Prevenzione incendi edilizia scolastica

Il Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 16 febbraio 2016 è in vigore dal 31 maggio 2016. All’interno del Decreto è stato potenziato il Nuovo Conto Termico, che prevede l’erogazione di incentivi a sostegno di interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili negli immobili pubblici e privati. Il Nuovo Conto Termico prevede anche i fondi destinati alla Pubblica Amministrazione, che ammontano a 200 milioni euro all’anno.

Scarica il Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 16 febbraio 2016

In base al tipo di intervento realizzato, la percentuale di copertura va dal 40% al 100% delle spese ammissibili. Prevista una modalità prenotazione per gli interventi ancora da realizzare, con erogazione di un primo acconto all’avvio dei lavori e il saldo alla conclusione.

Leggi anche Ecco come calcolare gli incentivi del Conto Termico 2016

L’allegato al D.M. 16 febbraio 2016 indica i criteri di ammissibilità a questi fondi. Le Amministrazioni dello Stato possono beneficiarne: sono quindi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative.

Le condizioni sono indicate negli Allegati I e II, comprese le spese ammissibili di cui all’art. 5.

Clicca qui per consultare le Regole Applicative. Il documento descrive le modalità di accesso agli incentivi, i requisiti e le modalità di calcolo con riferimento alle diverse tipologie di soggetto ammesso. Clicca per quelli relativi alla Pubblica Amministrazione.

Il nuovo conto termico

Il nuovo conto termico

Antonio D’Angola - Raffaele Pepe - Massimo Scuderi, 2016, Maggioli Editore

Il Conto Termico un incentivo agli interventi di risparmio energetico e di efficienza di piccole dimensioni tanto prezioso quanto fino ad oggi misterioso. Eppure l’efficientamento energetico degli impianti, la riduzione dei consumi energetici e i conseguenti benefici...

25,00 € 22,50 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

 

Gli interventi incentivati sono:

a) isolamento termico di superfici opache delimitanti il volume climatizzato;
b) sostituzione di chiusure trasparenti comprensive di infissi delimitanti il volume climatizzato;
c) sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale utilizzanti generatori di calore a condensazione;
d) installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento di chiusure trasparenti con esposizione da Est-sud-est a Ovest, fissi o mobili, non trasportabili;
e) trasformazione degli edifici esistenti in “edifici a energia quasi zero”;
f) sostituzione di sistemi per l’illuminazione d’interni e delle pertinenze esterne degli edifici esistenti con sistemi efficienti di illuminazione;
g) installazione di tecnologie di gestione e controllo automatico (building automation) degli impianti termici ed elettrici degli edifici, ivi compresa l’installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore.

La richiesta degli incentivi può avvenire attraverso la modalità “accesso diretto” a seguito della conclusione dell’intervento.

La richiesta di concessione degli incentivi va presentata al GSE, attraverso il Portaltermico. La richiesta va fatta entro 60 giorni dalla data di conclusione dell’intervento.

Tutta la documentazione normativa e le informazioni di dettaglio sono reperibili online sul sito del GSE.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento