Mobilità sostenibile

È una Legge di Stabilità 2016 che si mette in luce anche per i suoi aspetti “green”: all’interno del provvedimento che sta ormai prendendo forma definitiva sono infatti previsti 33 milioni di euro per il prossimo triennio dedicati alla progettazione e realizzazione di ciclovie turistiche, ciclostazioni e interventi per la sicurezza della ciclabilità cittadina.

Lo stanziamento è ripartito dal Governo nella seguente scansione: 5 milioni di euro per l’anno 2016, 13 milioni di euro per il 2017 e 15 milioni di euro per il 2018. I progetti e gli interventi da finanziare saranno individuati attraverso il lavoro del Ministero delle Infrastrutture. La progettazione delle opere relative alle ciclovie turistiche saranno condizionate all’ok preventivo del Ministero dei Beni Culturali.

La copertura finanziaria utile per il progetto complessivo giunge da varie direzioni: in primo luogo, mediante la riduzione delle risorse destinate ai contributi per le spese di trasporto delle piccole e medie imprese siciliane. In seconda battuta attraverso fondi del Ministero delle Infrastrutture e grazie alla riduzione delle risorse destinate nel 2009 all’attuazione del trattato di amicizia, partenariato e cooperazione tra Italia e Libia.

Nelle scorse settimane il ministro Delrio aveva illustrato le operazioni in corso nel paese per intraprendere un percorso di miglioramento della situazione complessiva della ciclabilità: “Per un Piano Nazionale occorre avere le stesse attenzioni che si ebbero negli anni ’50 per le auto: rendere più sicure le strade, dedicare infrastrutture specifiche e aree sosta alle bici, per realizzare servizi dedicati e di interscambio con altri mezzi di trasporto. Oltre alle infrastrutture urbane, stiamo lavorando per sostenere una rete ciclabile nazionale per una mobilità cicloturistica”.

L’attenzione del Governo per la mobilità ciclistica, conferma il progetto, contenuto nel Decreto Cultura (decreto legge 31 maggio 2014, n.83, il provvedimento che mette al centro la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo) volto ad incentivare la realizzazione di percorsi pedonali, ciclabili e mototuristici, mediante la concessione in uso gratuito a imprese, cooperative e associazioni, di case cantoniere, caselli, stazioni ferroviarie o marittime, fortificazioni, fari e altri immobili pubblici inutilizzati. Va infatti ricordato che anche l’art. 11 del Decreto Cultura mette in campo una strategia per valorizzare i percorsi ciclabili (e non soltanto), affermando che “per  favorire  la realizzazione di percorsi pedonali,  ciclabili e mototuristici, le case cantoniere, i caselli e le stazioni ferroviarie o marittime, le fortificazioni e i fari, nonché ulteriori immobili  di  appartenenza pubblica non utilizzati o non utilizzabili a scopi istituzionali, possono essere concessi in uso  gratuito a imprese, cooperative  e associazioni, costituite in prevalenza da giovani fino a 35 anni, con oneri di manutenzione straordinaria a carico del  concessionario. Il termine di durata della concessione non può essere superiore a sette anni, salvo rinnovo”.

Per approfondire il tema allargando il raggio della discussione leggi anche l’articolo Mobilità sostenibile: la tecnologia c’è, ora è necessario gestirla.

La mobilità sostenibile in italiaSustainable mobility in Italy

La mobilità sostenibile in italiaSustainable mobility in Italy

Lorenzo Bertuccio, Emanuela Cafarelli, Marianna Rossetti, 2014, Maggioli Editore

Ampi spazi delle nostre città sono oggi dedicati e occupati dal transito e dal parcheggio delle automobili, mentre solo pochi spazi sono disponibili per i mezzi pubblici, le biciclette e i pedoni. In termini reali, ci troviamo di fronte ad una diminuzione della libertà...

15,00 € 13,50 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Dal web


Dal web

Gli Speciali

1 COMMENTO

  1. Occhio che la mobilità sostenibile non si debba ottenere attraverso lavori di impatto poco sostenibile. Il caso più demenziale è il progetto di riesumare i navigli a Milano buttando tutto all’aria e fare una via d’acqua da Locarno a Venezia, magari continuando a starnazzare contro il corridoio Lisbona-Kiev.
    Dio non gioca a dadi, ma molti pianificatori giocano colo lego sentendosi Dio.

Scrivi un commento