Fotovoltaico Made in Italy. Le novità Brandoni Solare a Solarexpo 2012

Brandoni Solare, realtà marchigiana specializzata nella produzione di moduli fotovoltaici, comunica in occasione di Solarexpo 2012 il raggiungimento di un importante traguardo: l’ottenimento della certificazione OHSAS 18001 dal TÜV Intercert.

OHSAS 18001 è il sistema che regola la corretta gestione della salute e della sicurezza sul lavoro. Attraverso questa speciale certificazione Brandoni Solare ha identificato e analizzato quali possono essere i rischi all’interno del proprio ciclo produttivo.

La certificazione OHSAS 18001 attesta l’applicazione volontaria, all’interno di un’organizzazione, di un sistema che permette di garantire un adeguato controllo riguardo alla Sicurezza e la Salute dei Lavoratori, oltre al rispetto delle norme vigenti.

Per un’azienda come Brandoni Solare, l’implementazione e la certificazione di questi Sistemi di Gestione della Sicurezza in conformità alla OHSAS 18001 (richiamata direttamente dall’attuale normativa descritta all’interno del CE Decreto 5 Maggio 2011, articolo 11, comma 6), risultano di fondamentale importanza .

Tale certificazione è infatti, la condizione necessaria per l’accesso alle tariffe incentivanti degli impianti che entrano in esercizio successivamente al 30 Giugno 2012. La certificazione OHSAS 18001 si integra, inoltre, alle certificazioni ambientali ISO 9001:2008 e ISO 14001 ottenute dall’azienda.

Tutte queste certificazioni testimoniano che Brandoni Solare è consapevole dell’importanza di una corretta gestione delle risorse a disposizione, dei luoghi di lavoro e dei propri lavoratori, per crescere ed evolversi con uno sguardo attento all’ambiente e al corretto svolgimento dell’intero ciclo produttivo.

Il pannello solare ibrido e il pannello fotovoltaico colorato sono le due novità di prodotto per il mercato del solare e del fotovoltaico che l’azienda marchigiana presenta ai visitatori di Solarexpo.

Con il rivoluzionario pannello solare ibrido per la produzione congiunta di energia e calore Brandoni Solare ha voluto unire alla tecnologia del solare fotovoltaico quella del solare termico, dando origine a una soluzione ottimale che offre la possibilità di produrre energia elettrica e al contempo calore.

Poiché il modulo fotovoltaico è in grado di raccogliere solo una parte dei raggi solari che riceve, con il nuovo pannello ibrido progettato da Brandoni Solare, il calore termico non utilizzato dal pannello fotovoltaico tradizionale viene recuperato e assorbito da uno scambiatore che aiuta a migliorare il rendimento della produzione elettrica del modulo fotovoltaico. Grazie al pannello ibrido è possibile utilizzare l’energia dispersa dal modulo fotovoltaico per produrre acqua calda sanitaria, oppure attraverso un’apposita integrazione, utilizzare l’acqua calda per il riscaldamento domestico.

Per rispondere, invece, alle esigenze di integrazione architettonica a cui il settore delle costruzioni e della progettazione deve fare fronte, Brandoni Solare ha messo a punto un innovativo modulo fotovoltaico con celle colorate realizzato interamente in Italia. Il processo di produzione altamente tecnologico ha consentito la realizzazione di un modulo estremamente efficiente: il nuovo modulo policristallino, costituito da 60 celle 156X156mm a 3 busbar, vanta infatti una potenza di 225W.

La linea di produzione dello stabilimento produttivo Brandoni Solare di Castelfidardo assembla il modulo fotovoltaico in maniera totalmente automatizzata: la stringa da 60 celle viene incapsulata all’interno di due fogli di EVA (Ethyl Vinyl Acetate) laminati a loro volta tra un vetro temperato di 4mm e un foglio di Tedlar trasparente multistrato posizionato nella parte posteriore.

Il vetro temperato del modulo garantisce elevata robustezza e trasparenza, oltre ad un’ ottima protezione contro gli agenti atmosferici come pioggia, neve o grandine. Con questo nuovo modulo fotovoltaico Brandoni Solare è riuscita a realizzare il compromesso ideale per progettisti e architetti che prediligono la migliore integrazione architettonica nei progetti di inserimento di componenti fotovoltaici.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento