Home Soluzioni progettuali Soluzioni impiantistiche Solidi fotovoltaici: cosa sono e come funzionano

Solidi fotovoltaici: cosa sono e come funzionano

L’energia prodotta da una struttura tridimensionale, a parità di superficie occupata al suolo, rispetto ad un impianto tradizionale, produce fino a 20 volte di più. Ecco come può un arredo di design produrre e accumulare energia in maniera pulita

370

Uno studio del Mit (Massachusetts Institute of Technology), ha certificato come le forme solide, possono assorbire in modo più costante e continuo l’energia, sfruttando i vantaggi della tridimensionalità.

La prima azienda al mondo a progettare e costruire macchine fotovoltaiche tridimensionali di design brevettate è DYNAMO®, il nuovo brand che rappresenta l’innovazione assoluta nel settore della sostenibilità energetica.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Si tratta di sistemi fotovoltaici in grado di catturare molta più energia rispetto a una superficie piana, a parità di suolo occupato, in un design unico “Made in Italy”. Le macchine DYNAMO®, sono sistemi fotovoltaici all’avanguardia, in grado di produrre l’elettricità necessaria a garantire l’indipendenza energetica e assicurare l’autonomia di una casa, utilizzando solo fonti rinnovabili.

Leggi anche: Fotovoltaico: autorizzazioni necessarie a seconda delle tipologie di impianto

La struttura tridimensionale fa la differenza

L’energia prodotta da una struttura tridimensionale, a parità di superficie occupata al suolo, rispetto ad un impianto tradizionale, produce fino a 20 volte di più, in quanto sfrutta l’altezza e non l’ampiezza, inoltre cattura i raggi solari in tutto l’arco della giornata, senza dipendere dal picco di mezzogiorno. Maggiore assorbimento significa maggiore produzione, ma anche una produzione più costante e continua.

È la natura stessa a fornirci l’esempio più palese in tale ambito: gli alberi, i più antichi ed efficienti “sistemi” ad energia solare, non sono né bidimensionali, né hanno una sola esposizione, raccogliendo energia da tutte le direzioni. Per poter realizzare questa tridimensionalità e armonia con l’ambiente circostante, DYNAMO® sfrutta le proporzioni perfette dei “Solidi Platonici” che danno all’occhio umano un senso di equilibrio e solidità.

Potrebbe interessarti: La casa senza gas: il fotovoltaico

Design e funzionalità in un solo elemento

Possiamo quindi parlare di eleganza dell’energia per il suo design, che si plasma con l’ambiente nel suo totale rispetto. Linee pulite ed essenziali, design “total black”, superfici lucide riflettenti l’ambiente circostante, nessun componente tecnico a vista. Monolite, Cubo e Piramide sono forme dalle proporzioni perfette, armonia ed equilibrio senza tempo, simboli belli da contemplare.

DYNAMO® è un vero e proprio arredo di design che aggiunge prestigio all’immobile, riempie e sfrutta lo spazio in altezza senza dover alterare il tetto né occupare ampie superfici a terra.

Non perderti: Manutenzione impianto fotovoltaico: quando e quali attività eseguire

Imparare dalla natura

Le piante assorbono CO2. Questo gas è essenziale per la loro crescita (fotosintesi). Attraverso il processo di fotosintesi l’albero sottrae quindi naturalmente CO2 dall’atmosfera. Possiamo dire che l’albero è in grado di assorbire tra i 10 ed i 20 kg CO2/anno, dentro un ciclo di accrescimento che (mediamente) raggiunge il suo massimo in un range temporale compreso nei 30 anni.

La Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC) stabilisce che un albero può assorbire ogni anno in media circa 10kg di CO2. Possiamo quindi assumere che un albero assorba 10 kg di CO2 all’anno e che la vita media di un albero sia 20 anni.

Oltre il lavoro degli alberi, tutti noi possiamo contribuire a ridurre le emissioni globali di gas serra che risultano dalle attività umane grazie all’utilizzo dell’energia solare per la produzione di energia elettrica.

Per produrre un kilowatt/ora elettrico vengono bruciati mediamente l’equivalente di 2,56 kWh sotto forma di combustibili fossili e di conseguenza vengono emessi nell’aria circa 0,53 kg di anidride carbonica (fattore di emissione del mix elettrico italiano alla distribuzione). Si può dire quindi che ogni kWh prodotto dal fotovoltaico evita l’emissione di 0,53 kg di anidride carbonica.

La missione DYNAMO®

Creare macchine capaci di produrre e accumulare energia nel migliore dei modi possibile, senza compromessi, per condurre alla transizione verso l’esclusivo utilizzo di energia libera e pulita.

Inoltre, il piano di sviluppo sulle rinnovabili, il cosiddetto RepowerEu presentato al consiglio Europeo di Bruxelles, prevede di aumentare la produzione di energia solare imponendo obblighi di impianti fotovoltaici al fine di ridurre la dipendenza europea dal gas russo, accelerando la diversificazione e abbandonando i combustibili fossili.

Una strategia solare per moltiplicare gli impianti fotovoltaici e sostenere la filiera europea. Obiettivi 2030 più alti per le rinnovabili e taglio ai tempi del permitting, sono i punti cardine del piano RepowerEU per svincolarsi rapidamente dalla dipendenza energetica dalle fonti fossili, tagliando l’import di gas di due terzi.

DYNAMO® si propone come partner tecnologico per produzione di energia solare, proponendo soluzioni in grado di evitare l’immissione in atmosfera di sostanze inquinanti COx (gas serra) NOx (smog fotochimico) SOx (piogge acide) e nel raggiungimento degli obiettivi dell’ Agenda 2030 che riguardano il raggiungimento dello sviluppo sostenibile previsti dal quadro strategico delle Nazioni Unite.

Per ulteriori informazioni
dynamoenergies.com


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here