Decreto Crescita, Scia e Dia valide anche per atti regolamentari

Come già anticipato nei giorni scorsi da Ediltecnico.it (leggi Il Decreto Crescita semplifica il percorso per ottenere Scia e Dia) il Decreto Crescita conterrà norme per lo snellimento e la semplificazione dei procedimenti in materia edilizia. Il testo del decreto in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, infatti, contiene all’articolo 13 una norma che interviene in una duplice direzione.

In caso di Scia si estende la modalità di semplificazione, oltre che ai pareri, a tutti gli atti preliminari di altri enti od organi appositi, previsti non solo a livello legislativo ma anche regolamentare.

La stessa previsione di semplificazione procedimentale di principio si prevede espressamente per la DIA, mediante la modifica dell’art. 23 del testo unico dell’edilizia.

Nella relazione si osserva che le leggi regionali prevedono per analoghi interventi Dia e Scia indicazioni in termini spesso confusi ed alternativi. L’obiettivo è dunque rimettere ordine procedimentale, dettando regole di semplificazione analoghe sia che si richieda la Dia sia che si applichi, secondo la disciplina regionale, la Scia.

Con regolamento si procederà successivamente alla individuazione dei criteri e delle modalità per l’utilizzo esclusivo degli strumenti telematici, ai fini della presentazione della denuncia.

Fino all’adozione del regolamento, la denuncia, corredata delle dichiarazioni, attestazioni e asseverazioni nonché dei relativi elaborati tecnici, può essere presentata mediante posta raccomandata con avviso di ricevimento, ad eccezione dei procedimenti per cui è previsto l’utilizzo esclusivo della modalità telematica; in tal caso la denuncia si considera presentata al momento della ricezione da parte dell’amministrazione.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento