Aggiornamento del 13 ottobre. L’Anas ha prorogato alle 12 del 15 novembre la scadenza del bando per la concessione in gestione e valorizzazione delle case cantoniere. Il termine è stato posticipato per favorire la massima partecipazione alla gara, anche dopo le molte richieste. La scadenza precedente era fissata per il 31 ottobre. La proroga è quindi di 15 giorni.

La proroga è pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 118 del 12 ottobre 2016. Il bando per la concessione della gestione e valorizzazione degli immobili, era stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale lo scorso 15 luglio.

***

Il primo bando Case cantoniere Anas è arrivato. Vi siete mai chiesti: ma chi ci abita dentro a queste case? A cosa servono? Ecco la risposta e la soluzione. Le case cantoniere, infatti, si rifanno il look: Anas e Agenzia del Demanio, infatti, presentano insieme il primo bando di gara per l’affitto delle prime 30 case cantoniere (di proprietà dell’Anas). Queste infrastrutture storiche devono diventare luogo di informazione turistica e promozione territoriale, recuperando la loro funzione di assistenza al cliente stradale. Con il progetto delle case cantoniere si apriranno spazi di accoglienza e vivibilità in immobili oggi in disuso, lungo i più suggestivi percorsi religiosi, turistici e naturalistici del nostro Paese.

SCARICA IL BANDO CASE CANTONIERE ANAS

SCARICA L’ELENCO DELLE PRIME CASE CANTONIERE CHE SARANNO RIUTILIZZATE

La ristrutturazione dell’immobile è a carico di Anas mentre il concessionario corrisponderà un canone, oltre a un contributo variabile in funzione del fatturato generato dall’attività imprenditoriale. I contraenti saranno individuati sulla base del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Le concessioni dureranno 10 anni, trascorsi i quali si procederà ad un nuovo bando di gara.

casa_cantoniera_x

Turismo, cultura, accoglienza, ristorazione, ospitalità: sono le tipologie del servizio che le case cantoniere inserite nel progetto pilota dovranno offrire ai clienti su tutto il territorio.

Il bando Case cantoniere Anas è rivolto a start-up, singoli imprenditori, consorzi, aziende, associazioni, cooperative: ai fini dell’aggiudicazione conterà la capacità di sviluppare un progetto economicamente sostenibile e coerente con le finalità del modello proposto da Anas.

Il bando Case cantoniere Anas è stato pubblicato venerdì 15 luglio 2016 sulla Gazzetta Ufficiale n. 81. Le offerte digitali, corredate dalla documentazione richiesta, dovranno pervenire sul Portale Acquisti di Anas (a questo link), a pena di esclusione, entro le ore 12.00 del 15/11/2016 (scadenza prorogata nella Gazzetta Ufficiale n. 118 del 12 ottobre 2016). L’obiettivo è quello di aprire la prima casa cantoniera a giugno 2017.

casa_cantoniera_y

“Il Progetto di riqualificazione delle case cantoniere – ha spiegato il presidente di Anas Gianni Vittorio Armani – rappresenta un modello innovativo di gestione, rispettoso del paesaggio e dell’ambiente, che sviluppa attività di networking e valorizza gli asset immobiliari dell’azienda. Gli interventi di ristrutturazione, per i quali Anas ha previsto un investimento di circa 7,5 milioni di euro in tre anni, a partire dal 2016, contribuiranno a potenziare il valore del patrimonio aziendale e a preservarlo nel tempo, sostenendo l’identità locale e creando al contempo occupazione, nuova imprenditoria e sviluppo per il territorio”.

Utilizzare la leva del riuso per rigenerare il patrimonio immobiliare potrebbe essere infatti un’occasione di sviluppo culturale, sociale ed economico. Da questo punto di vista sono molte le iniziative che l’Agenzia del demanio ha avviato per il recupero dei beni pubblici. Si tratta di un brand molto forte – ha aggiunto Reggi – che come il progetto Valore Pese Fari sarà modello per realizzare altri progetti di valorizzazione sui beni pubblici inutilizzati “

Tutte le informazioni sul progetto sono disponibili sul sito www.casecantoniere.it

Leggi anche Piccoli Comuni e riqualificazione: in arrivo 100 milioni per il periodo 2017-2023

Restauro e recupero degli edifici a struttura muraria

Restauro e recupero degli edifici a struttura muraria

Rodolfo Antonucci, 2012, Maggioli Editore

Sempre più emerge a livello nazionale l'importanza di intervenire per motivi sia di sicurezza sia di salvaguardia sul cosiddetto "costruito storico", intendendo per esso edifici di valenza storico-artistica così come l'edificato minore.
La nuova mappatura sismica...

50,00 € 45,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

6 Commenti

Scrivi un commento