Home Bonus Edilizia Conversione Sostegni Ter e Bonus Edilizi: confermate disposizioni correttivo DL 13

Conversione Sostegni Ter e Bonus Edilizi: confermate disposizioni correttivo DL 13

Unica novità introdotta lo spostamento dal 7 al 29 aprile 2022 del termine per la presentazione della comunicazione di cessione del credito

777
Correttivo Sostegni Ter

**Aggiornamento del 29 marzo 2022: La conversione in legge del Sostegni Ter (Legge 28 marzo 2022, n.25) è in Gazzetta Ufficiale n. 73 del 28 marzo 2022. Si tratta della conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 27 gennaio 2022, n. 4, recante misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19, nonché per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico.

**Aggiornamento del 16 marzo 2022: Cattive notizie per chi aveva sperato in una proroga dei termini per il Superbonus per le villette. Nulla di fatto. E non cambiano neppure le nuove rigidissime norme in materia di assicurazioni per le asseverazioni e aumento delle sanzioni per i tecnici.

Con l’arrivo in aula al Senato del decreto Sostegni ter sul quale il governo ha già preannunciato la fiducia, sono state infatti confermate tutte le norme del decreto 13 del 26 febbraio 2022 che ha riaperto alla possibilità delle cessioni del credito successive alla prima ma ha introdotto i nuovi pesanti vincoli per i professionisti.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Queste disposizioni sono state riportate con un emendamento al Sostegni Ter proprio per garantire tempi più rapidi per la conversione in legge. Unica novità introdotta lo spostamento dal 7 al 29 aprile 2022 del termine per la presentazione della comunicazione di cessione del credito.

Potrebbe interessarti: Cessione credito in caso di più interventi su stesso immobile, fornitori diversi e fatture sotto i 10 mila euro

Da maggio il bollino contro il frazionamento dei crediti

Le norme confermano dunque la possibilità di effettuare la prima cessione del credito senza vincoli in riferimento alla scelta del soggetto. Possibili poi solo due ulteriori cessioni ma esclusivamente all’interno del sistema finanziario regolamentato dalla banca d’Italia.

A partire dal 1° maggio, con il divieto di frazionare il credito arriverà poi un codice identificativo che consentirà di risalire a chi ha effettuato i lavori in modo da consentire all’Agenzia delle entrate di avere sotto controllo tulle le operazioni.

Leggi anche: Prima cessione sempre libera, successive solo nel sistema finanziario

Una nuova polizza per ogni asseverazione

Confermate, come dicevamo, anche le sanzioni più salate in caso di false asseverazioni che vanno da 50.000 a 100.000 euro e prevedono anche la reclusione da due a cinque anni.

Nella relazione il Governo ha spiegato che queste norme ripropongono quelle all’art. 236-bis della legge fallimentare (legge 83/2012), ampiamente collaudate quale deterrente rispetto alle attestazioni non veritiere.

In ogni caso per chi rilascia le asseverazioni scatta l’obbligo di stipulare una polizza di assicurazione della responsabilità civile per ogni intervento, con massimale pari agli importi dell’intervento oggetto delle asseverazioni. Non sarà quindi possibile rivedere i massimali ma diventa obbligatorio stipulare una polizza assicurativa per ogni intervento, e ciascuna polizza deve avere un massimale pari al relativo valore.

Leggi anche: Polizze asseverazioni Bonus Edilizi dopo il DL 13: cosa accade ai contratti già sottoscritti

Stop a imprese “improvvisate”

Scatterà in fine dal prossimo 27 maggio 2022 la norma che stabilisce che i bonus fiscali per i lavori edilizi di importo superiore ai 70.000 euro, ossia alla soglia che fa scattare le verifiche sulla manodopera al fine di combattere il lavoro nero, diventa obbligatorio rivolgersi ad imprese che applicano i CCNL di settore. Le disposizioni si applicano agli appalti avviati successivamente a questa data.

Non perderti: Applicazione CCNL settore edile per usufruire dei Bonus: obbligo dal 27 maggio

>> Scarica la tabella con gli articoli 119 – 121 e 121-bis del Decreto Rilancio aggiornati <<

Consigliamo

Per saperne di più sulle novità in edilizia introdotte dalla Legge di Conversione Sostegni-Ter, segui il corso online Superbonus 110% dopo la conversione in legge del Decreto Sostegni Ter e correttivo – Le regole definitive sulla cessione del credito, asseverazioni e responsabilità del tecnico, le polizze per gli asseveratori, bollinatura e prezzario MITE.

Il corso on line in diretta è a cura di Antonella Donati ed è organizzato da Ediltecnico e Maggioli Editore. 

>> Clicca qui per conoscere data e ora <<

Da non perdere

In Le nuove regole della cessione del credito per i bonus edilizi – Pacchetto operativo scaricabile di Lisa De Simone, il professionista troverà:

  • una maxi circolare operativa, realizzata dall’Autrice, con la spiegazione chiara e dettagliata di tutte le novità intervenute dopo l’entrata in vigore del decreto Sostegni ter, relativamente all’applicazione dei bonus edilizi;
  • il modulo per la cessione del credito in vigore a partire dal 4 febbraio 2022;
  • le istruzioni per la compilazione del modulo per la cessione del credito;
  • il glossario generale che riporta la classificazione di legge dell’edilizia libera;
  • una tabella (all’interno della circolare operativa) con i riferimenti delle risoluzioni e degli interpelli dell’Agenzia delle Entrate collegate agli interventi di edilizia libera.

Gli acquirenti del pacchetto operativo riceveranno gratuitamente la versione aggiornata alla legge di conversione del decreto Sostegni Ter, non appena pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

Foto:iStock.com/AzmanJaka


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here