L’Aula di Palazzo Madama ha approvato una norma che sancisce l’obbligo dal 2021 di una laurea triennale per l’accesso all’ albo Periti Industriali. Previsto un periodo transitorio di cinque anni per i diplomati. Ora serve il passaggio alla Camera.

È molto contento il Presidente del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali Giampiero Giovannetti che ha dichiarato: “E così che il legislatore italiano ha voluto riconoscere che il perito industriale resta a pieno titolo nel quadro delle professioni intellettuali di stampo europeo

L’emendamento in questione è a firma del relatore Francesca Puglisi ed è contenuto nel Decreto Scuola, ora atteso alla Camera.

“Questo primo tassello – afferma Giovannetti – segna un passaggio importante per la categoria che da anni si batte per elevare il proprio titolo di studio, dal momento che la formazione tecnica di livello secondario, tradizionale nostro punto di riferimento, è andata sempre più depauperandosi, risultando oggi del tutto inadeguata e non in linea con le norme europee”.

 

Laurea per l’ Albo Periti Industriali: finalmente

Il Parlamento ha così reso l’ordine professionale dei Periti Industriali coerente al quadro europeo delle qualifiche e al “Primo rapporto italiano di referenziazione delle qualificazioni al Quadro europeo Eqf”, che prevede per l’esercizio di una professione il possesso di un titolo accademico corrispondente al VI livello (lettera D direttiva 35/05).

Solo con una laurea triennale il Perito Industriale italiano non sarà discriminato rispetto a quello europeo e potrà mantenere autonomia all’atto del progetto.

Ma la categoria dei Periti industriali non è sazia. Il prossimo passaggio (che i Periti industriali si aspettano e che stanno costruendo da mesi) è la creazione di un percorso triennale professionalizzante costruito a misura.

“Ora confidiamo nell’ultimo passaggio alla Camera dove ci attendiamo la stessa sensibilità avuta dai senatori di Palazzo Madama”. Conclude Giovannetti, Prsidente dei Periti Industriali.

La contabilizzazione del calore negli edifici con riscaldamento centralizzato

La contabilizzazione del calore negli edifici con riscaldamento centralizzato

R. Colombo, F. Zerbetto, 2015, Maggioli Editore

Il decreto legislativo n° 102/2014, con il quale il Governo Italiano ha recepito la direttiva 2012/27/UE, ha reso obbligatoria la misurazione individuale del calore consumato negli edifici.

In particolare la contabilizzazione indiretta,...

26,00 € 23,40 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento