La

La facoltà di Architettura del Politecnico di Bari ha ideato la ‘casa del futuro‘, un prototipo di circa 100mq in fase di costruzione a Bari, in grado di consumare fino al 90% in meno rispetto alle case tradizionali.

Il progetto è stato selezionato insieme ad altri venti progetti di università di tutto il mondo e sarà presentato a settembre a Madrid (Spagna), in occasione della manifestazione internazionale ‘Solar Decathlon Europe 2012’.

Si tratta – rende noto il Politecnico – di una casa autonoma che può assicurare il benessere termico senza alcun impianto di riscaldamento convenzionale (caldaia e termosifoni) perché sfrutta la somma degli apporti passivi di calore dell’irraggiamento solare trasmessi dalle finestre, dal calore generato internamente dai comuni elettrodomestici e dagli occupanti, ricorrendo a fattori fondamentali come:

– l’isolamento termico,
– l’assenza di ponti termici,
– l’elevata impermeabilità all’aria,
– il controllo della ventilazione,
– l’esposizione solare,
– la forma,
– i materiali costruttivi del territorio.

Gli impianti di climatizzazione e di riscaldamento rappresentano un fattore altamente inquinante perché producono gran parte delle emissioni dei gas e di ossido di carbonio (CO2).

Nell’ambito delle ricerche sul risparmio energetico applicato, la facoltà di Architettura del Politecnico di Bari e il Formedil-Bari (Ente per la Formazione Professionale in Edilizia delle Provincie di Bari e Bat), hanno da tempo avviato una collaborazione e realizzato la costruzione di questa struttura eco-sostenibile sperimentale, autosufficiente, denominata ‘Astonyshine‘.

Il prototipo è il risultato della collaborazione scientifica fra la facoltà di Architettura del Politecnico di Bari e l’Ecole Nationale Superieur d’Architecture (ENSA) Paris-Malaquais che sta curando una variante dello stesso progetto per dimostrare la versatilità tecnologica della casa.

Ammessa per la prima volta a partecipare, l’Italia potrà sperimentare il proprio know how in materia di sostenibilità ambientale per produrre un edificio adatto al proprio contesto climatico, economico e sociale e proporre un modello mediterraneo di costruzione sostenibile.

Fonte: Ansa

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento