Maggioli Editore


Nuovo Codice Appalti, incentivo tecnici PA: interrogazione parlamentare

La previdenza per i professionisti tecnici

Il nuovo Codice Appalti ha ridotto a non più del 2% l’incentivo ai progettisti dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni. La norma ha provocato le proteste di chi lavora nella PA. È stata presentata un’interrogazione parlamentare al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e al Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, per capire cosa succederà a proposito.

QUI TROVI IL TESTO DEL CODICE APPALTI APPROVATO DAL CDM IL 3 MARZO.

 

Incentivo progettisti PA: massimo 2%

Art. 113, comma 2 del nuovo Codice Appalti: per l’esecuzione le amministrazioni pubbliche possono destinare a un apposito fondo non più del 2% degli importi posti a base di gara per le funzioni tecniche svolte dai dipendenti pubblici solo per le attività di programmazione della spesa per investimenti, di predisposizione e di controllo delle procedure di bando e di esecuzione dei contratti pubblici, di responsabile unico del procedimento, di direzione dei lavori, direzione dell’esecuzione e di collaudo tecnico amministrativo o di verifica di conformità, di collaudatore statico ove necessario per consentire l’esecuzione del contratto nel rispetto dei documenti a base di gara, del progetto, dei tempi e costi prestabiliti.

In pratica, quindi, non sarà corrisposto nessun incentivo per la progettazione. Leggi anche Nuovo Codice Appalti, STOP incentivi alla progettazione

Confedertecnica ha rilevato che l’incentivo crea ancora qualche difficoltà: chi ne ha usufruito,  adesso, forse, deve restituirlo.

Confedertecnica ha parlato anche a proposito dei requisiti richiesti dal Codice Appalti ai progettisti: “i progettisti interni alla Pubblica Amministrazione potranno infatti continuare ad essere sprovvisti dell’iscrizione ad un Ordine. Per loro si mantiene una corsia preferenziale contestata da Confedertecnica, perché rimanendo sufficiente la sola abilitazione si mantiene una fascia protetta che garantisce ai professionisti tecnici assunti internamente alla Pubblica Amministrazione un regime professionale facilitato“.


Articolo pubblicato il 18/03/2016 in APPALTI
Tags

1 Commento per Nuovo Codice Appalti, incentivo tecnici PA: interrogazione parlamentare

  1. Federico Marrani
    22/04/2016 alle 08:46

    Ma se poi il comma 3 dello stesso articolo dice che l’80% delle risosrse finanziarie costituite ai sensi del comma 2 è ripartito …. tra il RUP e i soggetti che svolgono le funzioni di cui al comma 1 (tra cui la progettazione è presente) nonchè tra i loro collaboratori, non c’è una incongruenza?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Archivio

Ultimi Articoli


tutti gli articoli in primo piano della redazione di Ediltecnico.it

Video dal Web

Il Canale YouTube dei Progettisti seleziona i migliori video dalla rete: interviste, novità, prodotti e tecnologie per i Professionisti Tecnici

Con il cambio caldaia arriva il Bonus Mobili: la video analisi

News dal Network Tecnico




Colophon e ContattiPubblicità su questo sitoTermini e CondizioniElenco dei BloggerLink UtiliMappa del sito