.

Nella sezione online collegata, raggiungibile seguendo le istruzioni riportate in fondo al libro, sono disponibili anche:
- simulatore di quiz sulle materie oggetto della prova, per allenarsi e simulare il test;
- Videolezioni di logica a cura di Giuseppe Cotruvo (a breve disponibili nuove lezioni sulle nuove tipologie di quiz Formez).

Giuseppe Cotruvo
È uno dei più conosciuti e apprezzati esperti nazionali di didattica e manualistica concorsuale: vanta un’esperienza ultradecennale nell’insegnamento della quizzistica di logica ed è autore di decine di manuali editi da Maggioli.
Luigi Tramontano
Giurista, autore di numerose pubblicazioni giuridiche e curatore di banche dati legislative, già docente a contratto presso la
Scuola di Polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza.
Giuseppe Cotruvo, Luigi Tramontano, 2022, Maggioli Editore
34.00 € 32.30 €

Per la preparazione alle prove successive consigliamo

Immagine: iStock/Laz@Photo