Efficienza energetica degli edifici, nuove regole dall'Ue

Sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea  è stato pubblicato il nuovo Regolamento n. 244/2012, sulla metodologia che gli Stati membri devono utilizzare per calcolare i requisiti minimi di prestazione energetica per gli edifici nuovi e già esistenti.

L’obiettivo è assicurare che i limiti imposti dai diversi Paesi membri permettano di raggiungere gli obiettivi di risparmio energetico assunti dall’Unione europea.

Nell’Allegato I sono definite le norme per comparare le misure di efficienza energetica,  in materia di promozione delle fonti rinnovabili e i livelli ottimali di prestazione energetica in funzione dei costi, adottate dai diversi governi.

Ora gli Stati membri dovranno confrontare le proprie norme  con la metodologia comparativa tracciata dal Regolamento e trasmettere a Bruxelles una relazione dettagliata con tutti i dati utilizzati per il calcolo i relativi risultati.

La relazione dovrà contenere i fattori di conversione dell’energia primaria applicati, i risultati dei calcoli sul piano macroeconomico e finanziario, e altri dati, tenendo anche conto dell’evoluzione prevista dei prezzi di energia e carbonio.

Per l’applicazione pratica della metodologia la Commissione Ue renderà disponibili delle linee guida.

Fonte: Eco dalle Città

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento