Maggioli Editore


Le novità del Codice Appalti sui Concorsi di progettazione e i Requisiti per le Gare

Cantieri edili

Ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato il testo del Nuovo Codice Appalti. Il percorso non è finito qui: deve passare dal Consiglio di Stato e delle commissioni parlamentari, dalla bollinatura e dalla firma del Capo dello Stato. La delega scade il 18 aprile e servono esattamente 45 giorni per concludere questo lungo iter.Il Codice Appalti entra in vigore il 18 aprile e si applica da quello stesso giorno.

Clicca qui per leggere il testo del Codice Appalti approvato il 3 marzo in CdM (il codice in vigore in precedenza conteneva più di 600 articoli, in nuovo Codice Appalti ne contiene 217)

 

Codice Appalti: novità sul concorso di progettazione

Molti articoli del testo sono dedicati ai concorsi di progettazione. Il principio alla base di tutto è che nel concorso di progettazione per i lavori pubblici vengono richiesti solo progetti o piani con livello di approfondimento pari a quello di un piano di fattibilità tecnica ed economica, cioè progetti definitivi.

Sempre per quanto riguarda la progettazione, il Nuovo Codice Appalti promuove la qualità architettonica, anche tramite i concorsi, limitando gli appalti integrati.

 

Codice Appalti: i requisiti di accesso alle gare

Le nuove regole rendono più difficile la vita agli operatori economici. Emerge un sistema che affida molti poteri di verifica alle pubbliche amministrazioni.

Le pubbliche amministrazioni hanno prerogative nuove. La Pubblica Amministrazione potrà scandagliare la condotta dell’impresa: chi ha causato, con le sue carenze in fase di esecuzione, la risoluzione anticipata di un contratto potrà essere fermato.

La stazione appaltante potrà dimostrare che l’impresa:
-  si è resa colpevole di gravi illeciti professionali o di significative carenze in un precedente contratto,
- ha concluso accordi e ha posto in essere pratiche per falsare la concorrenza,
- ha tentato di influenzare un’aggiudicazione,
- si trova in una situazione di conflitto di interessi.

Ci sono altre indicazioni da aggiungere, che non sono però vere e proprie novità. Le stazioni appaltanti escludono in ogni momento dalla partecipazione ad appalti o subappalti di soggetti condannati in via definitiva per alcuni reati come partecipazione a un’organizzazione criminale, corruzione, frode, reati terroristici, riciclaggio, lavoro minorile e le violazioni gravi, definitivamente accertate, in materia fiscale o di contributi previdenziali.

Peseranno anche il rispetto degli obblighi di carattere ambientale indicati dal nuovo Codice Appalti, il fallimento o l’attivazione di una procedura di insolvenza o di liquidazione. Sono esclusi i concordati con continuità.

Il Nuovo Codice Appalti incentiva il debat publique con la pubblicazione on line dei progetti e della consultazione pubblica nelle comunità locali interessate al progetto stesso.

Per le altre novità introdotte dal Nuovo Codice Appalti leggi Nuovo Codice Appalti, ecco il testo approvato dal CdM

 

8891614438 Le novità del Codice Appalti sui Concorsi di progettazione e i Requisiti per le Gare

Gli onorari professionali per le opere pubbliche


Carlo Lanza , 2016, Maggioli Editore

Dopo  l’abrogazione  delle  tariffe  professionali  dettata  dai  provvedimenti  del  2012  (Decreto  Legge n. 1/2012 e Legge di conversione n. 27/2012), il quadro normativo, relativo alla determinazione dei pa- rametri da...


29,00 € 26,10 € Acquista

su www.maggiolieditore.it



Articolo pubblicato il 4/03/2016 in APPALTI
Tags

1 Commento per Le novità del Codice Appalti sui Concorsi di progettazione e i Requisiti per le Gare

  1. Giovanni
    06/03/2016 alle 09:10

    I provvedimenti di Cantone non credo saranno sufficienti ad eliminare la corruzione , specialmente se si vuole privilegiare il metodo con le migliorie al progetto di gara . Sicuramente è quello più valido rispetto agli altri se viene applicato correttamente. Le nuove regole danno più poteri alla pubbliche amministrazioni che dovranno eseguire una serie di controlli che erano già contemplati nel vecchio codice . Per esperienza diretta, e nella maggior parte dei casi, gli addetti ai lavori (tecnici e politici) che nelle amministrazioni gestiscono appalti e incarichi lo fanno quasi sempre per interessi personali. L’essere umano è vulnerabile e nella maggior parte dei casi la discrezionalità della commissione diventa merce di scambio . Anziché studiare provvedimenti laboriosi e inefficaci , perché non realizzare un software che analizza tutti i dati delle proposte migliorative e premia il miglior progetto in tempo reale oltre a fare una anamnesi dell’impresa che decide di partecipare ad una gara di appalto. Non so se la proposta è fattibile, penso però che possa essere una soluzione valida per eliminare la corruzione . In questo modo si evitano i tribunali e non si perdono i finanziamenti stanziati per la realizzazione dell’opera pubblica .

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Archivio

Ultimi Articoli


tutti gli articoli in primo piano della redazione di Ediltecnico.it

Video dal Web

Il Canale YouTube dei Progettisti seleziona i migliori video dalla rete: interviste, novità, prodotti e tecnologie per i Professionisti Tecnici

Box doccia al posto della vasca da bagno: posso detrarre?

News dal Network Tecnico




Colophon e ContattiPubblicità su questo sitoTermini e CondizioniElenco dei BloggerLink UtiliMappa del sito