Home in evidenza Pannelli fotovoltaici su edifici agro-zootecnici: 1.5 miliardi nel PNRR, bando in arrivo

Pannelli fotovoltaici su edifici agro-zootecnici: 1.5 miliardi nel PNRR, bando in arrivo

Firmato il decreto che dà il via alla redazione del bando per l'installazione di pannelli fotovoltaici su edifici ad uso agricolo, zootecnico e agroindustriale. I dettagli della misura "Parco Agrisolare" del PNRR

1392
pannelli fotovoltaici su edifici agicoli - parco agrisolare bando pnrr

Il 25 marzo scorso è stato firmato dal Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli, il decreto che fornisce le direttive necessarie all’avvio della redazione del bando per la misura Parco Agrisolare, a cui nel PNRR sono dedicate risorse pari a 1,5 miliardi di euro.

Il 40% delle risorse è riservato al finanziamento di progetti da realizzare nelle regioni del Sud, in particolare Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

L’obiettivo della misura è quello di sostenere gli investimenti per la realizzazione di impianti fotovoltaici su edifici a uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale, escludendo totalmente il consumo di suolo. Ma i contributi ricevuti possono essere utilizzati anche per altri interventi.

Ricordiamo che il Governo ha messo online un sito dedicato al PNRR, Italia Domani, che illustra tutti i contenuti del Piano e il relativo percorso di attuazione (con schede dedicate al monitoraggio degli investimenti e delle riforme, notizie in continuo aggiornamento sullo sviluppo degli interventi previsti). La cosa più interessante è che il portale consente di consultare lo stato di avanzamento di ogni investimento e le spese sostenute >> ne abbiamo parlato in questo articolo

>> Questa è la sezione dedicata all’investimento “Parco Agrisolare” <<

>> Anche noi abbiamo una sezione dedicata al PNRR, con le notizie di interesse per il mondo dell’edilizia <<

Bando Parco Agrisolare, contributi anche per riqualificazione e rimozione amianto

I contributi erogati in seguito alla partecipazione ai bandi in uscita potranno coprire, oltre ai costi per l’installazione degli impianti fotovoltaici, anche i costi di riqualificazione e ammodernamento delle strutture interessate.

Ad esempio sarà possibile utilizzare le risorse ricevute per l’eventuale rimozione dalle coperture di eternit e amianto, e per interventi di miglioraramento della coibentazione e dell’areazione, anche al fine di contribuire al benessere degli animali eventualmente ospitati nelle strutture interessate.

Leggi anche Compravendita terreni agricoli, le imposte e l’agevolazione Piccola Proprietà Contadina

In questo modo l’iniziativa vuole dare avvio alla diversificazione delle fonti energetiche spingendo sulle rinnovabili, che rappresentano un elemento centrale per ridurre i costi dell’energia sostenuti dalle aziende del settore.

L’obiettivo finale da raggiungere entro il 2026 è l’installazione di pannelli fotovoltaici per una potenza complessiva pari a 375.000 kW, che andrebbe a contribuire in maniera sostanziale ad aumentare la sostenibilità, la resilienza, la transizione verde e l’efficienza energetica del settore.

Il decreto firmato nei giorni scorsi sarà ora notificato alla Commissione europea e successivamente sarà pubblicato il bando che darà il via alla presentazione delle candidature dei progetti. Attendiamo aggiornamenti.

Consigliamo

Il volume Sistemi fotovoltaici, una guida completa alla progettazione degli impianti fotovoltaici grid-connected, anche dotati di sistemi di accumulo. In allegato anche il softwareSole_Pro, simulatore di producibilità al netto delle perdite energetiche tipiche di un impianto fotovoltaico:

Sistemi Fotovoltaici

Sistemi Fotovoltaici

Alessandro Caffarelli, Giulio de Simone, Angelo Pignatelli, Konstantino Tsolakoglou, 2021, Maggioli Editore

Il volume è una guida completa i) alla progettazione degli impianti fotovoltaici grid-connected, anche dotati di sistemi di accumulo, ii) alla presentazione degli interventi di manutenzione per ottimizzarne le prestazioni, iii) alla trattazione delle tematiche...



Immagine: iStock/Eloi_Omella


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here