Maggioli Editore


Bonus Mobili 2016: gli interventi per cui è ammesso (aggiornamento delle Entrate)

Bonus Mobili 2016

La scorsa settimana sono giunte novità importanti in materia di applicazione del Bonus Mobili con specifico riferimento ai lavori e agli interventi a cui tale bonus accede. Sono infatti numerose le domande dei lettori giunte in redazione in merito ai casi in cui si può fruire del Bonus Mobili 2016 classico (detrazione del 50% delle spese per l’acquisto di mobili destinati ad arredare l’unità immobiliare oggetto dei lavori o le parti comuni del condominio fino a una spesa massima di 10mila euro).

La circolare 2 marzo 2016 n. 3/E dell’Agenzia delle Entrate risponde infatti tra le altre cose a tali dubbi enumerando alcuni interventi per i quali è ammessa la fruizione del Bonus Mobili. Di seguito forniamo un elenco esaustivo (desunto dalla normativa e da varie interpretazioni degli esperti) degli interventi su cui può innestarsi la fruizione del Bonus Mobili 2016.

 

Bonus Mobili 2016: gli interventi a cui può accedere

- Gli interventi edilizi di accorpamento o frazionamento (unione e divisione di unità immobiliari (che si configurano come manutenzione straordinaria);
- Nuova costruzione, demolizione e spostamento di muri interni della abitazione;
- Realizzazione di un soppalco all’interno della singola unità abitativa, con aumento della superficie calpestabile;
- Costruzione di una nuova veranda oppure trasformazione del terrazzo in veranda mediante opere murarie (non vale invece per l’installazione di una veranda di metallo);
- Installazione di un’inferriata alle finestre della singola unità abitativa anche nel caso in cui non siano eseguite opere murarie;
- Sostituzione della porta esterna su una singola unità abitativa con modello blindato oppure modello ordinario differente dal precedente;
- Sostituzione delle finestre comprensive di infissi con altre di forma e materiale diversi (si tratta di manutenzione straordinaria).
- Installazione di pannelli solari termici o fotovoltaici al servizio della singola unità abitativa;

A tali fattispecie va aggiunta la sostituzione della caldaia, come spiegato dal nostro Mauro Ferrarini in questo articolo.

All’interno della circolare delle Entrate vengono chiariti anche altri dubbi su molteplici materie prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri soggetti: scopri qui il chiarimento sull’applicazione del bonus ristrutturazioni al condominio minimo.

copertina fusano Bonus Mobili 2016: gli interventi per cui è ammesso (aggiornamento delle Entrate)

Le detrazioni fiscali per la casa 2016


Fabio Fusano , 2016, Maggioli Editore


7,90 € 6,90 € Acquista

su www.maggiolieditore.it



Articolo pubblicato il 9/03/2016 in EDILIZIA
Tags ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Archivio

Ultimi Articoli


tutti gli articoli in primo piano della redazione di Ediltecnico.it

Video dal Web

Il Canale YouTube dei Progettisti seleziona i migliori video dalla rete: interviste, novità, prodotti e tecnologie per i Professionisti Tecnici

Con il cambio caldaia arriva il Bonus Mobili: la video analisi

News dal Network Tecnico




Colophon e ContattiPubblicità su questo sitoTermini e CondizioniElenco dei BloggerLink UtiliMappa del sito