Maggioli Editore


Contabilizzazione del calore e ripartizione spese


La contabilizzazione del calore e la ripartizione delle spese di riscaldamento sono concetti non nuovi. “Sin dal 1991, con l’emanazione della legge 9 gennaio 1991 n. 10, il legislatore ha introdotto il concetto della ripartizione delle spese di riscaldamento secondo il principio del consumo effettivamente registrato”, scrive l’ing. Paolo Tkalez nella prefazione del recente volume sui sistemi di termoregolazione in condominio, edito da Maggioli Editore e realizzato da Roberto Colombo e Fiorenzo Zerbetto. Si tratta di un cambiamento importante che coinvolge un numero elevatissimo di fabbricati e milioni di italiani, come viene spiegato in questo articolo.

Sommario dossier contabilizzazione del calore

1. Adempimenti
2. Tempi e sanzioni
3. Video tutorial
4. Norma tecnica UNI 10200:2013
5. Strumenti editoriali
6. Tecnologie: valvole termostatiche, ripartitori, ecc.

L’anno scorso il Governo italiano ha recepito la direttiva 2012/27/UE tramite il decreto legislativo n. 102/2014, che ha reso obbligatoria la misurazione individuale del riscaldamento negli edifici. Nello specifico, la contabilizzazione indiretta si applica a tutti quegli edifici condominiali dotati di un impianto di riscaldamento centralizzato a distribuzione verticale e implica  l’installazione di valvole e ripartitori su tutti i radiatori in tempi assai stretti.

Questa pagina riunisce in un unico dossier tutte le informazioni riguardanti la termoregolazione e la ripartizione delle spese condominiali per il riscaldamento centralizzato e si rivolge agli amministratori di condominio, ai professionisti termotecnici e ai cittadini per conoscere gli aspetti legislativi e normativi, tecnici, gestionali, amministrativi, di monitoraggio e assistenza nel tempo.

Si tratta di un tema rilevante non solo dal punto squisitamente tecnico, ma anche economico poiché si stima che per l’insieme delle opere necessarie per adeguare gli impianti ai requisiti imposti dal decreto n. 102/2014 (ripartitori, valvole termostatiche, sistemi di pompaggio, ecc.) il volume di business in Italia possa raggiungere la ragguardevole cifra di 2,5-3 miliardi di euro.

Per ulteriori e più approfonditi dettagli su questo tema complesso e variegato, Ediltecnico consiglia il manuale tecnico La contabilizzazione del calore negli edifici con riscaldamento centralizzato.

Per chi non sapesse nulla di questo tema, può essere utile anzitutto un primo chiarimento che Fiorenzo Zerbetto ha scritto per Ediltecnico in cui spiega i due concetti fondamentali alla base dei sistemi di termoregolazione e ripartizione delle spese di riscaldamento.

Adempimenti sulla contabilizzazione individuale del calore: chi fa cosa

Rispettare gli adempimenti legati all’applicazione del decreto legislativo n. 102/2014 non significa (solo) provvedere all’installazione dei ripartitori per il conteggio del calore consumato da ciascuna unità immobiliare. In realtà sono diverse le figure professionali coinvolte nel processo, a partire dall’amministratore di condominio. Ma non solo: anche l’assemblea condominiale è chiamata a pronunciarsi in merito.

Per una panoramica sintetica degli adempimenti che ogni attore deve rispettare, invitiamo i lettori a leggere attentamente l’articolo di Roberto Colombo dal titolo Contabilizzazione del calore: chi fa cosa, che esamina obblighi e attività in capo ad amministratore di condominio, assemblea, progettista termotecnico, azienda incaricata dell’intervento e manutentore dell’impianto.

Per sapere, invece, chi deve adeguarsi alle norme cogenti inserite nel decreto legislativo n. 102/2014 è opportuno approfondire leggendo l’articolo, sempre di Roberto Colombo su chi deve adeguarsi.

Schema di impianto di riscaldamento centralizzato a distribuzione verticale Contabilizzazione del calore e ripartizione spese

Sistemi di termoregolazione in condominio. Lo schema di impianto di riscaldamento centralizzato a distribuzione verticale

Infine, ma non per questo meno importanti, esistono incentivi ed esenzioni all’obbligo indicato nella direttiva 2012/27/UE. Una serie di informazioni al riguardo possono essere lette in questo articolo scritto dalla nostra Redazione.

Sempre nell’ambito di obblighi e “accortezze”, Fiorenzi Zerbetto illustra quali sono i rischi che gli utenti possono correre nel caso di mancata o scarsa informazione sull’implementazione di un sistema di ripartizione delle spese di riscaldamento con impianto centralizzato.

Sull’argomento si è soffermato anche Roberto Colombo, dando risposta alla domanda se questi obblighi rappresentano un mero costo o un investimento redditizio?
Lo stesso autore analizza quali sono i passaggi tecnici che devono essere seguiti per l’adeguamento dell’impianto di riscaldamento centralizzato per convertirlo in un sistema con contabilizzazione individuale del calore.

Tempi e sanzioni

La contabilizzazione individuale diretta o indiretta nei condomini riguarderà, indicativamente, circa un milione di edifici. A oltre un anno dall’entrata in vigore del decreto legislativo n. 102/2014, però, mancano ancora dati veramente attendibili sul numero di unità immobiliari realmente coinvolte dall’adeguamento.

Ma a prescindere da queste considerazioni, non deve sfuggire un altro elemento fondamentale: l’adeguamento ai dettami del d.lgs. n. 102/2014 è già divenuto obbligatorio dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, avvenuta nel luglio 2014, anche se le sanzioni per chi non ottemperasse sono sospese fino al 31 dicembre 2016. Ciò significa che per l’adeguamento di tutti gli impianti termici coinvolti si deve lavorare con tempi strettissimi, specie se si considera che tali interventi presentano una notevole complessità intrinseca dovuta fattori e variabili.

Proprio sui tempi e sulle (salate) sanzioni si sofferma Fiorenzo Zerbetto in questo articolo che invitiamo a leggere con attenzione per non farsi trovare impreparati alla prossima scadenza fissata per la fine del 2016.

Video tutorial

A cura di Rete IreneRete di Imprese per la riqualificazione energetica degli edifici, composta da aziende che da oltre 50 anni sono in prima linea negli interventi sugli immobili esistenti con l’obiettivo di rendere le abitazioni “economicamente intelligenti”, proponiamo due interessanti video di spiegazione di cos’è la contabilizzazione diretta e indiretta dedicato specificatamente alla spiegazione delle valvole termostatiche.


Norma tecnica UNI 10200:2013

Il decreto legislativo n. 102/2014 cita la norma UNI 10200:2013 che diventa a tutti gli effetti un dispositivo di legge cogente. In questa sezione ospitiamo articoli e approfondimenti dedicati alla norma, articolata in dodici capitoli e sette appendici.. La norma UNI 10200:2013 ha come tema centrale i criteri per la ripartizione delle spese per la climatizzazione invernale e l’acqua calda sanitaria. Inoltre la 10200 fornisce importanti informazioni in merito alla classificazione delle tipologie di impianti termici centralizzati e alla progettazione e conduzione dell’impianto.

Sul sito UNI è presente una pagina dedicata alla presentazione della norma UNI 10200:2013. Ricordiamo che il volume di Colombo-Zerbetto contiene un intero capitolo dedicato alla ripartizione delle spese di riscaldamento con impianti centralizzati con un’analisi della norma UNI 10200:2013.

La norma UNI 10200 dedica spazio anche al problema del c.d. consumo involontario di cui ci siamo occupati in questo articolo. A luglio 2016 è stato approvato il decreto correttivo al d.lgs. n. 102/2014: non sono state cambiate le tempistiche per l’adeguamento, né le sanzioni a carico degli inadempienti, ma arrivano dalle modifiche introdotte all’articolo 9, comma 5, lettera d), che regolamenta la ripartizione delle spese per il riscaldamento ed era stato oggetto di critiche fin dalla pubblicazione del 102 in Gazzetta Ufficiale nel luglio di due anni fa. Roberto Colombo analizza i cambiamenti al decreto legislativo n. 102/2014.

 

Strumenti editoriali su ripartizione delle spese e contabilizzazione individuale del calore

In questa sezione Ediltecnico consiglia volumi e strumenti editoriali rivolti ad amministratori di condominio, professionisti termotecnici e cittadini utenti interessati ad approfondire il tema.

Il primo volume consigliato è La contabilizzazione del calore negli edifici con riscaldamento centralizzato di Roberto Colombo e Fiorenzo Zerbetto, pubblicato per i tipi Maggioli (settembre 2015). Si tratta di una guida ragionata che offre una corretta interpretazione e applicazione del d.lgs. n. 102/2014, fornendo una informazione completa ma con un linguaggio divulgativo e una logica espositiva il più possibile semplice e consequenziale.

13103 1 Contabilizzazione del calore e ripartizione spese

La contabilizzazione del calore negli edifici con riscaldamento centralizzato


R. Colombo, F. Zerbetto , 2015, Maggioli Editore

Il decreto legislativo n° 102/2014, con il quale il Governo Italiano ha recepito la direttiva 2012/27/UE, ha reso obbligatoria la misurazione individuale del calore consumato negli edifici.

In particolare la contabilizzazione indiretta, applicabile agli...


26,00 € 23,40 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


Il secondo volume consigliato dalla nostra Redazione è a cura di Giuseppe Bordolli (ottobre 2015), uno strumento arrivato alla sua seconda edizione che, oltre a un’ampia sezione dedicata proprio alla termoregolazione e contabilizzazione secondo la nuova norma UNI 10200:2015, propone focus approfonditi su tutti gli altri capitoli di spesa del condominio (parti comuni, impianti, ascensori, scale, coperture, balconi, rent to buy, ecc.).

9bdc28c22987638c19ea068ba74867a1 mg Contabilizzazione del calore e ripartizione spese

Guida alla ripartizione delle spese condominiali


Bordolli Giuseppe , 2014, Maggioli Editore

L'opera affronta la disciplina della ripartizione delle spese condominiali, con l'obiettivo di offrire ad operatori del settore e condomini una guida agile e chiara, capace di sciogliere i numerosi dubbi e le incertezze determinate dalla normativa recentemente riformata, dai continui...


30,00 € 27,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it



Tecnologie: valvole termostatiche, ripartitori, ecc.

Come funzionano i ripartitori dei costi del calore? Quali sono gli accorgimenti tecnici che devono essere rispettati per farli funzionare nella maniera più efficace possibile? In questo articolo, Roberto Colombo espone con chiarezza e rigore quello che c’è da sapere su questi importanti dispositivi.

Sempre il nostro esperto chiarisce quali siano i criteri per la scelta corretta delle valvole termostatiche.

Sul tema specifico della c.d. contabilizzazione indiretta del calore, Roberto Colombo scrive un articolo di approfondimento analizzando i sistemi di trasferimento e lettura dei dati del consumo. Stiamo parlando dei protocolli aperti e di quelli chiusi. Quale dei due è migliore? Quali vantaggi e svantaggi presentano?

Dagli esperti di Klimit e Herz un prontuario con le cose da sapere sulla funzione, sul corretto utilizzo e sulla gestione delle valvole termostatiche da installare su ciascun radiatore. Nell’articolo un Decalogo sulle Valvole Termostatiche si risponde a domande del tipo “Come si accendono le valvole?”, “Qual è la corretta gestione della temperatura degli ambienti?”, “Occorre avere particolari attenzioni sulle valvole?”, ecc.

Archivio

Ultimi Articoli


tutti gli articoli in primo piano della redazione di Ediltecnico.it

Video dal Web

Il Canale YouTube dei Progettisti seleziona i migliori video dalla rete: interviste, novità, prodotti e tecnologie per i Professionisti Tecnici

Bonus fiscali per i condomini minimi: OK anche senza Codice Fiscale

News dal Network Tecnico




Colophon e ContattiPubblicità su questo sitoTermini e CondizioniElenco dei BloggerLink UtiliMappa del sito