Home Bonus Edilizia Bonus Edilizi e SOA: dal 2023 obbligo per lavori oltre i 516...

Bonus Edilizi e SOA: dal 2023 obbligo per lavori oltre i 516 mila euro

Il nuovo obbligo scatta dal 1° gennaio 2023, e per i primi sei mesi potranno lavorare anche le imprese che hanno solo fatto richiesta ma non ancora ottenuto la certificazione

1790
Bonus edilizi soa

Ancora una novità sul tema bonus edilizi. Dal prossimo anno per gli appalti oltre i 516.000 euro scatta l’obbligo di chiedere alle imprese certificazione SOA, finora prevista solo per gli appalti pubblici e per i lavori di ricostruzione nelle aree colpite dai terremoti.

La certificazione, regolamentata dal codice degli appalti pubblici attesta capacità economica e tecnica dell’impresa in riferimento ai lavori da eseguire.

>> Vorresti ricevere aggiornamenti come questi? Clicca qui è gratis

Le novità in un emendamento al decreto Ucraina bis che sta per essere approvato dal Senato.

Leggi anche: Addio quarta cessione credito? Banche libere di cedere crediti ai propri correntisti sempre

Certificazione e appalti pubblici

La certificazione SOA è un documento obbligatorio per la partecipazione a gare d’appalto per l’esecuzione di appalti di lavori pubblici di importo superiore ai 150.000 euro.

La certificazione, rilasciata da organismi vigilati dall’ANAC, Autorità Nazionale Anticorruzione, garantisce il possesso da parte dell’impresa del settore delle costruzioni dei requisiti previsti in riferimento a capacità economica rapportata all’ammontare dei lavori che dovranno eseguire, idonea attrezzatura tecnica, esperienza nello stesso settore, direttore dei lavori in possesso di qualifiche professionali specifiche e di esperienza come responsabile del cantiere.

Si tratta in sostanza di un sistema che punta assicurare che le opere pubbliche sia no affidate solo ad imprese affabili sotto tutti i punti di vista.

Da non perdere: Un nuovo passo della legge delega per il codice dei contratti pubblici

Intervento antitruffe

L’estensione del sistema di certificazione agli appalti privati a partire dai cantieri Superbonus era stata richiesta ne mesi scorsi dall’ANCE. Considerando anche che la SOA è già richiesta alle imprese che lavorano alla ricostruzione delle zone terremotate, interventi per i quali è previsto un contributo pubblico, l’ANCE riteneva che questa potesse essere una buona soluzione antitruffe.

Alla fine a quanto pare il parlamento si è convinto, anche se quasi fuori tempo massimo per il Superbonus. Il nuovo obbligo scatta infatti dal 1° gennaio 2023, e per i primi sei mesi potranno lavorare anche le imprese che hanno solo fatto richiesta ma non ancora ottenuto la certificazione.

Da luglio in poi, invece, il certificato dovrà già essere pronto. In ogni caso sono esclusi i lavori già avviati in precedenza.

Leggi anche l’articolo: Compensazione caro materiali: ok agli aiuti a lavori terminati ma con atto di collaudo non approvato e guarda il video-corso gratuitoCompensazione prezzi dei materiali nelle opere pubbliche, criteri e procedure

Interessati tutti i bonus casa

I nuovi obblighi riguardano comunque tutti i lavori edilizi e non solo il Superbonus, ma solo quando l’importo supera i 516.000 euro.

Confartigianato e Cna hanno criticato l’estensione dell’obbligo di qualificazione SOA in quanto escluderebbe di fatto dai lavori di riqualificazione le imprese che non lavorano per gli appalti pubblici e quindi soprattutto le piccole imprese. Il codice degli appalti, però, in merito alla certificazione SOA prevede che le imprese che non dispongono singolarmente dei requisiti speciali di qualificazione richiesti in merito alla capacità economica relativa a quel determinato ammontare dei lavori possano ottenere l’appalto costituendo un consorzio o un raggruppamento temporaneo di imprese, a patto di rispettare la soglia minima dei requisiti richiesti dalle norme.

Di fatto, quindi, sarà comunque possibile partecipare anche ai grandi appalti che viste le cifre in gioco non potranno che riguardare i condomini.

Da non perdere

Il pacchetto operativo scaricabile Le regole per le asseverazioni con il decreto costi massimi (Prezzario MiTE) di Antonella Donati raccoglie una selezione di documenti e di indicazioni utili da applicare al proprio caso.

Nella raccolta, il professionista troverà:

  • un documento esplicativo dedicato alle regole del decreto dei costi massimi, comprensivo di tabella di confronto dell’allegato A del decreto Requisiti Ecobonus (testo previgente e testo in vigore dal 15 aprile 2022);
  • l’allegato A con i costi massimi specifici;
  • la raccolta normativa di riferimento;
  • il glossario delle opere edilizie che rientrano nell’edilizia libera;
  • le FAQ ENEA;
  • la modellistica in formato editabile .docx per le asseverazioni delle congruità delle spese per i lavori rientranti nell’ecobonus.

Consigliamo anche

Kit Superbonus: Calcolo del beneficio (pacchetto 10 licenze) + Check list conformità (pacchetto 10 licenze)

Kit Superbonus: Calcolo del beneficio (pacchetto 10 licenze) + Check list conformità (pacchetto 10 licenze)

Il kit Superbonus è composto dai seguenti software:<br> 1) Superbonus 110% - Calcolo del beneficio (pacchetto 10 licenze)<br> Il software consente di:<br> - Individuare gli interventi «trainanti» (o principali) - Verificare la spettanza del super bonus anche per gli interventi «trainati» (o aggiuntivi); - Determinare le detrazioni fiscali spettanti; - Verificare la recuperabilità teorica della detrazione annua rispetto alla propria IRPEF lorda (test di incapienza); - Simulare il costo netto dell’intervento sull’immobile e l’eventuale accollo di spesa;<br> 2) Superbonus 110%- Check list Conformità (pacchetto 10 licenze)<br> Il software:<br> - Recepisce la check list proposta dal CNDCEC per gli interventi di efficientamento energetico e per l’adeguamento antisismico. - Fornisce l’elenco completo dei controlli che devono essere effettuati ai fini dell'apposizione del visto di conformità nei casi di opzione per la cessione del credito d'imposta o per lo sconto in fattura. - Consente di creare un archivio in cloud della documentazione necessaria per la creazione del dossier da conservare per eventuali controlli. L’area in cloud potrà essere alimentata direttamente da tutti i soggetti coinvolti nella pratica (architetto, termotecnico, perito, commercialista, fornitori ecc.). - Consente di salvare in formato zip l’intero dossier documentale, una volta completato, creando in automatico l’indice dei documenti contenuti. - Consente di determinare il compenso spettante al professionista per il rilascio del visto fiscale di conformità.<br> Le Check list sono aggiornate con il documento di ricerca FNC del 19.04.2021<br> Durata della Licenza<br> La licenza è annuale dalla data di acquisto.<br> Il costo della licenza comprende: servizio di assistenza operativa, conservazione dei dati in modo sicuro ed aggiornamenti automatici del software.<br> La licenza sarà pronta all'utilizzo entro 24 ore dall'acquisto. Verrà inviata un'email automatica con le istruzioni per accedere alla piattaforma.<br> Se il pacchetto da 10 non fosse sufficiente è possibile ricevere un preventivo per un pacchetto multi licenze inviando una email a help.superbonus@maggioli.it tel 0541 628634.<br> Contatti assistenza software:<br> tel 0541 628634<br> e-mail help.superbonus@maggioli.it<br> sito https://calcolosuperbonus110.it<br>
Superbonus, 2021, Maggioli Editore
326.96 €

Foto:iStock.com/Paul Bradbury


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here