Ministero dello Sviluppo economico (MISE), Commissione europea, BEI e FEI hanno lanciato Iniziativa PMI, che prevede 1 miliardo e 200 milioni di nuove risorse finanziarie per le piccole e medie imprese del Sud Italia e delle Isole.

L’iniziativa rappresenta uno strumento finanziario innovativo, basato sulla tecnica della cartolarizzazione di crediti esistenti per liberare risorse di banche (e di altri intermediari finanziari) e concederle, in nuovi prestiti, alle imprese.

Grazie all’intervento di BEI e FEI, circa 1,2 miliardi di nuovi prestiti a tassi favorevoli saranno erogati alle PMI operanti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Per questo progetto l’Italia ha messo a disposizione 202,5 milioni di euro: 100 milioni di Fondi strutturali FESR, a cui il Governo ha aggiunto altri 102,5 milioni.

Leggi anche Programmazione interventi pubblici, 40 miliardi per le infrastrutture: focus sui Patti per il Sud

“Nel panorama dell’economia italiana le piccole e medie imprese sono le più colpite dal credit crunch: per molte di esse l’accesso al credito è problematico da anni, specialmente per quelle del Mezzogiorno” sottolinea il Ministro Calenda. Con questa iniziativa, il Governo mette a disposizione 200 milioni di risorse “per generare, grazie all’intervento del gruppo BEI, uno stock complessivo di 1,2 miliardi di euro di nuovo credito. È una cifra importante, che avrà effetti positivi per migliaia di PMI del Sud e per le persone che vi lavorano“.

Nei prossimi giorni il FEI pubblicherà un invito a manifestare interesse finalizzato a selezionare gli intermediari finanziari (banche, istituti di garanzia, società di leasing) che potranno cartolarizzare i crediti e cederli a una società veicolo (SPV – Special Purpose Vehicle), la quale si finanzierà tramite l’emissione di obbligazioni (ABS – Asset Backed Securities) sottoscritte da BEI e FEI.

Concluso questo complesso meccanismo i prestiti saranno disponibili per le piccole e medie imprese delle 8 regioni selezionate.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento