Il caso dell'APE a basso costo senza sopralluogo

Comprereste un telefonino ad un prezzo stracciato, ma consapevoli che all’interno dello scatolo vi sia un mattoncino al posto del dispositivo? Certamente no. Eppure quando si tratta dell’attestato di prestazione energetica l’utente finale non ha dubbi: spendere il meno possibile senza chiedersi se sia a norma o no. E così, nella certezza che il tecnico incaricato sia l’unico ad avere l’onere di assumersi ogni responsabilità di eventuali difformità del documento, al cliente basta digitare sul proprio motore di ricerca preferito la chiave “certificazione energetica” ed ecco che nelle prime posizioni, sponsorizzate, escono le offerte di APE a basso costo: attestati redatti a partire da un minimo di 45 euro fino ad un massimo di 59 euro. Mentre su Groupon o Groupalia si risparmia anche di più: a partire da 34,90 euro.

APE a basso costo: ma come sono queste “offerte”?

Per chi lavora sul campo nasce immediatamente la curiosità di sbirciare nel merito le offerte. Si tratta per lo più di reti di professionisti che si spartiscono, in virtù dei propri accreditamenti, le zone di competenza in base alle diverse normative o disposizioni regionali. Fin qui il tutto non fa una grinza. Il sito potrebbe rappresentare un raccoglitore di richieste che poi vengono distribuite ai professionisti della rete in base all’ubicazione dell’edificio da certificare.

Ma non è così. La procedura è tanto più semplice ed immediata tanto più scorretta e poco professionale:
1) Inserisci i tuoi dati e quelli dell’Immobile da certificare;
2) Paghi il servizio con carta di credito o Pay Pal;
3) Elaboriamo la Certificazione Energetica in conformità alla normativa vigente (ma no?);
4) Ricevi la Certificazione Energetica via email in 48 ore ed entro le 48 ore successive ricevi l’originale.

Procedendo nella richiesta devono essere inseriti i dati del richiedente, il titolare dell’immobile, i dati dell’immobile da certificare (indirizzo, dati catastali, tipologia immobile, tipologia costruzione, tipo di impianto e tipo di generatore per acqua calda sanitaria) e la motivazione della richiesta. Se proprio si vuole dare qualche dato più specifico si chiede di inserire nel campo “note eventuali” tutto ciò che si ritiene opportuno indicare. In particolare si consiglia, se sono stati fatti, interventi di riqualificazione energetica o se l’immobile ha già delle caratteristiche utili al risparmio energetico, per esempio: infissi con doppi vetri, vetro camera, coibentazione sia delle pareti che del soffitto, caldaia a condensazione e tutto ciò che riguarda il risparmio energetico. Per finire basta inserire l’indirizzo al quale si intende ricevere l’attestato e si procede al pagamento con paypal o bonifico. Tutto molto facile, entro 48 riceveremo il nostro certificato.

Prontuario alla compilazione dell\'Attestato di Prestazione Energetica

Prontuario alla compilazione dell\'Attestato di Prestazione Energetica

S. Ciciriello, 2016, Maggioli Editore

L'ebook è un utile prontuario per tutti i certificatori energetici. Offre indicazioni sulle procedure necessarie al fine di redigere l’attestato di prestazione energetica (APE), dalla fase di sopralluogo all'invio dello stesso agli uffici regionali competenti, secondo...

12,90 € 12,90 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Certificatore energetico “Chi l’ha Visto?”

In quasi tutti i casi i siti funzionano allo stesso modo: non è dato sapere il nome del professionista, spesso tra i contatti non vi è l’indirizzo o un contatto telefonico e il dominio è registrato a Toronto. Alla faccia della trasparenza. Ma vi sono anche casi in cui invece è possibile risalire alla società o al professionista, evidentemente così sicuro di rimanere impunito, che non ha problemi a dichiararsi online.

Oltre alle varie non conformità alla procedura di attestazione di prestazione energetica descritta dal d.m. 26 giugno 2015 “Linee Guida Nazionali per l’Attestazione della Prestazione Energetica degli Edifici”, ben facili da intuire, vien subito da chiedersi: e il sopralluogo? Non è obbligatorio?

Infatti, all’articolo 4, comma 6 del d.m. succitato si dispone che “In ogni caso, il soggetto abilitato (…) che redige l’APE, deve effettuare almeno un sopralluogo presso l’edificio o l’unità immobiliare oggetto di attestazione, al fine di reperire e verificare i dati necessari alla sua predisposizione“.

Che fine ha fatto il sopralluogo obbligatorio?

Inoltre, al paragrafo 7 punto 1 dell’Allegato al decreto si afferma che “La procedura di attestazione della prestazione energetica degli immobili comprende il complesso di operazioni svolte dai soggetti certificatori ed in particolare: l’esecuzione di un rilievo in sito (sopralluogo obbligatorio) e, se del caso, di una verifica di progetto, finalizzati alla determinazione dell’indice di prestazione energetica dell’immobile e all’eventuale redazione di una diagnosi energetica, per l’individuazione degli interventi di riqualificazione energetica che risultano economicamente convenienti. Queste operazioni comprendono:
a) il reperimento dei dati di ingresso, relativamente alle caratteristiche climatiche della località, alle caratteristiche dell’utenza, all’uso energetico dell’immobile e alle specifiche caratteristiche dell’edificio e degli impianti, avvalendosi, ove disponibile dell’attestato di qualificazione energetica;
b) l’individuazione del modello di calcolo, procedura e metodo, e la determinazione della prestazione energetica secondo i metodi di calcolo indicati ai precedenti capitoli, relativamente a tutti gli usi energetici pertinenti per l’edificio, espressi in base agli indici di prestazione energetica totale e parziali;
c) l’individuazione delle opportunità di intervento per il miglioramento della prestazione energetica in relazione alle soluzioni tecniche proponibili, ai rapporti costi-benefici e ai tempi di ritorno degli investimenti necessari a realizzarle.

Il certificatore ha, ancora, il dovere di informare il committente dell’obbligatorietà del sopralluogo (paragrafo 7.1 “Modalità di svolgimento del servizio di attestazione della prestazione energetica” e 7.1.1 “Informativa del soggetto certificatore”).

Infine all’art.15, comma 3 del dlgs 192/2005 e ss.mm.ii. (di cui il d.m. 26/6/2015 è un decreto attuativo) sono previste pesanti sanzioni:
Il professionista qualificato che rilascia (…) un attestato di prestazione energetica degli edifici senza il rispetto dei criteri e delle metodologie di cui all’articolo 6, è punito con una sanzione amministrativa non inferiore a 700 euro e non superiore a 4200 euro. L’ente locale e la regione o la provincia autonoma, che applicano le sanzioni secondo le rispettive competenze, danno comunicazione ai relativi ordini o collegi professionali per i provvedimenti disciplinari conseguenti.

Prima dell’uscita delle nuove Linee Guida Nazionali c’era una forte attenzione verso le offerte di APE a basso costo. Sacert, autorevole associazione di settore, aveva lanciato la campagna “sOFFRIAMO a basso costo”, denunciando pubblicamente sul proprio sito gli attori coinvolti. Molti ordini e collegi sono intervenuti a denuncia di una pratica che, seppur scorretta, all’epoca era ancora in qualche modo legale, vista la poca chiarezza delle normative.

Con l’entrata in vigore dell’ultimo decreto ministeriale quel movimento di “indignazione” è cessato. Probabilmente si è pensato che le nuove regole, chiare e limpide, avrebbero smantellato la rete di offerte truffaldine e, ora si, illegali, soprattutto in merito all’obbligatorietà del sopralluogo. Ed infatti tutti i promotori della sua introduzione, tra cui ordini e collegi professionali nonché autorevoli professionisti del settore, la sbandierarono in pompa magna rappresentandola come il giusto provvedimento che avrebbe messo fine alle truffe online, all’abbassamento eccessivo delle offerte e alla credibilità del documento stesso, che si riteneva si fosse troppo inflazionata. A ragione, ma ingenuamente.

Prontuario di gestione degli APE (Attestato di Prestazione Energetica)

Prontuario di gestione degli APE (Attestato di Prestazione Energetica)

Paolo Zanoli, 2016, Maggioli Editore

Questo prontuario è indirizzato a tutti coloro che frequentemente hanno la necessità di gestire casi o problematiche relative agli Attestati di Prestazione Energetica degli edifici come:
- conoscere se occorre l'attestato nel caso di immobili soggetti a...

12,90 € 11,90 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Controlli e sanzioni: missing in action?

Se è possibile ancora così facilmente trovare online offerte di APE a basso costo e professionisti che sfacciatamente se ne infischiano delle disposizioni legislative, allora c’è ancora qualcos’altro che non va: si tratta dei controlli e delle sanzioni. Se questi non saranno al più presto avviati in tutta Italia, è solo un miraggio sperare nella credibilità dell’attestazione di prestazione energetica e all’innalzamento professionale e qualitativo generale del settore.

Allo stato attuale, di fatto, tra professionisti scorretti, clienti del risparmio a tutti i costi, istituzioni pressoché assenti e ordini o collegi professionali che tollerano salvo qualche sporadico intervento di condanna durante convegni autoreferenziali, gli unici a rimetterci sono i professionisti seri e onesti che devono sgomitare in un mercato drogato dagli scorretti e sono costretti ad accontentarsi delle briciole pur mantenendo tariffe concorrenziali che sviliscono il proprio decoro professionale, che invece, nonostante tutto, resiste.

Il manuale del consulente  e del certificatore  energetico

Il manuale del consulente e del certificatore energetico

Lorenzo Maria Maccioni - Giovanna Benvenuti, 2015, Maggioli Editore

L’efficienza energetica in edilizia rappresenta un punto di arrivo per progettisti e addetti ai lavori dei giorni d’oggi; le più avanzate tecniche progettuali e le normative vigenti in materia vedono nell’efficienza energetica il punto di partenza...

32,00 € 27,20 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento