Quanto e quanto paghi di imu se sei in ritardo
Quanto e quanto paghi di imu se sei in ritardo

Scaduto il 18 giugno il termine per il versamento del primo acconto Imu, chi non avesse versato in tutto o in parte l’importo dovuto, ha un anno di tempo per ravvedersi e ottenere uno sconto della sanzione, altrimenti pari al 30% delle somme non versate. Lo ricorda Eutekne.info, il quotidiano on line dei commercialisti. Ecco di seguito un promemoria.

Se paghi entro il 2 luglio
La sanzione è dello 0,2% per ogni giorno di ritardo. Ad esempio: nel caso di ravvedimento entro il 22 giugno 2012 (ritardo di 4 giorni), la sanzione sarà pari allo 0,8%. Nel caso di ravvedimento entro l’1 luglio 2012 (ritardo di 13 giorni), la sanzione risulterà del 2,6%.

Se paghi tra il 3 luglio e il 18 luglio
La sanzione è del 3%.

Se paghi tra il 19 luglio e il 17 giugno 2013
La sanzione sarà al 3,75%. Il perfezionamento del ravvedimento implica il contestuale versamento, mediante modello F24, dell’imposta non versata alla scadenza, della sanzione ridotta nelle misure anzidette e degli interessi legali, pari al 2,5% su base annua, calcolati sull’ammontare dell’imposta per cui ci si ravvede.
Per esempio, nel caso di omesso versamento al 18 giugno 2012 di 100 euro, il ravvedimento perfezionato alla data del 30 agosto 2012 (73 giorni di ritardo) implica, oltre al pagamento di una sanzione di 3,75 euro, anche il pagamento di interessi legali in misura pari a 0,5 euro (= 100 x 0,025 x 73 / 365).

Sul modello F24 sanzioni e interessi non devono essere evidenziati a parte. Si sommano invece in un unico rigo insieme all’Imu, utilizzando l’apposito codice tributo. Sul modello va però barrata l’apposita casella “Ravv.” per esplicitare che il pagamento ha natura di ravvedimento operoso.
isogna infine ricordare che il ravvedimento operoso è in ogni caso precluso se al contribuente sia già stata notificata la constatazione della violazione.

Fonte: Ansa

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento