Regime Forfetario e dei Minimi: come compilare la dichiarazione dei redditi

Regime forfetario per i professionisti tecnici senza più sorprese. A più di tre mesi dall’entrata in vigore delle nuove norme introdotte dalla Legge di Stabilità, che ne hanno ridefinito le condizioni rispetto al 2015 e aggiunto maggiore appeal, è infatti arrivata la circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 10 dello scorso 4 aprile, che mette un punto fermo e risolve le diverse problematiche rimaste fino ad oggi fonte di dubbi e incertezze. Tra le novità la possibilità di utilizzare il regime forfetario anche se lo scorso anno era stata fatta l’opzione per il regime IVA ordinario.

Molte le indicazioni fornite dalla circolare del Fisco. Tra queste la possibilità per il 2016 di accedere al forfetario anche se provenienti dal regime ordinario. Ovviamente questa possibilità è aperta per i professionisti che abbiano incassato nel corso del 2015 compensi pari o inferiori ai 30mila euro. Se l’attività è iniziata da meno di cinque anni, l’aliquota dell’imposta sostitutiva è pari al 15%. Da sottolineare anche l’opzione di rientrare nel regime forfetario per chi abbia aperto un’attività nel 2016 e abbia già emesso alcune fatture con IVA. In questo caso, occorre emettere note di variazioni per le fatture già emesse entro 2 mesi (60 giorni) a partire dal 4 aprile 2016, data di pubblicazione della circolare n. 10/2016.

Tutte queste importanti novità sono spiegate nella nuova edizione dell’ebook Regime forfetario dei professionisti tecnici dopo la Legge di Stabilità, realizzata da Lisa De Simone, che da anni collabora con Maggioli Editore, seguendo in particolare il settore edilizio dal punto di vista fiscale. Non solo la circolare 10/2016. La nuova edizione della guida presenta anche le istruzioni per la compilazione del Modello LM della dichiarazione dei redditi sia per il professionista tecnico in regime di vantaggio, sia per quello che abbia optato per il forfetario.

Focus previdenza dei tecnici

L’ebook propone anche un focus sul tema caldo della previdenza per Ingegneri, Architetti e Geometri, senza dimenticare anche i lavoratori autonomi senza cassa, gli artigiani e le piccole imprese. Vengono affrontate con linguaggio chiaro diverse problematiche: dalle tipologie dei contributi, alle agevolazioni per i tecnici neo iscritti con meno di 35 anni, dalle date da rispettare per versamenti e pagamenti a casi particolari per i professionisti senza cassa come la rivalsa sui clienti.

Compilazione fatture: istruzioni e modelli

Altro plus dell’ebook sul regime forfetario e dei minimi per i professionisti tecnici è il capitolo che affronta il tema della compilazione delle fatture, comprese le valutazioni sulla convenienza (per esempio: il vantaggio della fatture senza IVA per chi inizia l’attività, le opzioni per chi è già in attività, le opzioni esistenti per chi opera in regime ordinario di IVA). Inoltre l’appendice dell’ebook contiene dei modelli di fatture per ogni tipologia di soggetti: giuridici e privati; autonomi con e senza rivalsa INPS, iscritti a collegi e ordini professionali con e senza bollo virtuale.

Regime forfetario dei professionisti tecnici dopo la Legge di Stabilità

Regime forfetario dei professionisti tecnici dopo la Legge di Stabilità

L. De Simone, 2016, Maggioli Editore

Il 2016 si apre con molte novità positive per chi si appresta ad iniziare una nuova attività e vuol ridurre al minimo gli obblighi amministrativi e, soprattutto, il peso del fisco. Le modifiche al regime forfetario rendono infatti questo sistema molto più conveniente...

9,90 € 8,91 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento