Un emendamento alla manovra finanziaria in via di presentazione prevede che le Super Detrazioni 70, 75, 85% per i condomìni siano possibili solo se si raggiunge la classe energetica A1.

Raggiungere la classe energetica A1

L’idea migliore è, come si è detto in questi ultimi mesi, il tentativo di unificare i lavori di riqualificazione e quelli per ridurre il rischio sismico. Ma rischia di non prendere piede perché passare in classe energetica A1 (condizione sine qua non) non è facile, soprattutto per gli edifici vecchi, come i condomìni.

Comunque, riassumendo, il quadro delle detrazioni per i condomini è:

La detrazione del 65% o ecobonus è riconosciuta anche ai fino al 31 dicembre 2021, in generale per gli interventi di efficientamento energetico.

Leggi anche Sottotetto Condominio: è sempre parte comune, tranne in due casi

In più, ci sono tre step per la detrazione per il condominio:

1) detrazione 70% per gli interventi in condominio solo se avviene il passaggio dell’edificio alla classe energetica A1 (il 90% del patrimonio è nelle classi B o C).

2) detrazione 75% se, oltre a raggiungimento della classe energetica A/1, si passa a una classe inferiore per quanto riguarda la classificazione antisismica.

3) detrazione 85% se, oltre a raggiungimento della classe energetica eA/1, si passa a due classi inferiori della classificazione antisismica.

La possibilità di cedere il credito d’imposta verrebbe riconosciuta a tutti i condòmini ma solo se raggiungono almeno la classe A1 (nelle lettere c, d ed e).

Leggi anche Termoregolazione e Contabilizzazione del calore in condominio, facciamo chiarezza

La nuova assemblea condominiale

La nuova assemblea condominiale

Gianfranco Di Rago, 2016, Maggioli Editore

La nuova edizione di  questo  volume  intende  esporre in maniera sintetica le principali problematiche legate allo svolgimento dell’attività dell’assemblea condominiale, con un occhio di particolare...

29,00 € 24,65 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Cessione del credito d’imposta

Inoltre, nella legge di Bilancio forse verrà inserita una novità sul bonus energetico per i condomìni: la possibilità di cedere il credito d’imposta, che ora è solo per i condòmini incapienti, potrebbe essere allargata a tutti. L’emendamento è comunque in attesa di copertura in relazione proprio al problema degli incapienti. La novità è che il credito d’imposta sarebbe realizzabile solo con le banche e con le grandi società che distribuiscono o vendono energia e gas e loro partecipate. Non con i privati e le piccole imprese.

Il termine per la presentazione degli emendamenti in commissione Bilancio è oggi ma le modifiche potrebbero essere proposte in seguito con un maxiemendamento.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento