Maggioli Editore


Novità Bonus ristrutturazione 2016: OK alle caldaie, No ai sanitari

Novità Bonus ristrutturazione 2016: OK alle caldaie, No ai sanitari

Dall’Agenzia delle Entrate novità importanti (e non tutte condivisibili) riguardo il bonus ristrutturazione 2016 per sostituzione caldaie, sanitari e per il condominio minimo, di cui abbiamo parlato diffusamente in questo articolo. Chiarimenti sull’applicazione dell’agevolazione fiscale del 50% sull’imponibile IRPEF per chi effettua lavori di ristrutturazione edilizia.

Gli esperti del Fisco hanno diffuso la circolare 2 marzo 2016 n. 3 in cui rispondono a una serie di quesiti posti dai vari Centri di Assistenza Fiscale (CAF). Ebbene, i temi di nostro interesse riguardano i seguenti quesiti:

1. La sostituzione della caldaia rientra negli interventi agevolabili con il bonus ristrutturazione 2016 e, quindi, consente l’accesso anche al bonus mobili?

2. La sostituzione di vasche e sanitari con altri modelli progettati per facilitarne l’uso ad anziani e disabili si configura come intervento rientrante in quelli ammessi alla detrazione fiscale del 50% per il recupero e la ristrutturazione edilizia?

Riguardo il primo quesito, le Entrate rispondono positivamente. Secondo l’Agenzia, infatti, la sostituzione di una caldaia con altro modello più efficiente, che garantisca una maggiore efficienza energetica rispetto alla situazione preesistente si configura come intervento di manutenzione straordinaria e, in quanto tale, rientra tra i lavori ammessi al bonus ristrutturazione 2016. Non solo, da questo fatto discende che il beneficiario potrà anche richiedere il bonus sugli arredi collegato.

Su questa interpretazione delle Entrate esprime più di una perplessità Fabio Fusano, consulente esperto in pratiche per la riqualificazione energetica, titolare dello studio Biz Consulting e autore dell’ebook best seller Le Detrazioni fiscali sulla casa 2016: prontuario operativo su risparmio energetico e ristrutturazioni edilizie.

Secondo l’esperto, infatti, la situazione non è così lineare e non è improbabile una prossima marcia indietro dell’Agenzia delle Entrate. Sul punto, in collaborazione con Ediltecnico, Fusano sta realizzando dei brevi video di chiarimento che saranno pubblicati a breve su queste pagine per spiegare nel dettaglio i dubbi sulla reale applicazione di questa misura. Per saperne di più continuate a seguirci anche sulla nostra Pagina Facebook ufficiale.

Meno problematica è, invece, la questione del secondo quesito. In sostanza, l’Agenzia delle Entrate ritiene che non si possa mai considerare manutenzione straordinaria l’intervento mirato alla sola sostituzione dei sanitari del bagno, vasche e docce comprese. Nemmeno se vengono installati dei modelli con apertura laterale o con ingressi facilitati per i disabili e gli anziani.

L’ipotesi che, in questi casi, si possa attribuire al lavoro eseguito la notazione di “abbattimento delle barriere architettoniche”, non è ritenuta ammissibile dagli esperti del Fisco che, pertanto, hanno chiarito come non sia possibile portare in detrazione tali lavori. Fa ovviamente eccezione il caso in cui la sostituzione dei sanitari sia accompagnata da ulteriori lavori di ristrutturazione, come la sostituzione degli impianti idraulici. In questi casi, infatti, i lavori di maggiore entità “assorbono” quelli ordinari, facendoli rientrare tra le spese ammissibili al bonus per le ristrutturazioni edilizie.

copertina fusano Novità Bonus ristrutturazione 2016: OK alle caldaie, No ai sanitari

Le detrazioni fiscali sulla casa 2016


Fusano F. , 2016, Maggioli Editore

Prontuario operativo sulle agevolazioni per l’efficienza energetica e la ristrutturazione (Ecobonus 65% - Detrazione 50%): procedure e adempimenti, 18 casi pratici risolti e link alle norme e alle circolari ufficiali Aggiornato alla Legge di Stabilità 2016


7,90 € Acquista

su www.maggiolieditore.it



Articolo pubblicato il 3/03/2016 in FISCO
Tags ,

1 Commento per Novità Bonus ristrutturazione 2016: OK alle caldaie, No ai sanitari

  1. ivar
    30/03/2016 alle 13:10

    Buongiorno, molto interessante la vs. spiegazione.
    Una domanda, per la sostituzione caldaia non va fatto alcun DIA quindi per accedere al bonus mobili basta solo conservare le fatture ed anche la fattura dei lavori di sostituzione che devono essere antecedenti ai mobili?, grazie.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Mauro Ferrarini
Redazione tecnica

Archivio

Ultimi Articoli


tutti gli articoli in primo piano della redazione di Ediltecnico.it

Video dal Web

Il Canale YouTube dei Progettisti seleziona i migliori video dalla rete: interviste, novità, prodotti e tecnologie per i Professionisti Tecnici

Bonus fiscali per i condomini minimi: OK anche senza Codice Fiscale

News dal Network Tecnico




Colophon e ContattiPubblicità su questo sitoTermini e CondizioniElenco dei BloggerLink UtiliMappa del sito