L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato le istruzioni per ottenere il credito d’imposta per far fronte ai danni causati dal Terremoto del 24 agosto.

Clicca qui per scaricare le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate. Le trovi anche spiegate di seguito.

Credito d’imposta: accesso al finanziamento agevolato

1.1. Il credito d’imposta previsto dall’articolo 5, comma 5, del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, in relazione all’accesso ai finanziamenti agevolati, è commisurato, per ciascuna scadenza di rimborso del finanziamento, all’importo ottenuto sommando alla sorte capitale gli interessi dovuti, nonché le spese strettamente necessarie alla gestione dei medesimi finanziamenti.

1.2. Il credito d’imposta di cui sopra è utilizzato dal beneficiario del finanziamento per corrispondere le rate di rimborso del finanziamento stesso.

1.3. Il soggetto finanziatore recupera l’importo della sorte capitale e degli interessi nonché delle spese strettamente necessarie alla gestione del medesimo finanziamento mediante l’istituto della compensazione di cui all’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, senza l’applicazione del limite di cui all’articolo 34 della legge 23 dicembre 2000, n. 388 ovvero di quello previsto dall’articolo 1, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244.

La compensazione è esercitata a partire dal giorno successivo alla scadenza di ogni singola rata di restituzione del finanziamento.

Leggi anche Secondo Decreto Terremoto approvato, ecco come funziona

Provvedimento prot. n. 186585 del 4 novembre 2016
Le somme di cui al punto 1.3 sono recuperate dal soggetto finanziatore anche mediante la cessione del credito secondo quanto previsto dall’articolo 43-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, ovvero ai sensi dell’articolo 1260 codice civile. Il credito ceduto deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi del soggetto cessionario relativa al periodo d’imposta in cui è avvenuta la cessione.

Come trasmettere i dati per ottenere il credito

Il soggetto finanziatore comunica all’Agenzia delle entrate, esclusivamente in via telematica, gli elenchi dei soggetti beneficiari, l’ammontare del finanziamento concesso a ciascun beneficiario, il numero e l’importo delle singole rate, i dati di eventuali risoluzioni, secondo modalità e termini approvati con successivo provvedimento.

Decreto Terremoto 24 agosto: Amatrice

Ricordiamo che il primo Decreto Terremoto, quello varato in seguito alla scosse del 24 agosto, è in vigore dal 19 ottobre scorso.

 

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento