Maggioli Editore


Esposizione amianto: le istruzioni per la pensione agevolata (scadenza 1 marzo)

Esposizione amianto, istruzioni per la pensione agevolata

Agevolazioni contributive in arrivo per i lavoratori del settore ferroviario esposti all’amianto nel corso della loro attività lavorativa. A comunicarlo ufficialmente è l’INPS mediante una rettifica del messaggio 587/2016 il quale sanciva la concreta effettività della misura contenuta nella Legge di Stabilità 2016 approvata poco prima di Natale dal Parlamento e pubblicata in Gazzetta Ufficiale lo scorso 28 dicembre).

I lavoratori del settore ferroviario esposti all’amianto, per ottenere le agevolazioni contributive utili  al calcolo della pensione, sono tenuti a presentare domanda entro il primo marzo (e non più entro il 29 febbraio, come precedentemente determinato): c’è quindi un giorno in più per usufruire di questa possibilità.

Pensione agevolata: chi può effettuare la richiesta?

Ma qual è la fascia di persone che può presentare domanda? I lavoratori del settore della produzione di materiale rotabile ferroviario che hanno prestato la loro attività nel sito produttivo, senza essere dotati degli equipaggiamenti di protezione adeguati alla esposizione alle polveri di amianto, per l’intero periodo di durata delle operazioni di bonifica dell’amianto.

Leggi anche l’articolo Amianto, il datore di lavoro deve adottare ulteriori misure preventive.

Il beneficio previdenziale consiste in una maggiorazione contributiva del 25%, valida solo per la misura della pensione, in base all‘art. 13, co. 8, della legge 257/1992: si tratta dell’agevolazione per lavoratori esposti all’amianto per oltre dieci anni, ora estesa alla platea sopra indicata per tutto il periodo corrispondente alle operazioni di bonifica.

Esposizione amianto: istruzioni per la domanda (scade il 1 marzo)

Ma come ottenere la maggiorazione contributiva? A tal fine risulta necessario:
- presentare specifica domanda, entro il primo marzo (60 giorni dall’entrata in vigore della Legge di Stabilità);
- sul sito INPS è disponibile la procedura telematica per presentare l’istanza, “Verifica del diritto alla maggiorazione amianto legge 208/2015“, sia per il contribuente sia per i patronati;
- indicare il sito produttivo ed il periodo temporale di esposizione cui fa riferimento la norma, compilando gli specifici campi del pannello dichiarazioni.

Si ricorda che i benefici saranno assegnati nei limiti delle risorse devolute a un apposito fondo istituito nello stato di previsione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con dotazione pari a 5,5 milioni di euro per l’anno 2016, 7 milioni di euro per l’anno 2017, 7,5 milioni di euro per l’anno 2018 e 10 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2019.

73b934804089987177e80fda9a9bded6 sh Esposizione amianto: le istruzioni per la pensione agevolata (scadenza 1 marzo)

Amianto: responsabilità civile e penale e risarcimento danni


Angela Quatraro, Marco Bona, Monica Cucci, Domenico Ghio, Vanesa Gregorc, Filippo Martini, Nicola Murgia, Giampiero Rossi, Luigi Isolabella, Cinzia Altomare , 2012, Maggioli Editore

L'opera, oltre all'aggiornamento delle novità sotto il profilo civilistico della responsabilità, è stata completata con l'aggiunta di due nuovi ed importanti contributi giuridici.
Il primo attiene alla datazione della CONOSCENZA e della CONOSCIBILITÀ dei RISCHI occupazionali ed...


54,00 € 48,60 € Acquista

su www.maggiolieditore.it



Articolo pubblicato il 25/02/2016 in SICUREZZA
Tags

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Archivio

Ultimi Articoli


tutti gli articoli in primo piano della redazione di Ediltecnico.it

Video dal Web

Il Canale YouTube dei Progettisti seleziona i migliori video dalla rete: interviste, novità, prodotti e tecnologie per i Professionisti Tecnici

Bonus fiscali per i condomini minimi: OK anche senza Codice Fiscale

News dal Network Tecnico




Colophon e ContattiPubblicità su questo sitoTermini e CondizioniElenco dei BloggerLink UtiliMappa del sito