Home Bonus Edilizia Distacco da impianto condominiale: passando all’autonomo si può avere l’Ecobonus 65%?

Distacco da impianto condominiale: passando all’autonomo si può avere l’Ecobonus 65%?

La risposta è no, perché a causa dei consumi involontari si ha di fatto un’aggiunta e non una riduzione dei consumi

1618
distacco impianto centralizzato ecobonus

Prezzi del gas alle stelle e riscaldamento centralizzato sempre più caro. Potrebbe essere conveniente distaccarsi dall’impianto comune? E in questo caso passando all’autonomo si può avere l’Ecobonus 65%?

Una domanda che si fanno in molti non solo in vista di una riduzione dei costi immediata ma anche in funzione di un cambio di stile di vita maggiormente improntato al risparmio energetico.

>> Vorresti ricevere aggiornamenti come questo? Clicca qui, è gratis

In effetti sì, qualcosa si può sicuramente fare per risparmiare, ma non distaccarsi. Vediamo perché.

Cerchi un volume sul Collaudo degli impianti termici e di climatizzazione domestici e industriali?

Clicca qui

Distacco sì ma sempre spese a carico

Dal punto di vista delle regole a far testo è l’art. 1118 c.c. secondo il quale, “il condomino può rinunciare all’utilizzo dell’impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini”.

Resta comunque l’obbligo di pagare le spese di manutenzione straordinarie dell’impianto, mentre teoricamente non dovrebbero essere più a carico le spese per i consumi.

In realtà però non è così. Chi si distacca, infatti, è tenuto a pagare anche le spese per i cosiddetti “consumi involontari” dovuta sulla base dei millesimi di proprietà o dei millesimi di riscaldamento.

Leggi anche: Consumi energetici nuovi edifici: dal 13 giugno 2022 obbligo copertura 60% da fonti rinnovabili

I consumi involontari

Sono le stesse norme sulla contabilizzazione di calore che prevedono l’obbligo di distinguere tra:

  • i consumi individuali rilevati e
  • i consumi dovuti alla dispersione di calore che si ha dai tubi dell’impianto centralizzato che corrono in verticale nei muri e dunque raggiungono tutti gli appartamenti.

Anche chi si è distaccato, perciò, beneficia di questo calore aggiuntivo e di conseguenza è tenuto a pagare la quota di consumo involontario come tutti gli altri condomini. Tra l’altro se così non fosse, ossia se la quota di spese calcolata in base ai millesimi fosse ridistribuita tra gli altri condomini per questi ultimi si avrebbe un aggravio di spesa, cosa espressamente vietata dalla legge.

In sostanza a conti fatti distaccarsi dall’impianto non comporta quel vantaggio immediato che si può supporre, dato che oltre al costo della caldaia e dei consumi, si aggiunge questa quota fissa. Né si può contare su un aiuto del Fisco per abbattere il costo della caldaia autonoma.

Potrebbe interessarti: Impianto di riscaldamento in condominio: recesso, durata e penali del contratto di manutenzione

No all’Ecobonus per la caldaia aggiunta

Da quanto è stato istituto l’Ebobonus, ossia dal 1° gennaio 2007, è stato infatti chiarito che questa agevolazione non spetta in caso di passaggio da riscaldamento centralizzato ad autonomo in quanto proprio a causa dei consumi involontari si ha di fatto un’aggiunta e non una riduzione dei consumi.

Si può contare perciò solo sulla detrazione del 50%. Ci si deve dunque rassegnare alle bollette sempre più alte del riscaldamento condominiale, oppure a patire il freddo? Non proprio, ma si deve cambiare punto di vista e investire diversamente.

Non perderti: Fotovoltaico su pergola col 110%: basta la CILA

Nuove finestre meno consumi

Se in casa fa freddo a meno di non mandare i termosifoni al massimo, infatti, e se la casa è stata costruita prima del 1990 il problema principale è sicuramente causato dalle finestre. Le finestre di legno a lungo andare cedono e non sono più in grado di garantire un’adeguata tenuta, lasciando entrare il freddo. Lo stesso problema con i vetri.

>> Infissi e patologie prestazioni termiche post installazione: consigli su come intervenire

Le finestre a doppio vetro garantiscono una trasmittanza termica di almeno la metà rispetto a quelle a vetro singolo, il che significa che fanno entrare in casa la metà del freddo, e sommando a questo la miglior tenuta degli infissi si evita una notevole dispersione di calore. Possibile, quindi, abbattere realmente i consumi.

>> Infissi: aria, acqua e vento vanno a braccetto con la prestazione acustica e termica

Per i nuovi infissi, peraltro, si può godere della detrazione del 50% come ristrutturazione senza alcuna complicazione burocratica o invio di documenti all’ENEA in quanto sostituire gli infissi con altri di diverso materiale è uno degli interventi classificati come manutenzione straordinaria. E con lo sconto in fattura si pagano la metà. Più di una caldaia, certo, ma i questo caso il risparmio sui consumi a lungo andare è davvero consistente > ne abbiamo parlato meglio in questo articolo <

Consigliamo

Impianti termici negli edifici residenziali ad elevate prestazioni energetiche

Impianti termici negli edifici residenziali ad elevate prestazioni energetiche

L’efficienza energetica in edilizia è un tema molto sentito in Italia soprattutto dopo l’uscita dei decreti di attuazione delle direttive europee sul risparmio energetico a partire
dai primi anni del 2000.

Tuttavia sono scarsi i testi che affrontano gli aspetti impiantistici ed in particolare le relazioni tra i nuovi edifici e gli impianti termici.

La presente opera esamina, anche alla luce degli interventi di progettazione realizzati dall’Autore, dettagli e problemi di natura tecnica e pratica che non sono adeguatamente affrontati in altre pubblicazioni o nei corsi di formazione specialistica.

Dopo l’introduzione ad alcuni protocolli volontari di certificazione energetica presenti in Italia, sono analizzati i parametri fisico-edili degli edifici ad elevate prestazioni e come questi influenzano le scelte impiantistiche da adottare.

Attraverso un vasto repertorio di fotografie di cantiere viene affrontata anche la tematica della tenuta all’aria degli impianti.

È poi presente un capitolo dedicato al calcolo termotecnico, all’analisi delle normative vigenti ed alla loro applicazione al fine del corretto dimensionamento degli impianti termici, con alcuni suggerimenti legati all’ottimizzazione dei consumi.

Il capitolo centrale si concentra su alcuni dettagli, spesso sottovalutati, degli impianti di ventilazione meccanica, sia per il ricambio dell’aria sia per l’utilizzo nella climatizzazione.

È poi presente una analisi sui sistemi radianti per l’individuazione di quelli che meglio si adattano ad essere utilizzati negli edifici ad elevata efficienza. 

In appendice sono illustrati tre progetti di fabbricati residenziali realizzati nel nord Italia, progettati e certificati secondo protocolli di efficienza energetica volontaria di cui l’autore ha curato la progettazione termotecnica, l’ottimizzazione dei costi di installazione, gestione e del sistema edificio-impianto.

 

Paolo Savoia
Ingegnere specializzato con pluriennale esperienza nella progettazione di impianti e involucri ad alta efficienza energetica e acustica per il comfort in edilizia. È inoltre tecnico competente in acustica ambientale e tecnico certificato di prove non distruttive di II livello. Esegue indagini strumentali finalizzate sia all’efficienza energetica in edilizia che alla diagnosi di patologie edilizie.

Leggi descrizione
Paolo Savoia, 2020, Maggioli Editore
35.00 € 33.25 €

Da non perdere

Il Manuale di progettazione per la riqualificazione energetica sugli aspetti fiscali del Superbonus 110. Indicazioni pratiche sulla progettazione dell’efficienza energetica al fine di garantire il doppio salto di classe e le performance richieste dalla normativa in materia.

Foto:iStock.com/Vlad Yushinov


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here