Home Bonus Edilizia Anticipo fondo pensione per ristrutturazione prima casa, anche in caso di sconto...

Anticipo fondo pensione per ristrutturazione prima casa, anche in caso di sconto in fattura?

In caso di ristrutturazione della prima casa è possibile ottenere un anticipo dal fondo pensione. E se gli interventi sono agevolati con bonus edilizi e si opta per lo sconto in fattura? Dipende

284
anticipo fondo pensione ristrutturazione prima casa sconto in fattura

Come è noto, in caso di acquisto o ristrutturazione della prima casa (e se si posseggono determinati requisiti) è possibile ottenere l’anticipazione del TFR (>> ne abbiamo parlato in questo articolo) oppure l’anticipo da un fondo pensione.

Un quesito posto alla rubrica L’Esperto Risponde del Sole24Ore chiede se l’anticipazione dal fondo pensione sia ottenibile anche per interventi di riqualificazione energetica agevolati con Ecobonus in caso si opti per lo sconto in fattura. La risposta, in sintesi è: dipende.

>>Vorresti ricevere direttamente articoli come questo? Clicca qui e iscriviti alle newsletter di Ediltecnico

Anticipo fondo pensione per ristrutturazione prima casa

Il Dlgs 252/2005, all’articolo 11, comma 7, lettera b, prevede che un iscritto da almeno 8 anni alla previdenza complementare possa ottenere dal fondo pensione un’anticipazione sulla posizione individuale maturata, nella misura massima del 75% del totale, sia in caso di acquisto della prima casa di abitazione (per sé o per i figli) sia per la realizzazione di interventi di ristrutturazione (di cui all’articolo 3, comma 1, lettere a, b, c, d, del Dpr 380/2001 – Testo Unico in materia edilizia), riguardanti la prima casa.

Leggi anche Guida agevolazioni Prima Casa: domande e risposte su soggetti, atti e requisiti

In caso di sconto in fattura?

In caso di lavori di ristrutturazione, l’obiettivo di questa misura, come sottolineato anche dalla Covip (Commissione di vigilanza sui fondi pensione) in una risposta a quesito del maggio scorso, è quello di concorrere al pagamento delle spese effettivamente sostenute per realizzare questo tipo di interventi sulla prima casa.

Per questo motivo l’anticipazione dal fondo non può essere concessa per interventi che non comportano oneri a carico della persona interessata, come nel caso dello sconto integrale sul corrispettivo dovuto. In caso di sconto in fattura integrale infatti l’interessato non sosterrebbe alcuna “uscita di cassa” e non potrebbe quindi produrre prova del pagamento con bonifico parlante.

In caso invece di sconto parziale in fattura l’anticipazione può essere erogata, con riferimento all’effettiva spesa sostenuta, a condizione che questa sia documentata in base alla normativa stabilita dall’articolo 1, comma 3, della legge 449/1997 (legge di Stabilità 1998).

Leggi anche Bonus edilizi, i nuovi codici tributo F24 per i crediti da cessione e sconto

Alternative?

In risposta al quesito, gli esperti Giuseppe Argentino (Responsabile del Servizio studi di un istituto di Patronato) e Marco Zandonà (Direttore dell’area fiscale dell’Ance) precisano che per ottenere l’anticipazione del fondo, oltre allo sconto parziale, è comunque possibile optare per la cessione del credito al posto dello sconto in fattura, effettuando quindi il pagamento diretto per poi cedere il credito a terzi o a banche e intermediari finanziari (articolo 121 del Dl 34/2020).

In questo modo il pagamento dei lavori (se effettuato con bonifico tracciabile) avviene regolarmente, e quindi le spese risultano come effettivamente sostenute.

Consigliamo

Il volume Guida all’iva in edilizia e nel settore immobiliare 2022 – XXII Edizione, dello Studio Dott. Righetti & Associati, edito da Maggioli Editore, contiene ulteriori informazioni e casi particolari riguardanti il Bonus Prima Casa:

Sulle agevolazioni per interventi sulla casa consigliamo anche:

I Bonus Casa 2022: Guida alle agevolazioni e alle detrazioni in edilizia - e-Book in pdf

I Bonus Casa 2022: Guida alle agevolazioni e alle detrazioni in edilizia - e-Book in pdf

Con la Legge di Bilancio 2022 i bonus e le agevolazioni per la casa cambiano con importanti novità e altrettante conferme.

L’eBook fornisce una guida pratica snella e molto chiara sulle diverse opzioni a disposizione per effettuare spese e investimenti sugli immobili in parte finanziati dalle agevolazioni e dalle detrazioni messe a sistema nella recente finanziaria.

Vengono esaminati nel dettaglio:
- le detrazioni per le ristrutturazioni edilizie
- il bonus facciate 2022
- il bonus mobili 2022
- il bonus verde
- il bonus bollicine
- le agevolazioni per l’attività edilizia libera

Ampio spazio viene dedicato anche al meccanismo di cessione del credito, alle regole per la ripartizione delle agevolazioni e le istruzioni per effettuare i pagamenti e predisporre la documentazione necessaria.

La natura pratica e operativa della guida è confermata dalla presenza di oltre 60 quesiti risolti relativi ai diversi bonus e agevolazioni trattati.

Antonella Donati
È giornalista professionista, ha al suo attivo diversi anni di giornalismo parlamentare con particolare attenzione all’approvazione delle misure di carattere finanziario e alle manovre di bilancio. In questo ambito si occupa espressamente di tematiche fiscali, contributive e previdenziali. È autrice di numerosi volumi, articoli e saggi in materia.
Leggi descrizione
Antonella Donati, 2022, Maggioli Editore
14.90 € 12.67 €

Immagine: iStock/ArLawKa AungTun


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here