edilizia residenziale

L’ edilizia residenziale contemporanea si caratterizza per la differenziazione dei riferimenti formali, ma non può prescindere da una seria impostazione energetica e ambientale: l’unione di questi due aspetti è sinonimo di qualità architettonica e benessere per gli abitanti.

Da questa considerazione è nato il sodalizio fra Regnauer – azienda tedesca con 80 anni d’esperienza nel settore degli edifici in legno – e Design Haus Italia – società di costruzione con sede a Castel Goffredo (Mantova) fortemente orientata alla bioedilizia – che hanno unito le rispettive competenze per offrire al mercato italiano un prodotto ai massimi livelli: la cosiddetta “casa vitale”.

“Si tratta di edifici di altissima qualità architettonica e prestazionale – spiega il geom. Alberto Casella, Amministratore delegato di Design Haus Italia – caratterizzati dall’elevata precisione nella realizzazione di tutti i componenti costruttivi, che concorrono alla realizzazione di ambienti domestici di pregio. Di conseguenza siamo i partner ideali quando si tratta di progetti ricercati che, di solito, le aziende vocate alla produzione in grandi numeri non sono in grado di sviluppare con la dovuta attenzione a tutti gli aspetti estetici, costruttivi e prestazionali”.

Villa unifamiliare ad Almenno San Bartolomeo

Ampia oltre 260 metri quadrati, la villa è situata ad Almenno San Bartolomeo, ai piedi delle colline bergamasche.

“Sopra la platea in calcestruzzo armato, la struttura antisismica a telaio in legno consente di massimizzare l’efficienza energetica, senza rinunciare a un’immagine moderna che alterna con sapienza candidi volumi orizzontali, rifiniti con intonaco e doghe in legno, con setti verticali rivestiti in pietra e tetti a falde.

Villa-Almenno-4

Gli ambienti principali si sviluppano al piano terreno, attorno alla zona giorno a doppia altezza, disposti secondo il tragitto del Sole che li inonda di luce grazie alle ampie superfici trasparenti, fisse e apribili, protette da frangisole mobili ad azionamento elettronico. Gli spazi di servizio, rivolti a nord e a ovest, dispongono invece di aperture più piccole.

La corretta gestione degli apporti solari, l’elevato livello di isolamento termoacustico dell’intero involucro e la scelta di soluzioni per la climatizzazione di ultima generazione hanno portato a un edificio estremamente salubre e parco nei consumi, certificato in classe energetica A+.”

Qual è stato il percorso che ha portato alla realizzazione?

“Il progetto originario è stato ingegnerizzato nei minimi particolari, prefabbricando tutte le componenti con materiali bio-compatibili in modo da completare la costruzione in poche settimane di cantiere. L’accuratezza delle finiture esalta l’elevato livello di comfort termoigrometrico ottenuto con sistemi energeticamente sostenibili.

Villa-Almenno-3

La selezione dei componenti specialistici costituisce un ulteriore aspetto qualificante. È il caso, ad esempio, dei portoni sezionali Hörmann utilizzati per la chiusura dei due garage, che abbiamo scelto per soddisfare le esigenze dei committenti e le indicazioni dei progettisti. Il rivestimento della parete nella quale sono inseriti i portoni era infatti previsto in doghe di legno romboidali, tinteggiate in grigio.

Abbiamo perciò applicato dei supporti metallici ai telai dei portoni, in modo da sostenere i travetti in legno sui quali abbiamo fissato le doghe orizzontali. Il risultato ottenuto è notevole: quando sono chiusi i portoni risultano praticamente invisibili e contribuiscono all’immagine complessiva dell’edificio. Su indicazione della nostra casa madre Regnauer, infatti, utilizziamo i prodotti Hörmann da otto anni con la massima soddisfazione nostra e dei nostri clienti.”

I portoni sezionali Hörmann

I 2 portoni sezionali Hörmann installati presso la villa ad Almenno San Bartolomeo sono del modello ALR40, composto da una struttura in profili d’alluminio, leggera e resistente, appositamente studiati per le applicazioni personalizzate in ambito industriale e impiegati, in questo caso, per uniformare il rivestimento esterno all’immagine dell’edificio.

La superficie visibile di entrambi i portoni è infatti formata da listoni in legno di larice (sezione 70 x 27 mm), applicati ai telai e rifiniti con vernice di colore grigio chiaro. Uniformandosi alle scelte cromatiche generali, la presenza dei portoni è percepibile solo quando si aprono grazie alla motorizzazione Supramatic H.

Villa-Almenno-5

A fronte di un campo d’impiego estremamente ampio (larghezza massima 8.000 mm; altezza massima 7.000 mm), le dimensioni dei portoni installati (larghezza 4.870 e 2,610 mm; altezza 2.170 mm) sono ideali per ottimizzare le prestazioni tecniche:

  • resistenza al carico di vento Classe 3,
  • impermeabilità all’acqua Classe 3 (70 Pa);
  • permeabilità all’aria Classe 2;
  • insonorizzazione 19 dB.

Le prestazioni termoisolanti sono comprese fra 3,0 e 3,6 W/m2K, a seconda della configurazione. Per garantire la massima versatilità si possono inoltre inserire porte pedonali e finestrature.

Oltre ai portoni, Hörmann ha fornito anche la porta modello D65 (colore RAL 7047), ad uso esterno per la centrale termica, e 2 porte antincendio (REI 120). L’intera fornitura è stata effettuata dall’agenzia Tecnorappresentanze di Medole (Mantova); la commessa è stata seguita dall’agente Attilio Sarzi Amadè.

Scheda progetto

Progettazione: Ar.Tech Architettingegneri
Impresa: Design Haus Italia
Capocommessa: geom. Alberto Casella
Portoni: Hörmann – ALR40
Porta esterna: Hörmann – D65
Agenzia: Tecnorappresentanze
Agente: Attilio Sarzi Amadè

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento