Testo Manovra Monti con emendamenti
Testo Manovra Monti con emendamenti

Tour de force del Governo Monti. I ministri tutti si impegnano a portare a conclusione l’iter della Manovra Salva Italia entro Natale. Nella notte di ieri hanno portato a conclusione una seduta notturna alla Camera per votare sulle pregiudiziali di costituzionalità e discutere gli emendamenti alla Manovra. Oggi alle ore 10 il Governo, con poche ore di sonno, e speriamo che questo non nuoccia alla qualità dei provvedimenti, come annunciato da Piero Giarda, Ministro per i rapporti con il Parlamento, porrà la fiducia sul testo della manovra uscito dalle Commissioni Bilancio e Finanze della Camera.

 

Come prevede la prassi istituzionale quando si richiede il voto di fiducia, l’Aula di Montecitorio sarà convocata domani alle 9 per le dichiarazioni di voto (è prevista la diretta televisiva). Dalle ore 10 alle 12, la chiama; in seguito, si esamineranno gli ordini del giorno. Alle 18:30, le dichiarazioni di voto finale (in diretta televisiva). Alle 19,30 di domani, il voto definitivo sulla Manovra. Il decreto Salva Italia passerà poi al Senato, dove la discussione dovrebbe iniziare mercoledì 21 e concludersi venerdì 23… e Buon Natale!

 

Ecco il testo della Manovra Monti con le modifiche della Commissione

 

Riassumiamo di seguito ciò che è contenuto negli emendamenti.

 

Sconto Imu: 50 euro per ciascun figlio
La detrazione per il pagamento dell’Imu sulla prima casa aumenta di 50 euro per ciascun figlio sotto i 26 anni, a condizione che il figlio dimori e risieda anagraficamente nell’abitazione principale. L’importo complessivo della maggiorazione non può superare il tetto di 400 euro. Resta confermata la detrazione base di 200 euro e l’aliquote dello 0,4 per mille per la prima casa e dello 0,76 per mille. Non vi è traccia di collegamenti tra la detrazione e la situazione reddituale o patrimoniale dei contribuenti. Non si dice nulla su come si suddivide la detrazione familiare quando vi sono più contitolari dell’immobile.

 

Rivalutazione rendite catastali per istituti di credito e assicurazioni
La base imponibile su cui calcolare l’Imu cambia anche per gli immobili a destinazione diversa da quella residenziale. Per istituti di credito e assicurazioni il coefficiente, moltiplicato per la rendita catastale, determina il valore catastale e l’imposta. Un emendamento eleva a 80 il moltiplicatore, inizialmente fissato a 50 e portato a 60 dal Decreto Legge.

 

Immobili all’estero
Gli emendamenti introducono un’imposta dello 0,76% sul valore degli immobili situati all’estero, a carico delle persone fisiche residenti in Italia proprietarie o titolari. Il valore dell’immobile risulta all’atto di acquisto.

 

Scuole più sicure con Fondi FAS
Edilizia antisismica: si vuole velocizzare l’impiego dei Fondi FAS per mettere in sicurezza le scuole.

 

Autorità vigilanza trasporti
La mobilità urbana collegata a stazioni, aeroporti e porti, le infrastrutture, le reti stradali e autostradali sono sottoposti all’attenzione della vigilanza dell’Autorità.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento