Portoni e pedane Hormann
Portoni e pedane Hormann

Con un nuovo centro logistico a Detmold, Germania, l’azienda Wortmann ha ampliato la sua capacità di stoccaggio da 1,4 milioni di scarpe a 4,1 milioni. Tre edifici – ognuno con una propria nota creativa – contraddistinguono il complesso rigorosamente geometrico, caratterizzato da strutture importanti e proporzioni in grado di alleggerire l’impatto visivo.

 

Commissionato da Horst Wortmann, titolare dell’omonima azienda, il nuovo centro logistico è stato progettato dallo studio di architettura Pape di Herford, con spazi funzionali interconnessi. Il centro si snoda infatti in una peculiare composizione di tre edifici: il primo adibito a magazzino automatico verticale; il secondo  utilizzato per la distribuzione e la spedizione delle merci; il terzo contenente gli  uffici amministrativi.
Le tre parti dell’edificio si differenziano nella loro forma geometrica, nella graduazione verticale e nella struttura della facciata. L’orientamento delle facciate è stato pianificato prevalentemente in base all’utilizzo della luce naturale – riferito rispettivamente alle funzioni e alle attività interne dell’edificio. Per i robot pallettizzatori che si muovono velocemente – avanti e indietro, verso l’alto e verso il basso –  in magazzini verticali completamente automatici, la luce del giorno non rappresenta una necessità, perciò l’edificio in cui sono inseriti è praticamente chiuso. Solo attraverso la facciata di collegamento al centro di distribuzione, completamente vetrata, penetra la luce naturale nei 155.000 metri cubi di edificio chiuso, alto 24 metri; tale luce si disperde velocemente tra gli scaffali verticali con 27.000 posti pallet. La facciata di vetro reticolata in orizzontale serve più che altro a creare un collegamento visivo tra l’interno e l’esterno.
Il lungo edificio adibito a distribuzione e spedizione merci è il cuore del centro logistico, dove vengono imballate fino a 500.000 paia di scarpe al giorno. Qui vengono scaricati i container in entrata, i cartoni vengono sdoganati, commissionati e nel migliore dei casi, subito impacchettati in un container in uscita, oppure immagazzinati per breve tempo negli scaffali verticali. “Cross docking” è il nome del velocissimo trasbordo merci, che trasporta la merce scaricata entro soli due minuti nel successivo autocarro. Fanno parte del sistema di distribuzione e palletizzazione intelligente anche 40 stazioni di attracco per le quali l’azienda Hörmann ha fornito i portoni sezionali industriali, i sigillanti perimetrali e le pedane di carico.

Dato il traffico ad alta frequenza delle merci, è soprattutto questa interfaccia per lo scarico ed il carico a dover rispondere alle massime esigenze; per questo l’azienda Wortmann ha scelto la qualità  e l’affidabilità delle attrezzature Hormann.
Grazie alla peculiare tecnologia con cui è stato costruito, rispetto ad altri impianti simili a basso impatto energetico, l’edificio consuma veramente poco. Il raffreddamento in estate ed il riscaldamento in inverno sono garantiti da un’attivazione termica dell’acqua di falda. L’aerazione sistematica avviene tramite aperture a ribalta delle facciate e aperture RWA. Durante il giorno si può rinunciare quasi completamente alla luce artificiale, perché dalla finestratura trasparente nei piani superiori delle due facciate longitudinali penetra una luce uniforme e quasi priva di ombre che illumina gli spazi interni simili a padiglioni. La facciata in vetro industriale isolante ed i punti di attracco allineati uniformemente e protetti dai piani superiori sporgenti plasmano l’architettura dell’edificio a tre piani. Senza contatto a terra, le facciate di vetro lunghe 97 metri conferiscono una sensazione di leggerezza che contribuisce notevolmente ad alleggerire l’impatto visivo della struttura.
La forma di testa triangolare dell’edificio amministrativo taglia elegantemente, con la sua geometria ed una leggera sfalsatura in altezza, l’imponente facciata anteriore del centro di distribuzione largo 37 metri, contribuendo anch’essa all’effetto di snellimento della costruzione. Questo effetto è sottolineato dalla facciata a tre piani suddivisa da fasce orizzontali e reticolati di finestre. La graduazione verticale del complesso fa sembrare l’edificio amministrativo la prua di una nave che, figurativamente parlando, spinge con enfasi il suo equipaggio attraverso il mondo della moda delle scarpe.

Lo scorso anno il centro logistico ha ottenuto un premio nel concorso per gli “immobili commerciali più ecologici della Germania”.

 

Centro logistico Wortmann-Detmold
Costruttore:
Wortmann Schuh-Holding, Detmold
Progettista: Architetti Pape, Herford
Tecnica di sistema logistica:  MLOG Logistics, Neuenstadt am Kocher
Stazioni di carico e scarico: portoni, pedane di carico, sigillanti perimetrali, Hormann KG, Steinhagen

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento