Maggioli Editore


Bonus Mobili 2016: l’agevolazione per le giovani coppie (spiegata)

Bonus mobili 2016

Bonus Mobili: il 2016 è l’anno in cui questa specifica detrazione assume una particolare importanza. Sono infatti 2 le tipologie di Bonus previste dal legislatore italiano per questi 12 mesi. La Legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n. 208) ha infatti introdotto nell’ordinamento un Bonus mobili ai fini IRPEF a favore delle giovani coppie under 35. Al fine di poter usufruire del trattamento agevolativo è necessario che si verifichino un a serie di condizioni concomitanti. Ad esporle con precisione in questi giorni è stato Massimo Pipino attraverso una “breve” emessa da AGEFIS (Associazione dei Geometri Fiscalisti). Ecco la lista dei requisiti:
- l’età di almeno uno dei due componenti il nucleo famigliare non deve essere superiore ai 35 anni;
- l’acquisto dell’immobile da adibire ad abitazione principale deve avvenire nel periodo compreso tra il 1º gennaio ed il 31 dicembre 2016;
- il nucleo familiare deve essere stato costituito da almeno 3 anni.

Leggi anche Bonus Mobili 2016: i nodi da sciogliere per le giovani coppie.

Il bonus è costituito da una detrazione ai fini IRPEF pari al 50% della somma spesa per l’acquisto di mobili da utilizzare nell’immobile acquistato che deve essere ripartito in 10 quote annuali di pari importo su di un ammontare complessivo non superiore a 16mila euro. La detrazione riguarda esclusivamente l’acquisto di mobili da destinare ad arredo e non l’acquisto di elettrodomestici. Tale beneficio non è cumulabile con il bonus relativo ai lavori di recupero edilizio.

Ricordiamo che il Bonus mobili e arredi 2016 consta anche della tipologia classica di detrazione: ovverosia la misura è valida anche a favore di quanti realizzeranno interventi di ristrutturazione edilizia rientranti tra quelli compresi nella detrazione del 50% sull’imponibile IRPEF. Essa consente di portare in detrazione sulla propria dichiarazione dei redditi fino al 50% delle spese per l’acquisto di mobili destinati ad arredare l’unità immobiliare oggetto dei lavori o le parti comuni del condominio fino a una spesa massima di 10mila euro, rimborsabili in 10 rate annue di pari importo.

Per approfondire tutti i temi legati al Bonus mobili e arredi 2016 tramite la pubblicazione di chiarimenti e link agli articoli di approfondimento sui diversi casi che possono verificarsi, suggeriamo di consultare la nostra Pagina speciale dedicata.


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Archivio

Ultimi Articoli


tutti gli articoli in primo piano della redazione di Ediltecnico.it

Video dal Web

Il Canale YouTube dei Progettisti seleziona i migliori video dalla rete: interviste, novità, prodotti e tecnologie per i Professionisti Tecnici

Con il cambio caldaia arriva il Bonus Mobili: la video analisi

News dal Network Tecnico




Colophon e ContattiPubblicità su questo sitoTermini e CondizioniElenco dei BloggerLink UtiliMappa del sito