Il testo prevede

Dal 1° gennaio 2013 sarà in vigore su tutto il territorio nazionale la tassa comunale sui rifiuti e servizi, Tres, per coprire i costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento, svolto in regime di privativa dai comuni, e dei costi relativi ai servizi indivisibili dei comuni.

A stabilirlo èl’articolo 14 della manovra “”Salva Italia”, precisando che Il tributo e’ dovuto da chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani.

Sarà emanato entro il 31 ottobre 2012 un regolamento che stabilirà i criteri per l’individuazione del costo del servizio di gestione dei rifiuti e per la determinazione della tariffa.

Il Tres andrà a coprire anche una parte dei costi relativi ai servizi indivisibili, come ad esempio le spese per manutenzione strade, illuminazione e polizia locale.

Al tributo sarà agigunta  una maggiorazione pari a 0,30 euro per metro quadrato, che i Comuni potranno alzare fino a 0,40 euro.

Per i comuni che hanno già realizzato sistemi di misurazione puntuale della quantità di rifiuti il provvedimento prevede comunque  “l’applicazione di una tariffa corrispondente”. Alla tariffa verrà anche applicato un “coefficiente di riduzione proporzionale alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero”.

Previste anche riduzioni per la raccolta differenziata riferibile alle utenze domestiche.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento