Bonus 30% ristrutturazione alberghi

Mediante un provvedimento emanato lo scorso 14 gennaio (Provv. n. 6743/2016, recante rubrica “Modalità e termini di fruizione del credito d’imposta di cui all’articolo 10…”), l’Agenzia delle Entrate ha stabilito termine e modalità di fruizione del credito d’imposta riconosciuto alle imprese alberghiere esistenti alla data del 1° gennaio 2012 in relazione alle ristrutturazioni edilizie.

Il credito è utilizzabile solo attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate ed è soggetto ai controlli dell’Amministrazione Finanziaria. Queste le due caratteristiche principali del credito d’imposta di cui all’art. 10 d. l. 83/2014, concesso a favore delle imprese alberghiere esistenti alla data del 1° gennaio 2012.

“Il credito d’imposta di cui all’articolo 10, del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2014, n. 106, – si legge nel primo paragrafo – concesso a favore delle imprese alberghiere esistenti alla data del 1° gennaio 2012, è utilizzabile in compensazione con le modalità di cui all’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, presentando il modello F24 esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate, pena il rifiuto dell’operazione di versamento”.

Il credito ammonta al 30% delle spese sostenute per ristrutturazioni edilizie, ovverosia interventi di manutenzione straordinaria, interventi di restauro e di risanamento conservativo, interventi di ristrutturazione edilizia, fino ad un massimo di 200mila, ed è disciplinato nel dettaglio dal Decreto Interministeriale 7 maggio 2015.

Tale decreto ha demandato all’Agenzia delle Entrate il compito di stabilire le modalità e i termini della fruizione del credito in questione. Il provvedimento appena emesso dall’Agenzia definisce le modalità stabilite:
1. Il credito potrà essere utilizzato in compensazione presentando il modello F24 esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, pena il rifiuto dell’operazione di versamento;
2. Controlli automatizzati verificheranno, per ciascun modello F24 ricevuto, che l’importo del credito d’imposta utilizzato non risulti superiore all’ammontare del beneficio complessivamente concesso, al netto dell’agevolazione fruita attraverso i modelli F24 già presentati. Nel caso in cui l’importo del credito utilizzato risulti superiore al beneficio residuo, il relativo modello F24 verrà scartato e i pagamenti ivi contenuti si considerano non effettuati.
3. Verrà istituito un apposito codice tributo per la fruizione del credito d’imposta da indicare nel modello F24.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento