Home Bonus Edilizia Divisione spese Superbonus: non conta chi paga cosa, ma il rispetto dei...

Divisione spese Superbonus: non conta chi paga cosa, ma il rispetto dei tempi di esecuzione

Un importante chiarimento che viene dalle Entrate con la circolare 23, che consente in questo modo una più facile gestione dell’agevolazione quando ci sono più soggetti interessati

1051
divisione spese Superbonus

Marito che paga i lavori trainanti in condominio e moglie che paga i lavori trainati in casa. Si può fare e tutti e due i coniugi hanno diritto al Superbonus. Non conta infatti chi paga cosa, ma solo il fatto che siano rispettati i tempi di esecuzione per queste due tipologie di interventi.

Un importante chiarimento che viene dalle Entrate con la circolare 23, che consente in questo modo una più facile gestione dell’agevolazione quando ci sono più soggetti interessati.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

E non solo: anche in caso di condominio chi non ha partecipato alle spese per gli interventi trainanti può avere l’agevolazione per quelli trainati.

Leggi anche: Superbonus immobili vincolati: c’è tempo fino al 31 dicembre 2023

Attenzione solo alla tipologia dei lavori

La circolare ricorda dunque che ai fini del Superbonus gli interventi trainati sono ammessi al Superbonus a condizione che siano effettuati congiuntamente ad uno degli interventi trainanti, ossia nell’arco di tempo compreso tra l’apertura e la chiusura del cantiere per questi lavori.

“Non invece rileva che le spese per gli interventi trainati siano state sostenute da un soggetto diverso da quello che ha sostenuto le spese per gli interventi trainanti”.

Quindi ad esempio, puntualizza ancora l’Agenzia “a fronte di spese per interventi trainanti realizzati sulle parti comuni di un edificio in condominio sostenute da un contribuente e di spese sostenute dal coniuge per interventi trainati realizzati sulla singola unità immobiliare, entrambi i soggetti possono fruire del Superbonus con riferimento alle spese da ciascuno sostenute”.

Leggi anche: Cessione credito: prevista una riapertura verso i correntisti con partita Iva

Più margini di manovra per sfruttare l’agevolazione

Questo chiarimento ha dei risvolti molto importanti in quanto consente di utilizzare l’agevolazione in maniera più proficua quando ci sono contribuenti con situazioni fiscali diverse.

Ad esempio in caso di coniugi, se il marito è un lavoratore dipendente e la moglie titolare di una partita Iva per attività professionale, potrebbe essere conveniente per il marito effettuare la cessione del credito per la sua parte di spesa e per la moglie, invece, utilizzare la detrazione. Con la divisione a monte dei pagamenti si evitano complicazioni burocratiche.

Tra l’altro l’Agenzia fa l’esempio dei coniugi, ma chiaramente la possibilità riguarda tutti coloro che hanno un titolo ad avere le detrazioni, per cui ad esempio anche il proprietario dell’alloggio e il comodatario o il proprietario e l’inquilino.

Potrebbe interessarti: Condominio vincolato? No alla detrazione per i pannelli fotovoltaici

In caso di condomini esentati dalle spese

Un altro chiarimenti importate, poi, riguarda i condomini che sono stati esentati dal pagamento delle spese per gli interventi condominiali. La legge consente infatti ai soli proprietari interessati di farsi carico delle spese sulle parti comuni, senza necessariamente coinvolgere tutti gli altri, a fronte, ovviamente, di una specifica delibera dell’assemblea. Una possibilità prevista per evitare che i lavori vengano bloccati da chi pensa di non aver un immediato vantaggio.

Un caso classico quello dei proprietari dell’ultimo piano che possono essere autorizzati dal condomino ad eseguire a proprie spese la coibentazione del lastrico solare e della parte della facciata che riguarda i relativi appartamenti, intervento che potrebbe non interessare ai condomini dei pani bassi. Ebbene, chiarisce l’Agenzia, questo non limita la possibilità di effettuare con il Superbonus lavori trainati nei singoli appartamenti da parte dei condomini ai quali, in base alla delibera assembleare, non sono state imputate le spese per gli interventi trainanti sulle parti comuni dell’edificio.

Consigliamo

Le regole per le asseverazioni con il decreto costi massimi (Prezzario MITE) - pacchetto operativo in formato zip

Le regole per le asseverazioni con il decreto costi massimi (Prezzario MITE) - pacchetto operativo in formato zip

Il decreto del MiTE con il nuovo prezzario in vigore dal 15 aprile, modifica l’allegato A del decreto Requisiti tecnici ecobonus del 6 ottobre 2020, specificando ulteriormente i casi di applicazione del nuovo prezzario. Il decreto ecobonus ha previsto l’obbligo di allegare all’asseverazione relativa al risparmio energetico conseguito la dichiarazione sulla congruità delle spese quando l’asseverazione stessa non è sostituibile dal certificato del produttore e/o dell’installatore. Nella certificazione della congruità delle spese deve essere allegato anche il computo metrico.

Questo pratico strumento operativo raccoglie una selezione di documenti e di approfondimenti per comprendere la portata delle novità introdotte e per applicarle alla propria situazione.

Nella raccolta, il professionista troverà:
- Un documento tecnico esplicativo dedicato alle regole del decreto dei costi massimi, comprensivo di una pratica tabella di confronto dell'allegato A del decreto Requisiti Ecobonus (testo previgente e testo in vigore dal 15 aprile 2022)
- L'allegato A con i costi massimi specifici
- La raccolta normativa di riferimento (decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (testo vigente dal 5 maggio 2022 e il testo del decreto MITE Prezzari)
- Il glossario delle opere edilizie che rientrano nell'edilizia libera
- Le FAQ ENEA
- La modellistica in formato editabile .docx per le asseverazioni delle congruità delle spese per i lavori rientranti nell'ecobonus

Antonella Donati
È giornalista professionista, ha al suo attivo diversi anni di giornalismo parlamentare con particolare attenzione all’approvazione delle misure di carattere finanziario e alle manovre di bilancio. In questo ambito si occupa espressamente di tematiche fiscali, contributive e previdenziali. È autrice di numerosi volumi, articoli e saggi in materia.
A cura di Antonella Donati, 2022, Maggioli Editore
19.90 € 18.91 €
Eco-Sismabonus

Eco-Sismabonus

Questo manuale tecnico dedicato all’Ecobonus e al Sismabonus per gli aspetti tecnici e professionali è uno strumento pratico e flessibile, adattabile ai continui mutamenti causati dalla normativa.

L’opera offre al lettore una traccia chiara e gestibile ai vari livelli di controllo, durante tutto il processo della commessa che va dalla presa in consegna dell’incarico sino alla sua realizzazione ed alla conformità finale di quanto realizzato, nonché in ordine alla documentazione da conservare in futuro, per eventuali controlli da parte delle autorità preposte.

Tutto questo processo passa da un’attenta e sistematica preparazione documentale, che facilita la ricognizione degli interventi, ne definisce la fattibilità e, in ultimo, conserva traccia di quanto eseguito.

Nelle varie sezioni del manuale sono trattati tutti gli aspetti tecnici e progettuali utili per sapere come muoversi nel campo documentale e nel campo pratico, nonché in fase di preparazione delle pratiche amministrative, in cantiere ed infine nella redazione delle certificazioni ed asseverazioni, mettendo a disposizione l’esperienza acquisita dagli autori, con vari casi risolti in modo puntuale, relativi agli interventi di efficientamento energetico e di messa in sicurezza sismica degli edifici in ottica Superbonus.

Al manuale è associata una ricca sezione online completa di decine di documenti utili di carattere operativo come, per esempio, i fascicoli tecnici, i capitolati, i computi metrici, i SAL e le asseverazioni.

Fortunato D’Amico
Laureato in Architettura al Politecnico di Milano. Ha lavorato nella ricerca e nella comunicazione tecnico scientifica relativa ai progetti di architettura, design, paesaggio. Ha insegnato nei corsi di architettura e design del Politecnico di Torino e di Milano. Promotore dell’AGENDA 2030 e La Carta di Ginevra delle Nazioni Unite sull’Abitare Sostenibile.
Massimo Facchinetti
Dopo la laurea al Politecnico di Milano in disegno industriale, prosegue l’attività accademica come professore universitario a contratto presso diversi atenei, tra cui quelli di Firenze, Brescia, Milano, insegnando nei corsi di architettura e design. Ha lavorato nello sviluppo di molti progetti in Venezuela, Tunisia Senegal, Libia, Oman, ed Emirati Arabi, Mongolia.
A cura di Fortunato D’Amico e Massimo Facchinetti, 2022, Maggioli Editore
34.00 € 32.30 €

Foto:iStock.com/fizkes


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here