Come si applicano le detrazioni 36% e 50% per i lavori nel 2012?

Il d.l. 83/2012, conosciuto come Decreto Crescita, è entrato in vigore il 26 giugno scorso e a pochi giorni di distanza arrivano i primi chiarimenti in merito all’applicazione delle novità sulle detrazioni del 36% e 50%.

Rispondendo ad un’interrogazione alla Camera, il sottosegretario all’Economia Vieri Ceriani, per conto dell’agenzia delle Entrate, ha fornito alcune precisazioni sui confini del bonus ristrutturazioni del 36 o del 50%  che per il 2012  sono divisi, dalla data dell’entrata in vigore del dl Crescita.

Come previsto dal nuovo provvedimento dal 26 giugno 2012 fino al 30 giugno 2013, l’agevolazione passa al 50%, con un tetto di spesa di 96 mila euro.

In particolare Vieri Ceriani ha chiarito che,  nel caso in cui in un immobile sono effettuati due interventi, il limite massimo per il 2012 non può superare i 96mila euro, limite dal quale  andrà decurtato l’eventuale importo versato per l’intervento (fino al tetto dei 48mila euro, con aliquota al 36%) con data anteriore al 26 giugno 2012.

Per il periodo di imposta 2013, la detrazione del 50% si applica alle spese sostenute dal 1° gennaio  fino al 30 giugno 2013, per un ammontare massimo di 96mila euro, tenendo conto, in caso di mera prosecuzione dei lavori, delle spese sostenute negli anni precedenti.

Se al 30 giugno 2013 sono state sostenute spese per un ammontare pari o superiore a 48mila euro, le ulteriori spese sostenute nel periodo di imposta non consentiranno alcuna ulteriore detrazione del 36 per cento.

Il sottosegretario all’Economia ha inoltre precisato che per “spese sostenute” si intende riferirsi al relativo pagamento senza ulteriori condizioni.

Ricordiamo che  per tutti i fan della Pagina Facebook di Ediltecnico.it abbiamo preparato un file PDF con l’elenco completo e chiaro di tutti i lavori per i quali è valida l’agevolazione fiscale del 50% (con i riferimenti alle leggi citate nell’art. 16 bis del TUIR).

Vai alla Pagina Facebook di Ediltecnico.it, diventa FAN e scarica gratuitamente l’elenco degli interventi di ristrutturazione fiscalmente detraibili.

 

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento