Infrastrutture, da giugno parte il Piano Città con 2 miliardi di fondi

Sarà discusso nei prossimi giorni, forse nel CdM di venerdì prossimo, il “famigerato”  e molto atteso decreto infrastrutture.

Il provvedimento intende rilanciare il settore delle costruzioni e delle opere pubbliche grazie anche al coinvolgimento di capitali privati.

In queste ore il viceministro alle Infrastrutture e trasporti Mario Ciaccia ha annunciato la partenza dal mese di giugno del Piano Città, al termine della riunione del ”Tavolo città“‘ che ha istituito la Cabina di regia, aggiungendo che sono disponibili 2 miliardi per l’avvio dei cantieri.

Gia’ dal 1° giugno, i comuni italiani interessati potranno inviare le proposte di riqualificazione di aree urbane alla Cabina di regia che le valutera’, le dotera’ di risorse e consentira’ agli interventi di partire.

Una volta avviata l’operazione, i soggetti coinvolti (Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero dell’Economia, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero dell’Ambiente, Ministero della Coesione sociale, Ministero dei Beni Culturali, Cassa Depositi e Prestiti, Agenzia del Demanio, Conferenza delle Regioni, Anci, Ance, Federcostruzioni e Confedilizia) e il comune interessato potranno firmare il contratto di valorizzazione urbana, una sorta di accordo di programma che regolamenta gli impegni di piu’ soggetti, con la precisa destinazione delle risorse disponibili.

In prima battuta, il Piano Citta’ potra’ contare su una dotazione di circa 2 miliardi di euro, che comprende i fondi del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, le risorse della Cassa dei depositi e Prestiti destinati alla housing sociale e quelli dell’edilizia scolastica a disposizione del Ministero dell’Istruzione, Universita’ e Ricerca.

A questo ammontare, andranno aggiunte le risorse e gli incentivi di Regioni, Comuni e privati.

Al Piano Casa sara’ dedicata una norma del Decreto Legge Sviluppo all’esame del Governo.

Il Vice Ministro alle Infrastrutture e dei Trasporti, Mario Ciaccia, per accelerare l’iter, ha chiesto alla Cabina di Regia di riunirsi gia’ a meta’ di giugno.

L’Anci ha presentato gia’ una prima selezione che sara’ valutata in occasione della prossima riunione della Cabina di Regia.

”Il nostro intento – ha spiegato Ciaccia – e’ quello di aprire subito i cantieri considerando l’edilizia come volano di crescita e valorizzando porzioni di citta’ degradate che, insieme ai Comuni, potranno essere trasformate in aeree socialmente vitali e fruibili”.

Tra le proposte contenute nel decreto sono da segnalare:

–  iter più rapido per la realizzazione delle opere con ipotesi di una  Conferenza di servizi preliminare, che prende decisioni vincolanti per la Pubblica Amministrazione:

– l’emissione di  project bond per “invogliare” gli investitori verso il finanziamento a lungo termine di progetti infrastrutturali rilevanti;

– ipotesi di defiscalizzazione per i privati;

– utilizzo del credito di imposta da parte dei Comuni per il finanziamento delle opere.

 

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento