condominio minimo

Nel caso di condominio minimo (edificio composto da un numero non superiore a otto condomini) non provvisto di codice fiscale, risulta possibile beneficiare ugualmente della detrazione fiscale per gli interventi edilizi e per gli interventi di riqualificazione energetica realizzati su parti comuni.

Ad affermarlo è l’Agenzia delle Entrate mediante la Circolare 2 marzo 2016, n. 3/E, chiarendo il quesito emerso dalle richieste prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri soggetti. Nello specifico questo era l’interrogativo emerso dalla prassi: la risoluzione n. 74/E del 2015 aveva già chiarito che per le spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica realizzati su parti comuni di condomìni minimi, la fruizione della detrazione è subordinata, tra l’altro, alla richiesta del codice fiscale del condominio. Tali chiarimenti possono valere anche per le rate di detrazione relative ad anni precedenti e per le spese sostenute nel 2015, qualora non sia stato ancora richiesto il codice fiscale del condominio?

Leggi anche l’articolo Condominio: una guida operativa sulle tabelle millesimali.

La circolare afferma che “mediante risoluzione n. 74/E del 27 agosto 2015 sono stati indicati gli adempimenti da adottare nel caso di interventi sulle parti comuni di un condominio minimo, effettuati nel 2014 senza aver richiesto il codice fiscale del condominio. La risoluzione ha ribadito la necessità di chiedere il codice fiscale del condominio ma è stato nel contempo evidenziato che il condominio, sui pagamenti effettuati per avvalersi della agevolazioni fiscali in esame, non deve effettuare le ritenute ordinariamente previste dal d.P.R. 600 del 1973. Su tali pagamenti, infatti, si applica la sola ritenuta prevista dal decreto legge n. 78 del 2010, effettuata da banche e Poste italiane Spa all’atto dell’accredito del pagamento”.

Riqualificazione energetica in Condominio: la cessione del credito d'imposta 65%

Riqualificazione energetica in Condominio: la cessione del credito d'imposta 65%

L. De Simone, 2016, Maggioli Editore

Quali regole occorre seguire per procedere correttamente alla cessione del credito d'imposta per lavori di riqualificazione energetica (c.d. Ecobonus 65%) in condominio? La Legge di Stabilità 2016 ha infatti previsto la possibilità di barattare il credito...

9,90 € 8,91 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

L’Agenzia delle Entrate ha messo in chiaro che in assenza del codice fiscale del condominio, i contribuenti, al fine di beneficiare della detrazione per gli interventi edilizi e per gli interventi di riqualificazione energetica realizzati su parti comuni di un condominio minimo, per la quota di spettanza, possono inserire nei modelli di dichiarazione le spese sostenute utilizzando il codice fiscale del condòmino che ha effettuato il relativo bonifico.

Consulta la nostra Pagina speciale dedicata al Condominio 2016.

In questo senso “il contribuente è tenuto – spiegano le Entrate – in sede di controllo a dimostrare che gli interventi sono stati effettuati su parti comuni dell’edificio, e, se si avvale dell’assistenza fiscale, è tenuto ad esibire ai CAF o agli intermediari abilitati, oltre alla documentazione ordinariamente richiesta per comprovare il diritto alla agevolazione, una autocertificazione che attesti la natura dei lavori effettuati e indichi i dati catastali delle unità immobiliari facenti parte del condominio”.

Prontuario Operativo del nuovo condominio

Prontuario Operativo del nuovo condominio

Giuseppe Marando, 2015, Maggioli Editore
Il “prontuario” è un panorama sulla vasta problematica del nuovo condominio, volto a delinearne l’attuale quadro complessivo, quale scaturito dopo la riforma condominiale del 2012, ed a rappresentare lo stato della relativa evoluzione giurisprudenziale. La...

36,00 € 32,40 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento