Home Gli articoli dei nostri autori Cassa integrazione per aumento temperature cantieri. Le indicazioni INAIL e INPS

Cassa integrazione per aumento temperature cantieri. Le indicazioni INAIL e INPS

Come presentare la domanda di Cassa Integrazione Ordinaria all 'INPS e gli accorgimenti da seguire, illustrati nelle linee guida INAL sulla gestione rischio caldo

65
cassa integrazione aumento temperature cantieri

L’aumento delle temperature climatiche può compromettere il regolare svolgimento dell’attività lavorativa, soprattutto quando si tratta di mansioni che espongono il lavoratore a rischi particolarmente elevati.

Ad esempio, è il caso dei lavori di stesura del manto stradale e delle lavorazioni da effettuare all’esterno come interventi sulle facciate e sui tetti delle costruzioni, o in generale, di tutte quelle attività lavorative svolte in luoghi che non possono essere protetti dal sole o che comportano l’utilizzo di materiali o macchinari a temperature superiori ai 35° (anche percepite).

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Per tutelare il lavoratore, INPS e INAIL attraverso un comunicato stampa del 26 luglio 2022, hanno fornito indicazioni circa la gestione del rischio caldo e in che modo è possibile usufruire alla cassa integrazione ordinaria – CIGO in caso di sospensioni o riduzioni dell’attività lavorativa dovute all’aumento delle temperature.

Vediamo nel dettaglio cosa prevedono le direttive INAIL e INPS.

Leggi anche: Formazione sicurezza lavoro da remoto: in arrivo una guida Inail

Ok alla causale eventi meteo

Le istruzioni sono contenute nella circolare Inps n. 139/2016 e nel messaggio Hermes INPS n. 1856/2017 dove viene anche precisato che sono da considerarsi “elevate” le temperature superiori ai 35° centigradi. Tuttavia, anche temperature inferiori possono essere considerate idonee affinché venga riconosciuta l’integrazione salariale, difatti non solo le temperature registrate dai bollettini meteo ma anche a quelle “percepite” possono essere valide, tenuto conto della particolare tipologia di lavorazione in atto.

L’istituto precisa, inoltre, che la causale “eventi meteo” è invocabile dall’azienda anche in caso di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa a causa delle temperature elevate.

Altra precisazione da fare, è che indipendentemente dalle temperature rilevate nei bollettini, l’INPS riconosce la cassa integrazione ordinaria in tutti i casi in cui il responsabile della sicurezza dell’azienda dispone la sospensione delle lavorazioni in quanto ritiene sussistano rischi o pericoli per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi i casi in cui le sospensioni siano dovute a temperature eccessive.

Non perderti: Formazione sicurezza datore di lavoro, dirigente e preposto: le novità sugli obblighi

Come fare domanda

L’azienda, nella domanda di CIGO e nella relazione tecnica che deve essere allegata alla domanda stessa, deve solo indicare le giornate di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa e specificare il tipo di lavorazione in atto nelle giornate medesime, mentre non è tenuta a produrre dichiarazioni – di Arpal o di qualsiasi altro organismo certificato – che attestino l’entità della temperatura, né a produrre i bollettini meteo.

L’INPS provvede autonomamente ad acquisire d’ufficio i bollettini meteo e a valutarne le risultanze anche in relazione alla tipologia di attività lavorativa in atto.

Per tutte le indicazioni specifiche, le sedi territoriali INPS, competenti a definire l’istruttoria delle domande di cassa integrazione ordinaria, nonché la Direzione centrale ammortizzatori sociali Inps, deputata a fornire le linee di indirizzo e le istruzioni operative in materia, sono a disposizione delle aziende per fornire consulenza e assistenza nella presentazione delle domande e in tutte le fasi che seguono.

Potrebbe interessarti: Aggiornamento TU Sicurezza: ecco il testo con le novità 2022

Gestione rischio caldo. Le linee guida INAIL

A proposito del rischio caldo, INAIL promuove il progetto di ricerca “Worklimate: strategie di intervento per contrastare lo stress termico ambientale in ambito occupazionale”, sviluppato dall’Istituto e dal Consiglio nazionale delle ricerche-Istituto per la BioEconomia (Cnr-Ibe), con la partecipazione delle Aziende Usl Toscana Centro e Toscana Sud Est, del Dipartimento di epidemiologia del Servizio sanitario regionale del Lazio e del Consorzio LaMMA (Laboratorio di monitoraggio e modellistica ambientale per lo sviluppo sostenibile).

Nell’ambito di tale progetto, è stato realizzato un vademecum pronto all’uso, che si rivolge a:

  • lavoratori,
  • datori di lavoro e
  • figure aziendali della salute e sicurezza

Al suo interno vengono elencate le patologie da calore e fattori che contribuiscono alla loro insorgenza, inoltre è presente un decalogo per la prevenzione delle patologie da calore nei luoghi di lavoro.

>> Scarica il Vademecum INAIL sullo stress termico ambientale <<

Consigliamo

Foto:iStock.com/_jure


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here