Home Bonus Edilizia Super Sismabonus aree terremotate proroga al 2025: i beneficiari

Super Sismabonus aree terremotate proroga al 2025: i beneficiari

Le modifiche inserite con la Legge di Bilancio 2022 avevano generato da subito alcuni allargamenti interpretativi. Ecco le risposte ai dubbi più frequenti

440
Super sismabonus beneficiari

Tra le modifiche all’impianto normativo dei bonus fiscali apportati dalla legge di bilancio, una molto rilevante è stata quella fortemente voluto dal commissario alla ricostruzione post sisma 2016 Giovanni Legnini, che all’art. 119 del Dl 34/2020 va ad aggiungere il comma 8-ter: “Per gli interventi effettuati nei comuni dei territori colpiti da eventi sismici verificatisi a far data dal 1° aprile 2009 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza, la detrazione per gli incentivi fiscali di cui ai commi 1-ter, 4-ter e 4-quater, spetta, in tutti i casi disciplinati dal comma 8-bis, per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2025, nella misura del 110 per cento“.

>> Vorresti ricevere approfondimenti come questo? Clicca qui e iscriviti alle newsletter di Ediltecnico

Si tratta di una proroga importante, valevole sia per i condomini che per le unifamiliari, che darà una forte spinta all’organizzazione e alle tempistiche della ricostruzione; tema quest’ultimo che lo stesso Legnini portò all’attenzione del Parlamento: “La maggior parte degli interventi che dobbiamo eseguire, circa 40 mila, riguarda edifici mono e bifamiliari, per gran parte dei quali i benefici fiscali termineranno a giugno 2022. Nei centri storici molto spesso si devono ricostruire interi aggregati, dove possono coesistere condomini e edifici unifamiliari, con un progetto unitario, molto difficile se non impossibile da realizzare se solo alcune delle unità immobiliari presenti può godere del beneficio delle detrazioni”.

Chiariamo nel dettaglio alcuni punti che interessano i beneficiari dell’agevolazione.

Leggi anche: Superbonus 110 aree terremotate: proroga al 2025 e nessuna riduzione percentuale

L’estensione del 110 al 2025 riguarda solo gli edifici lesionati dal sisma?

Le modifiche inserite con la Legge di Bilancio 2022 avevano generato da subito alcuni allargamenti interpretativi; da una lettura pedissequa pareva infatti che il comma 8-ter fosse valevole indipendentemente dallo stato dell’edificio e dal suo eventuale danneggiamento. Tenendo quindi conto dei numerosi Comuni che dal 2009 a oggi hanno dovuto dichiarare in Italia lo stato di emergenza, per periodi anche esigui, era evidente come tale misura avesse una portata notevole.

>> Bonus Mobili anche per chi usufruisce del Sismabonus Acquisti

A limitarne la possibilità è quindi intervenuta l’AdE con la Risoluzione 8/E del 15 febbraio 2020, dichiarando che le disposizione di cui al nuovo comma 8-ter si applicano agli interventi ammessi al Superbonus effettuati su edifici residenziali o unità immobiliari a destinazione abitativa per i quali sia stato accertato – mediante scheda AeDES o documento analogo – il nesso causale tra danno dell’immobile ed evento sismico, situati in uno dei Comuni di cui alle Regioni interessate da eventi sismici per le quali è stato dichiarato lo stato di emergenza.

>> Sismabonus. Differenza tra opere collegate e correlate all’intervento di riduzione rischio sismico

Nella medesima risoluzione l’AdE precisa anche che il richiamo contenuto nel citato comma 8-ter, al comma 4-ter del medesimo articolo, comporta che l’aumento ivi previsto del 50 per cento del limite di spesa ammesso al Superbonus spettante per interventi di efficienza energetica o antisismici – nell’ambito della ricostruzione di fabbricati danneggiati dal sisma nei comuni richiamati nel medesimo comma 4-ter, in alternativa al contributo previsto per la ricostruzione o riparazione degli edifici stessi – riguarda le spese sostenute entro il 31 dicembre 2025 per le quali il Superbonus spetta nella misura “piena” del 110 per cento.

Non perderti: Sismabonus, Bonus Casa 50% e condomini: moltiplicazione di massimali?

Superbonus fino al 2025. Può averne diritto anche una unifamiliare (zona cratere) che ha già ricostruito e avuto i fondi del terremoto?

Ai fini del riconoscimento della possibilità di ottenere la detrazione con aliquota piena fino al 2025 conta il fatto che l’immobile si trovi in un comune nel quale è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Di conseguenza è possibile sicuramente per le unifamiliari e non c’è alcuna differenza in riferimento al fatto che si tratti di interventi strutturali o per l’efficientamento energetico.

In entrambi i casi, comunque, è possibile ottenere la detrazione fiscale maggiorata esclusivamente per la quota di spesa che eccede il contributo per la ricostruzione eventualmente già ottenuto >> ne abbiamo parlato in dettaglio nell’articolo Superbonus e contributi per la ricostruzione sono cumulabili

Consigliamo

Diagnostica delle strutture esistenti

Diagnostica delle strutture esistenti

Il volume, concepito per essere utilizzato nella pratica quotidiana, sia dello studio professionale che della P.A. che si occupa di appalti e lavori pubblici, fornisce una guida di rapida e concreta consultazione dedicata alla diagnostica strutturale, per la corretta pianificazione degli interventi di controllo in situ e per l’efficace interpretazione dei risultati che ne conseguono.

Il capitolo introduttivo propone una panoramica chiara e mirata degli aspetti generali che governano l’ambito dell’ingegneria diagnostica classificandone le competenze ed i riferimenti normativi, descrivendo nel dettaglio come progettare correttamente una campagna diagnostica alla luce delle norme vigenti, con particolare riferimento al cap. 8 delle NTC 2018 ed alla Circolare esplicativa n. 7 del 2019 e come scegliere di volta in volta le indagini più adatte allo scopo ed al risultato richiesti, anche attraverso comparazioni incrociate di costo, efficacia ed invasività.

I capitoli successivi si occupano delle indagini su strutture in cemento armato, in muratura, in legno e di verifiche diverse su organismi strutturali singoli e composti, il testo affronta con un approccio diretto e pratico l’insieme delle più diffuse ed innovative tecniche diagnostiche, dedicando a ciascuna di esse un paragrafo specifico suddiviso, per chiarezza e semplicità di consultazione, in ambiti distinti ma correlati che descrivono ed approfondiscono: le normative di riferimento del metodo e la loro interpretazione, le basi teoriche e sperimentali su cui il metodo si basa, complete di approfondimenti critici e riferimenti bibliografici, gli scopi specifici e le metodologie esecutive corrette per l’efficace esecuzione secondo norma dell’indagine, la raccolta, l’elaborazione e l’interpretazione efficace dei risultati della campagna conoscitiva, i vantaggi e le incertezze intrinseci in ciascun metodo; il tutto corredato da esempi pratici corredati di calcoli e report esplicativi di prova.


Alessandro Battisti
Ingegnere, si occupa da vent’anni di diagnostica sul patrimonio strutturale e infrastrutturale esistente in qualità di titolare dell’azienda CO.M.Sigma srl, che opera su tutto il territorio nazionale. Membro commissione controlli in cantiere di ISI (Ingegneria Sismica Italiana), consigliere nazionale CODIS (Ass. controllo, diagnostica e sicurezza strutture, infrastrutture e beni culturali), membro esperto commissione tecnica “Prove non distruttive” di UNI, relatore in convegni nazionali e internazionali di settore.

Alessandro Battisti, 2019, Maggioli Editore
38.00 € 36.10 €

Foto:iStock.com/clodio


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here