Tettoia

Va segnalata la recente sentenza 25 febbraio 2016, n. 1051 del TAR Campania, sez. IV Napoli in materia di pertinenze edilizie. I giudici hanno ricordato, sulla base di consolidata giurisprudenza (ex multis T.A.R. Lombardia Milano, Sez. II, 11 febbraio 2005, n. 365; T.A.R. Lazio, Sez. II, 4 febbraio 2005, n. 1036) che la pertinenza edilizia ha una connotazione diversa rispetto all’analoga nozione civilistica. Ed infatti, in materia edilizia sono qualificabili come pertinenze solo le opere prive di autonoma destinazione e che esauriscano la loro destinazione d’uso nel rapporto funzionale con l’edificio principale, così da non incidere sul carico urbanistico (Cons. Stato Sez. IV, 10-05-2012, n. 2723; Cons. Stato Sez. IV, 18-10-2010, n. 7549; Cons. Stato Sez. IV, 31-03-2010, n. 1842).

Il vincolo pertinenziale in senso urbanistico è caratterizzato da un oggettivo nesso funzionale e strumentale tra cosa accessoria e principale, cioè da un nesso che non consenta, per natura e struttura dell’accessorio, altro che la destinazione della cosa a un uso pertinenziale durevole. Ai fini urbanistici non possono ritenersi beni pertinenziali, con conseguente loro assoggettamento al regime proprio del permesso di costruire, gli interventi edilizi che, pur legati da un vincolo di servizio al bene principale, non sono tuttavia coessenziali ma ulteriori ad esso, in quanto suscettibili di un utilizzo in modo autonomo e separato e poiché occupano aree e volumi diversi (T.A.R. Basilicata, 29 novembre 2008, n. 915).

Leggi anche l’articolo Opere precarie: le modalità costruttive non contano, ecco perché.

Il vincolo pertinenziale è, infatti, caratterizzato oltre che dal nesso funzionale, anche dalle dimensioni ridotte e modeste del manufatto rispetto alla cosa cui esso inerisce, per cui soggiace a permesso di costruire la realizzazione di un’opera di rilevanti dimensioni, che modifica l’assetto del territorio e che occupa aree e volumi diversi rispetto alla res principalis, indipendentemente dal vincolo di servizio o d’ornamento nei riguardi di essa (Cons. Stato Sez. IV, 20-02-2013, n. 1059).n Di conseguenza, nella sentenza segnalata i giudici non hanno riconosciuto la qualità di pertinenza ad una tettoia di 40 mq sorretta da pali in legno e pareti laterali in muratura, qualificandola come manufatto richiedente il permesso di costruire.

In materia di interventi pertinenziali e dei relativi titoli edilizi necessari per la legittima realizzazione ricordiamo il recente e-book edito da Maggioli e curato dai nostri autori Antonella Mafrica e Mario Petrulli dal titolo Gli interventi edilizi per le opere precarie da esterni: una breve guida all’installazione di pensiline, gazebi, tettoie, tende ed altri manufatti da giardino e cortile, con riferimenti normativi e copiosi richiami giurisprudenziali.

Gli interventi edilizi per le opere precarie da esterni - Ebook in pdf

Gli interventi edilizi per le opere precarie da esterni - Ebook in pdf

M. Petrulli, A. Mafrica, 2016, Maggioli Editore

Utilizzare al meglio gli spazi esterni è una legittima aspirazione di ogni proprietario e, normalmente, ciò
avviene tramite l’installazione di strutture leggere idonee allo scopo: pergolati, tettoie, gazebi ed altri elementi
di arredo.
Ma...

12,90 € 11,61 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento