Home Bonus Edilizia Nuove elezioni: il Superbonus ha le ore contate?

Nuove elezioni: il Superbonus ha le ore contate?

Che fine faranno i crediti incagliati? Una soluzione per questi ultimi potrebbe arrivare a breve. Ecco quale è lo scenario prossimo

1698
Superbonus nuove elezioni

(Aggiornamento del 1° agosto 2022) Superbonus. Che fine farà la detrazione ora che il governo è caduto? C’è qualche rischio per chi sta portando avanti i lavori? Che fine faranno i crediti incagliati? Una soluzione per questi ultimi potrebbe arrivare a breve.

Tempi rapidi per la definitiva conversione in legge del decreto semplificazioni che consente alle banche di cedere ai correntisti con partita IVA i crediti da bonus fiscali acquisiti anche prima del 1° maggio scorso. Il decreto è infatti all’esame dell’Aula del senato per il 2 agosto.

Le norme sono state inserite nell’articolo 40-quater dal titolo “Modifiche alla disciplina dei crediti d’imposta per l’acquisto di energia elettrica e di gas naturale e della cessione del credito d’imposta o dello sconto in fattura“. Il nuovo articolo prevede che “al fine di consentire la corretta applicazione delle disposizioni relative alle comunicazioni della prima cessione o dello sconto in fattura” sia abrogato il comma 3 dell’articolo 57 del decreto-legge n. 50 del 2022.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

La soluzione per questi ultimi, come preannunciato venerdì 22 luglio 2022, è arrivata: con un emendamento al decreto semplificazioni, infatti, il governo ha corretto le misure del decreto Aiuti e ha chiarito che sarà possibile la cessione alle partite IVA anche dei crediti senza il bollino, ossia quelli finora rimasti incagliati.

Eventuali ulteriori modifiche invece spetteranno al governo che nascerà dopo le elezioni.

Leggi anche: Riapertura cessione crediti retroattiva. Ma fino a quando?

Il disbrigo degli “affari correnti”

L’attuale Governo resta operativo solo per gli “affari correnti”. Nella lettera inviata da Draghi ai ministri tra i provvedimenti che dovranno comunque essere portati avanti in questi due mesi prima del voto ci sono quelli collegati all’attuazione del PNRR e del PNC, Piano Nazionale Complementare al PNRR.

In sostanza il governo dovrà occuparsi della messa a punto dei decreti attuativi delle leggi delega già approvate o in via di approvazione in Parlamento legati al PNRR, per evitare di perdere i fondi europei. Per questo tra l’altro è confermato l’esame della delega fiscale e del disegno di legge sulla concorrenza.

Vorresti saperne di più sul PNRR?

Consulta lo speciale

Il decreto legge con le misure urgenti in materia di semplificazioni fiscali

Ma tra i provvedimenti all’esame del Parlamento c’è anche il decreto sulle semplificazioni fiscali. Si tratta di un testo nel quale il Parlamento ha provato a inserire nelle scorse settimane diversi emendamenti proprio per sbloccare la questione della cessione dei crediti.

Questa potrebbe essere la vota buona, visto che lo stesso Draghi ha detto che “Per quanto riguarda le misure per l’efficientamento energetico e più in generale i bonus per l’edilizia intendiamo affrontare le criticità nella cessione dei crediti fiscali, ma al contempo ridurre la generosità dei contributi“.

Per quel che riguarda la riduzione delle aliquote, chiaramente non è ipotizzabile un intervento da parte del governo dimissionario. Potrebbe invece farsi carico dello sblocco dei crediti incagliati. E per questo il decreto semplificazioni potrebbe essere lo strumento giusto.

Non perderti: Ok allo sconto in fattura da parte del professionista che rilascia visto di conformità

Il decreto Aiuti e le norme contraddittorie

L’unico intervento da fare in questo caso sarebbe quello di intervenire sul decreto Aiuti che al momento contiene una norma contraddittoria che sta ancora bloccando tutto. Nel corso dell’esame del provvedimento è stato aggiunto un comma 1-bis all’art. 14 in materia di Superbonus, nel quale si precisa che le norme che consentono alle banche di cedere i crediti alle partite IVA si applicano anche alle comunicazioni inviate prima dell’entrata in vigore della legge di conversione del decreto stesso.

I parlamentari si sono però dimenticati di cancellare il comma 3 dell’art.57 dello stesso decreto che stabilisce che queste disposizioni “ si applicano alle comunicazioni della prima cessione o dello sconto in fattura inviate all’Agenzia delle entrate a partire dal 1° maggio 2022”. Quindi di fatto se non si cancellano queste disposizioni non si risolve il problema perché i crediti incagliati sono proprio quelli precedenti al 1° maggio ossia alla data di entrata in vigore delle disposizioni sul bollino di identificazione.

Leggi anche: Riaperta cessione crediti ai correntisti con partita iva con un emendamento al DL Aiuti

Le Entrate ancora in attesa

Anche per questo, peraltro, ancora non ci sono documenti ufficiali che sbloccano la piattaforma di cessione del credito. L’Agenzia delle entrate aveva annunciato in una nota, a giugno, che avrebbe aggiornato la piattaforma a partire dal 15 luglio, ossia dopo la conversione in legge del decreto Aiuti.

Al momento però non c’è nessun provvedimento del Direttore dell’Agenzia che annuncia novità.

Non perderti: Superbonus villette: non è troppo tardi per la CILAS, ma…

Consigliamo

Foto:iStock.com/eclipse_images


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here