Imu, le imprese possono compensare con i crediti vantati verso le p.a.

Con l’avvicinarsi della scadenza per il pagamento dell’acconto Imu l’associazione di categoria Cna di Forlì-Cesena ha lanciato una proposta al governo Monti proprio sull’Imposta Municipale unica: compensare quanto dovuto per l’IMU con i crediti vantati nei confronti della pubblica amministrazione per le imprese fornitrici dei comuni che sono in attesa di essere pagate.

Per il presidente di Cna Forlì-Cesena, Enzo Cortesi, non si tratta di una provocazione, ma di una proposta concreta e attuabile, anche grazie a una moratoria.

“Si avvicina la scadenza per il pagamento dell’IMU e le imprese fanno i conti – precisa Cortesi – . C’è chi, a Forlì, per un capannone di 630 mq dovrà pagare 2.073 euro di IMU, circa il 70% in più rispetto all’ICI. Chi per un negozio di 95 mq vedrà raddoppiato l’importo da pagare: da poco più di 400 a 800 euro.

A Cesena gli aumenti rispetto all’ICI superano l’80% – aggiunge -. C’è chi per un laboratorio artigiano di 2.150 mq dovrà pagare 8.740 euro rispetto ai 4.800 dell’ICI. Chi per un capannone di 517 mq dovrà pagare 2.351 euro di IMU rispetto a 1.290 di ICI”.

Il presidente di Cna Forlì-Cesena sottolinea che in un periodo di difficoltà economica le aziende si dovranno a dover pagare tasse locali pur vantando crediti dalle pubbliche amministrazioni, che vengono saldati con i consueti tempi biblici.

“Infatti pagare in ritardo, secondo una recente indagine SWG per CNA, rappresenta purtroppo una regola, e non l’eccezione, per la pubblica amministrazione – aggiunge Enzo Cortesi – . Il 73% degli enti pubblici italiani paga oltre la scadenza contrattuale. Per le imprese delle costruzioni il tempo complessivo di incasso delle fatture emesse verso enti della PA è di 238 giorni”.

“Come conseguenza, il 45% delle imprese intervistate denuncia una mancanza di liquidità derivante dai ritardi dei pagamenti, tanto che il 21% di esse deve sostenere costi aggiuntivi dovuti al pesante utilizzo dello scoperto bancario proprio per fronteggiare la carenza di liquidità”.

“In queste condizioni, l’esborso legato al versamento dell’IMU è davvero la goccia che fa traboccare il vaso! Ai nostri imprenditori non manca certo il senso di responsabilità e non è sicuramente intenzione di CNA incitare alla disobbedienza fiscale, ma cercare soluzioni concrete per le imprese sì.  – continua – È per questo che proponiamo una cosa molto semplice: compensare quanto dovuto per l’IMU con i crediti vantati nei confronti della pubblica amministrazione per le imprese fornitrici dei comuni che sono in attesa di essere pagate.

Non si può più chiedere alle imprese di fungere da banche anticipando liquidità allo Stato! Questa è una proposta semplice, concreta e attuabile. Che sarebbe per le imprese un segnale di vicinanza importantissimo e una testimonianza della volontà di sostenere l’economia del territorio”.

“La stupida burocrazia non ce lo permetterà mai? Abbiamo trovato una soluzione anche per questo: una moratoria, ossia un patto tra amministrazioni locali e contribuenti che preveda che le imprese paghino l’IMU solo nel momento in cui riscuotano effettivamente i crediti vantati, senza sanzioni né interessi.

Un modo per ingenerare un circolo virtuoso, anche per recepire finalmente la direttiva comunitaria contro i ritardi di pagamento, che stabilisce per le pubbliche amministrazioni tempi di pagamento non superiori ai 30 giorni”.

Per il presidente di Cna Forlì-Cesena  non ci sono più scuse:  è ora di ricevere risposte concrete da parte delle amministrazioni che potranno fare anche molto di più se decideranno, come chiede CNA, di rivedere le aliquote per gli immobili produttivi delle imprese. Cosa che, ricordiamoci, entro il 30 di settembre hanno tutte la possibilità di fare.

Fonte: Cna Forlì-Cesena

Per calcolare rapidamente l’importo dell’Imu vi segnaliamo il nostro software gratuito di calcolo, segnaliamo per un maggiore approfondimento sull’argomento lo Speciale Imu

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento