Bando Scuole Innovative

Il rating d’impresa, previsto dall’articolo 83, comma 10, del Nuovo Codice appalti e dalle nuove Linee Guida ANAC per i Nuovo Codice Appalti, serve per definire l’affidabilità delle imprese nel mercato degli appalti pubblici. In questo modo, tutte le imprese sono poste sullo stesso piano e non vengono penalizzati i nuovi operatori che intendono entrare nel mercato degli appalti pubblici.

Clicca qui per saperne di più sul rating d’impresa nel nuovo codice appalti.

Vediamo in questo articolo le difficoltà che potrà presentare il rating d’impresa. Gli indici quantitativi e qualitativi previsti per la valutazione nascondono alcuni pericoli:
– la capacità strutturale dell’impresa potrebbe sbarrare la strada alle piccole imprese,
– per il rispetto dei tempi e dei costi previsti si deve riuscire a distinguere tra gli sforamenti necessari e quelli che invece rivelano una condotta scorretta,
– bisogna sottolineare la differenza tra le liti temerarie e i contenziosi sorti per motivi legittimi,
– il rating delle imprese (obbligatorio) non deve essere confuso con il rating di legalità, che è volontario e limitato alle imprese italiane, ma che può essere preso in considerazione per valutare l’affidabilità delle imprese.

Gli articoli 80 (comma 5, lett. c), 83 (comma 10, 177, comma 3 e 181, comma 4), del d.lgs. 50/2016 prevedono l’adozione, da parte dell’ANAC, di atti a carattere generale finalizzati ad attuare le disposizioni del Codice e offrire indicazioni operative e interpretative agli operatori del settore.

 

POTREBBE INTERESSARTI QUESTO LIBRO:

Il nuovo codice degli appalti e il professionista tecnico

Il nuovo codice degli appalti e il professionista tecnico

De Finis P., 2016, Maggioli Editore

Questo testo nasce a seguito della stesura del Nuovo Codice dei Contratti pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale del 19 Aprile 2016.
Il Nuovo Codice apre le frontiere alla modernità della realizzazione dei contratti pubblici.
Ci sono attenzioni...

19,00 € 17,10 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

 

Per sciogliere i nodi, gli interessati possono presentare i contributi entro le ore 12 del 27 giugno. Le osservazioni possono essre presentate tramite i documenti di seguito:

1) Linee guida per l’indicazione dei mezzi di prova adeguati e delle carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto che possano considerarsi significative per la dimostrazione delle circostanze di esclusione di cui all’art. 80, comma 5, lett. c) del Codice – documento formato pdf (222 Kb);

Modulo per le osservazioni

2) Criteri reputazionali per la qualificazione delle imprese – documento formato pdf (242 Kb);

Modulo per le osservazioni

3) Linee guida sui sistemi di monitoraggio delle amministrazioni aggiudicatrici sull’attività dell’operatore economico nei contratti di partenariato pubblico privato – documento formato pdf (283 Kb).

Modulo per le osservazioni

 

A PROPOSITO DI NUOVO CODICE APPALTI, POTREBBE INTERESSARTI QUESTO E-BOOK:

Nuovo Codice Appalti: tutte le novità per i Professionisti

Nuovo Codice Appalti: tutte le novità per i Professionisti

L. Porporato, 2016, Maggioli Editore

L’ebook contiene tutte le novità per i professionisti tecnici e sulla progettazione contenute nel Codice degli Appalti. Il Codice conferma l’impianto del testo preliminare del 3 marzo 2016 e la formulazione in base alla legge delega del 28 gennaio 2016, n. 11,...

9,90 € 8,91 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento