Home Bonus Edilizia Cessione credito singoli lavori trainanti e trainati: possibile detrarne alcuni e cederne...

Cessione credito singoli lavori trainanti e trainati: possibile detrarne alcuni e cederne altri

Il chiarimento arriva dall’Agenzia delle Entrate che con la risposta 279 del 19 maggio 2022 è intervenuta sulla possibilità di “splittare” il Superbonus per singole voci

1026
cessione crediti singoli lavori

Superbonus, possibile la cessione del credito per singoli lavori, trainanti e trainati, con la possibilità anche di detrarne alcuni e di cederne altri? E l’opzione è ammessa anche quando i lavori sono fatturati dallo stesso fornitore?

La risposta è sì in entrambi i casi perché quello che conta è il riferimento al singolo intervento e non la pratica complessiva.

>> Vorresti ricevere aggiornamenti sul tema cessione crediti? Clicca qui, è gratis

Un chiarimento importante che viene dall’Agenzia delle Entrate che con la risposta 279 del 19 maggio 2022 è intervenuta sulla possibilità di “splittare” il Superbonus per singole voci.

Non perderti: Analisi energetica edificio: informazioni da acquisire per accedere al Superbonus

Il quesito

L’interpello alle Entrate era stato presentato da un contribuente intenzionato a sostituire la caldaia come intervento trainante, aggiungendo a questo l’installazione di pannelli solari, sistema di accumulo e colonnina di ricarica.

L’intenzione era quella di cedere solo uno o due degli interventi e portare gli altri in detrazione in dichiarazione. In questo caso è possibile effettuare l’opzione voce per voce o questa deve interessare l’operazione complessivamente realizzata?

Leggi anche: Addio quarta cessione credito. Banche libere di cedere crediti ai propri correntisti sempre

La ripartizione delle spese per intervento

Ebbene sì, l’opzione per singolo intervento è ammessa. Le Entrate hanno sottolineato infatti che le regole per la comunicazione di opzione per la cessione del credito richiedono che venga compilato un modello per ogni intervento effettuato, indicando il relativo codice di intervento.

Quindi anche se la pratica è unica, nel caso specifico occorre compilare quattro distinti modelli, uno per ogni tipo di intervento, e il credito cedibile è calcolato relativamente alle spese sostenute per ciascuno di questi. Nulla vieta, dunque, di cedere solo uno o due degli interventi e portare in detrazione le spese sostenute per gli altri.

Non perderti: Bonus Edilizi e SOA: dal 2023 obbligo per lavori oltre i 516 mila euro

Sì alle scelte differenziate anche se il fornitore è unico

E non solo. Questa possibilità, precisano le Entrate, resta valida anche nel caso in cui uno stesso fornitore partecipi alla realizzazione di diversi interventi. Anche in questo caso, infatti, occorre considerare come riferimento le spese sostenute nell’anno “per codice intervento”.

D’altra parte già nella circolare 30/2020 l’Agenzia aveva precisato che quando sono realizzati sul medesimo edificio diversi interventi trainanti e trainati è possibile fruire della corrispondente detrazione a condizione che siano distintamente contabilizzate le spese riferite ai diversi interventi.

Quindi poiché i singoli interventi debbono obbligatoriamente essere fatturati in maniera distinta, per ciascuno di essi si può scegliere se esercitare o meno l’opzione, anche quando sono fatturati da un unico fornitore.

Consigliamo

Foto:iStock.com/shih-wei


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here