Mentre nel settore delle rinnovabili si è aperto il dibattito sulle conseguenze del quinto Conto Energia che metterà fuori gioco moltissime aziende della green economy, Power-One, multinazionale toscana, leader nel settore degli inverter fotovoltaici, si sta organizzando per affrontare il mercato di autunno.

Prima tappa per presentare i nuovi progetti ideati, progettati e realizzati nella fabbrica di Terranuova Bracciolini, sarà alla Fiera di Roma, dal 5 al 7 settembre 2012 dove si terrà il PV ROME MEDITERRANEAN, Salone Internazionale delle Tecnologie Fotovoltaiche per il Mediterraneo. La manifestazione si svolgerà nell’ambito di ZEROEMISSION ROME, evento dedicato alle energie rinnovabili, alla sostenibilità ambientale e alla lotta ai cambiamenti climatici.

Power-One esporrà i suoi prodotti migliori, gli inverter conosciuti in tutto il mondo per la qualità e l’efficienza e una nutrita equipe di tecnici e ingegneri saranno a completa disposizione di tutti i visitatori.

“Si, è vero”, spiega Riccardo Filosa Director Sales di Power-One, “cercheremo di spiegare a chi ne sentisse la necessità come riteniamo sia opportuno operare e muoversi nel mercato del fotovoltaico dopo gli ultimi radicali cambiamenti normativi. Come primo operatore di mercato italiano sentiamo l’esigenza di assicurare il nostro totale appoggio a tutti gli operatori del settore. Per questo i nostri ingegneri presenti in Fiera illustreranno dettagliatamente visitatore per visitatore tutti i benefici dei prodotti Power-One”.

Negli ultimi mesi tutti i soggetti che operano nel mercato fotovoltaico hanno dovuto fronteggiare numerosi cambiamenti del quadro legislativo: la norma CEI 0 – 21 entrata in vigore il primo luglio, l’allegato A70 di Terna e il Nuovo quinto Conto Energia, che entra in vigore a partire da lunedì 27 agosto.

“Power-One – dice Riccardo Filosa – in questo contesto piuttosto turbolento, si è mossa in anticipo. Tutti i nostri prodotti, con in testa i nuovi UNO (2.0kW/2.5 kW) ed i TRIO (20.0kW/27.6 kW), infatti, recepiscono già da tempo i requisiti previsti dalle nuove disposizioni garantendo così la piena conformità sia all’Allegato A70 al codice di rete di TERNA che alla norma CEI 0-21”.

“La questione quinto Conto Energia – conclude Riccardo Filosa – presenta elementi di estrema criticità e causerà serie conseguenze per le industrie e per tutti gli operatori del settore fotovoltaico italiano. Power-One ha già espresso in modo chiaro la propria posizione, non c’è alcuna giustificazione ad un taglio netto del mercato di riferimento come quello che ha impostato il Ministero per lo Sviluppo Economico con il V Conto Energia. Senza mercato non esiste alcuna possibilità di sviluppo, per nessuno”.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento