Home Progettazione Appalti Compensazioni caro materiali: pronta la piattaforma MIMS per presentazione richieste

Compensazioni caro materiali: pronta la piattaforma MIMS per presentazione richieste

La partenza del nuovo sistema è prevista per il 13 maggio. Ecco a cosa serve e come accedere per presentare le richieste di compensazione

1408
piattaforma compensazioni prezzi

Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) ha annunciato l’avvio della nuova piattaforma informatica per il pagamento delle compensazioni legate agli aumenti dei prezzi dei materiali da costruzione per il secondo semestre 2021.

Ricordiamo che, in riferimento alle norme di recente emanazione, il calcolo della compensazione dei materiali viene articolato secondo il periodo di riferimento che si colloca tra la data della presentazione dell’offerta e la data della contabilizzazione delle singole lavorazioni che impiegano i materiali oggetto del calcolo > in questo articolo Marco Agliata spiega tutto <

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Per non rischiare ritardi, il MIMS ha inviato la Circolare del 5 aprile 2022 alle principali stazioni appaltanti pubbliche (Provveditorati Interregionali per le opere pubbliche, Autorità di sistema portuale, Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, società Rete Ferroviaria Italiana S.p.a., società Anas S.p.a.) fornendo indicazioni a procedere il più tempestivamente possibile al pagamento delle compensazioni alle imprese dovute agli aumenti dei prezzi dei materiali in riferimento al 2021 > spieghiamo tutto in questo articolo <

Come accedere alla piattaforma

Per poter accedere alla piattaforma è necessaria l’iscrizione con acquisizione delle credenziali.

Il sistema sarà attivo a partire dalle ore 12 del 13 maggio 2022 fino al 27 maggio 2022 sul sito del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) all’indirizzo web compensazioneprezzi.mit.gov.it e consentirà la presentazione delle richieste di accesso al Fondo per l’adeguamento dei prezzi dei materiali da costruzione da parte dalle stazioni appaltanti per il secondo semestre 2021.

In G.U.R.I. la pubblicazione del Decreto della Direzione generale della regolazione dei contratti pubblici e la vigilanza sulle grandi opere del 4 aprile 2022 recante “Rilevazione delle variazioni percentuali, in aumento o in diminuzione, superiori all’8 per cento, verificatesi nel secondo semestre dell’anno 2021, dei singoli prezzi dei materiali da costruzione più significativi”.

Guarda la video lezione sui criteri e le procedure di calcolo della compensazione.

Consigliamo

Una guida per le opere pubbliche con approfondimenti su:

• il coordinamento e il monitoraggio del PNRR
• misure per accelerare la realizzazione degli interventi pubblici
• le nuove funzioni assegnate al RUP
• modifiche alle procedure degli affidamenti sotto-soglia
• il nuovo appalto integrato
• le modifiche al subappalto

>> Guarda il prezzo del volume su Amazon!

Da non perdere

Il pacchetto operativo scaricabile Le regole per le asseverazioni con il decreto costi massimi (Prezzario MiTE) di Antonella Donati raccoglie una selezione di documenti e di indicazioni utili da applicare al proprio caso.

Nella raccolta, il professionista troverà:

  • un documento esplicativo dedicato alle regole del decreto dei costi massimi, comprensivo di tabella di confronto dell’allegato A del decreto Requisiti Ecobonus (testo previgente e testo in vigore dal 15 aprile 2022);
  • l’allegato A con i costi massimi specifici;
  • la raccolta normativa di riferimento;
  • il glossario delle opere edilizie che rientrano nell’edilizia libera;
  • le FAQ ENEA;
  • la modellistica in formato editabile .docx per le asseverazioni delle congruità delle spese per i lavori rientranti nell’ecobonus.

Foto:iStock.com/mammuth


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here