Su più della metà (precisamente il 51%) delle coste italiane sono stati costruiti palazzi, alberghi e ville. Se le politiche non cambiano la percentuale è destinata a crescere: il ritmo degli ultimi anni è stato di 8 chilometri all’anno. 14.542 sono le infrazioni nel 2014 (in crescita rispetto al 2013) tra reati inerenti al mare e alla costa in Italia, 40 al giorno, 2 ogni chilometro. Solo il 19% della costa (1.235 chilometri) è sottoposta a vincoli di tutela. Inoltre un terzo delle spiagge è interessato da fenomeni erosivi in espansione. La plastica continua a colonizzare spiagge e fondali marini.

L’habitat e l’ambiente marino sono costantemente in pericolo: il 25% degli scarichi cittadini ancora non sono stati depurati (in alcune località la percentuale sale 40%): 1.022 agglomerati sono in procedura di infrazione europea. Il 45% dei prelievi realizzati da Goletta Verde nel 2015 è inquinato.

Particolarmente interessante la parte dedicata all’erosione delle coste italiane e dell’urbanizzazione abusiva.

 

Coste italiane: urbanizzazione abusiva

Il volume, attraverso contributi diversi, mette in evidenza i diversi processi che incidono sullo stato di salute delle coste italiane e la stretta relazione tra i fenomeni. La stessa erosione costiera, un fenomeno in espansione legato a molteplici cause, che

La causa principale dell’erosione delle coste italiane è la trasformazione provocata dai porti e dagli interventi sul litorale che la riduzione degli apporti dei sedimenti dalle aree interne attraverso i fiumi per colpa di dighe, sbarramenti e cave. Bisogna monitorare queste situazioni per capire come intervenire in una prospettiva di cambiamenti climatici.

Le ragioni della fragilità delle aree costiere italiane sono causate da problemi idrogeologici e sono la conseguenza dell’urbanizzazioni, legali e abusiva, in posti spesso a rischio dissesto. Alcuni fenomeni meteorologici si stanno ripetendo con intensità e frequenza nuove e anomale. Si tratta delle avvisaglie dei cambiamenti climatici che rendono le coste italiane più fragili e mettono in pericolo le persone. Eventi che occorre studiare con attenzione e rispetto ai quali dobbiamo mettere in campo nuovi interventi di adattamento nei territori e di protezione civile per salvare le persone.

 

Coste italiane: Erosione costiera

Più di un terzo delle nostre spiagge è in erosione e in futuro sembra prospettarsi un cambiamento, in vista dell’innalzamento del livello del mare e dell’intensificarsi dei fenomeni climatici estremi. Da poco si utilizza la tecnica del ripascimento dei litorali che sembra aver avuto un’efficacia maggiore rispetto agli interventi precedenti.

Leggi anche Referendum BrExit, sono in pericolo gli accordi sul clima di Parigi?

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento