Home Bonus Edilizia Asseverazione congruità spese: come regolarsi con il nuovo prezzario MiTE

Asseverazione congruità spese: come regolarsi con il nuovo prezzario MiTE

Chiarimenti da ENEA: le indicazioni contenute nel decreto vanno utilizzate esclusivamente in riferimento ai costi dei beni finiti. Per manodopera e installazione l’asseverazione va fatta sulla base dei prezzari regionali o DEI

4052
asseverazione congruità spese

Asseverazione di congruità delle spese. Come regolarsi ora che è in vigore il nuovo prezzario del MiTE con i costi massimi? A spiegarlo lo stesso ministero in una serie di Faq pubblicate sul sito dell’ENEA.

Sostanzialmente la metodologia di calcolo non cambia: il decreto e proprio va utilizzato esclusivamente in riferimento ai costi dei beni finiti; per manodopera e installazione l’asseverazione va fatta sulla base dei prezzari regionali o DEI.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Ecco le indicazioni in dettaglio.

Leggi anche: Quarta cessione del credito: cambiano ancora le regole dei Bonus Edilizi

Asseverazione obbligatoria e casi di esclusione

La Faq 1 riguarda i casi di obbligatorietà delle asseverazioni. Il MiTE ribadisce che questa è obbligatoria:

  • per il Superbonus sia in caso di detrazione che per l’opzione per sconto in fattura o cessione del credito;
  • per il Bonus Facciate in caso di opzione per sconto in fattura o cessione del credito;
  • per gli altri Bonus Edilizi in caso di opzione per  sconto in fattura o cessione del credito, esclusi i lavori di edilizia libera e gli interventi di importo fino ai 10.000 euro.

Potrebbe interessarti: Unifamiliari Superbonus. Per rientrare, possibile trasformare villetta con box in mini condominio?

I beni compresi nel prezzo

Quanto ai costi veri e proprio con la Faq 2 si chiarisce che i costi esposti sono riferiti all’insieme dei beni che concorre alla realizzazione delle tipologie di intervento elencate in tabella.

Ad esempio: nel caso di isolamento di pareti disperdenti, la fornitura dell’isolante termico, del sistema di ancoraggio, tutti i materiali che concorrono alla realizzazione dell’intonaco esterno di copertura dell’isolante, la pavimentazione (non di pregio), le tegole, il controsoffitto della sola porzione isolata, etc; nel caso di infissi:  infisso, telaio, controtelaio, celetto, cassonetto, tapparella, rullo avvolgibile, avvolgitore, persiane e, ove previsto, componentistica dell’impianto elettrico, etc.; nel caso di impianti solari termici, la fornitura del pannello solare, sistema di montaggio, serbatoio di accumulo, componentistica dell’impianto idraulico e, ove previsto, dell’impianto elettrico, i sistemi di pompaggio, etc.. E così via via per i vari beni.

Non perderti: Aggiornato “posterone” ENEA. Riepilogo su tutti i bonus attivi

Le voci da conteggiare a parte

Per le altre voci la Faq 3 rimanda: per l’IVA alla normativa in materia e ai relativi atti di interpretazione e applicazione dell’Agenzia delle entrate e per le spese professionali ai  massimali previsti dal decreto del Ministro della giustizia 17 giugno 2016, recante approvazione delle tabelle dei corrispettivi commisurati al livello qualitativo delle prestazioni di progettazione.

Infine i costi delle opere relative all’istallazione e quelli della manodopera devono essere calcolati con riferimento ai prezzari indicati all’articolo 3, comma 4, del DM costi massimi, ossia prezzari regionali e prezzari DEI.

Leggi anche: Proroga Superbonus per le villette unifamiliari? Si farà

Nuovi prezzi per beni non presenti

La Faq 4 risolve il problema di eventuali beni non presenti nel prezzario. In questo caso è possibile determinare un “nuovo prezzo” sulla base di tutte le variabili che intervengono nella definizione dell’importo stesso.

In particolare, il tecnico dovrà fornire una relazione firmata da allegare all’asseverazione, con le le modalità utilizzate per la di determinazione delle voci di costo non comprese.

Leggi anche: Scadenza Comunicazione Superbonus condominio prorogata al 19 aprile, le cose da sapere

La procedura di asseverazione

Quanto all’asseverazione vera e propria, con la Faq 5 si conferma che non ci sono innovazioni da questo punto di vista. Di conseguenza va sempre attuato un doppio controllo, sia rispetto ai prezzari, sia rispetto al DM costi massimi.

Il controllo rispetto ai prezzari comporterà la verifica della spesa sostenuta rispetto all’opera compiuta (fornitura e installazione); il controllo rispetto al DM costi massimi comporterà la verifica della spesa sostenuta rispetto alla sola fornitura dei beni. La spesa ammissibile sarà quindi pari al valore minore tra quella derivante dai due controlli e la spesa sostenuta.

Non perderti: Edilizia libera e lavori sotto i 10 mila 2021: no asseverazione e visto se cessione trasmessa nel 2022

Le verifiche per l’Ecobonus

Infine la Faq 6 ricorda che per gli interventi di Ecobonus che non richiedono l’asseverazione delle spese sostenute è comunque necessario verificare il rispetto dei costi massimi specifici per tipologia di intervento, anche quando non è richiesta l’asseverazione del tecnico abilitato.

In questo caso ai fini della detrazione rileva il valore minimo tra quello indicato nella tabella e quello oggetto di fattura.

Da non perdere

Kit Superbonus: Calcolo del beneficio (pacchetto 10 licenze) + Check list conformità (pacchetto 10 licenze)

Kit Superbonus: Calcolo del beneficio (pacchetto 10 licenze) + Check list conformità (pacchetto 10 licenze)

Il kit Superbonus è composto dai seguenti software:<br> 1) Superbonus 110% - Calcolo del beneficio (pacchetto 10 licenze)<br> Il software consente di:<br> - Individuare gli interventi «trainanti» (o principali) - Verificare la spettanza del super bonus anche per gli interventi «trainati» (o aggiuntivi); - Determinare le detrazioni fiscali spettanti; - Verificare la recuperabilità teorica della detrazione annua rispetto alla propria IRPEF lorda (test di incapienza); - Simulare il costo netto dell’intervento sull’immobile e l’eventuale accollo di spesa;<br> 2) Superbonus 110%- Check list Conformità (pacchetto 10 licenze)<br> Il software:<br> - Recepisce la check list proposta dal CNDCEC per gli interventi di efficientamento energetico e per l’adeguamento antisismico. - Fornisce l’elenco completo dei controlli che devono essere effettuati ai fini dell'apposizione del visto di conformità nei casi di opzione per la cessione del credito d'imposta o per lo sconto in fattura. - Consente di creare un archivio in cloud della documentazione necessaria per la creazione del dossier da conservare per eventuali controlli. L’area in cloud potrà essere alimentata direttamente da tutti i soggetti coinvolti nella pratica (architetto, termotecnico, perito, commercialista, fornitori ecc.). - Consente di salvare in formato zip l’intero dossier documentale, una volta completato, creando in automatico l’indice dei documenti contenuti. - Consente di determinare il compenso spettante al professionista per il rilascio del visto fiscale di conformità.<br> Le Check list sono aggiornate con il documento di ricerca FNC del 19.04.2021<br> Durata della Licenza<br> La licenza è annuale dalla data di acquisto.<br> Il costo della licenza comprende: servizio di assistenza operativa, conservazione dei dati in modo sicuro ed aggiornamenti automatici del software.<br> La licenza sarà pronta all'utilizzo entro 24 ore dall'acquisto. Verrà inviata un'email automatica con le istruzioni per accedere alla piattaforma.<br> Se il pacchetto da 10 non fosse sufficiente è possibile ricevere un preventivo per un pacchetto multi licenze inviando una email a help.superbonus@maggioli.it tel 0541 628634.<br> Contatti assistenza software:<br> tel 0541 628634<br> e-mail help.superbonus@maggioli.it<br> sito https://calcolosuperbonus110.it<br>
Superbonus, 2021, Maggioli Editore
326.96 €

Consigliamo questi pacchetti operativi

Foto:iStock.com/MIND_AND_I


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here